Friday Foster > Arthur Marks

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Friday Foster, ex modella e ora fotografa per un giornale, è testimone involontaria dell’omicidio di Blake Tarr, l’uomo di colore più ricco d’America, al Los Angeles International Airport . Non è che il primo episodio di una cospirazione che mira a uccidere altri eminenti personalità della comunità afro-americana.

Tratto dall’omonimo fumetto (1) e film decisamente sottovalutato, anche a causa dell’aspetto troppo televisivo e della povertà della produzione (che non manca talvolta di spacciare Los Angeles come Washington), Friday Foster è il classico film che vede l’involontaria testimone di un crimine (fotografato) trasformarsi in bersaglio.
Ad arricchire il film, un cast composito e prstigioso che comprende Yaphet Kotto, fidanzato di Friday, Eartha Kitt nel ruolo di una stilista di moda, Carl Weathers, Scatman Crothers. Ted Lange (l’Isaac di The Love Boat) e Talmus Rasusala, sui quali spicca Pam Grier, mai così bella, in uno tra i suoi ruoli migliori.
Diretto da Arthur Marks, già responsabile del mediocre Bucktown.

Roberto Rippa

Note

(1)

Il fumetto, creato da Jim Lawrence (disegnatore) e Jorge Longeron e pubblicato per meno di cinque anni – a partire dal 1970 – dal Chicago Tribune, è stato il primo fumetto americano ad avere come personaggio principale una persona di colore.

il fumetto di Jim Lawrence e Jorge Longeron

Friday Foster (USA, 1975)
Regia e soggetto: Arthur Marks
Sceneggiatura: Orville H. Hampton (dal fumetto omonimo di Jim Lawrence e Jorge Longeron)
Musiche: Luchi De Jesus
Fotografia: Harry May
Montaggio: Stanley Frazen
Interpreti principali: Pam Grier, Yaphet Kotto, Godfrey Cambridge, Thalmus Rasusala, Eartha Kitt, Jim Backus, Scatman Crothers, Ted Lange
90′

Collegamenti

Il fumetto (Toonopedia)

DVD

Friday Foster

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+