I promessi sposi > Martina Parenti, Massimo D’Anolfi


Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Documento in chiave di commedia sul matrimonio in Italia realizzato filmando le coppie che si presentano agli ufficiali di stato civile per la promessa di matrimonio e quelle che seguono il corso preparatorio tenuto da un prete.
Girato in diverse città italiane, tra coppie straniere che stentano a capire la spesso complicata burocrazia italiana (una ragazza messicana spiega che nel suo Paese, essendo laico contrariamente all’Italia, un prete non può fungere da ufficiale dello stato civile) e italiani che spesso non hanno maggiore facilità, tra coppie curiose (il futuro marito che della promessa sposa non conosce nemmeno il lavoro), madri e suocere troppo presenti e un prete che sembra un personaggio inventato da Carlo Verdone prima maniera, che prima elenca lungamente ai frequentatori del suo corso gli scenari più pessimistici legati al matrimonio e poi discetta di corpi spugnosi cavernosi, orgasmo e necessità assoluta della penetrazione come atto finale e divino dell’atto sessuale, si consuma il rito dell’unione tra due anime.
Denso di ironia, rispettoso delle persone che mette in scena e dispensatore di continue risate, I promessi sposi non dimentica mai di fornire un ritratto fedele e anche amaro dell’istituzione più propagandata da certa politica come ultimo baluardo della nostra società.

Roberto Rippa

Gli autori

Massimo D’Anolfi, ha sceneggiato Angela e Mare nero di Roberta Torre. Ha quindi realizzato per Radiotre RAI il documentario La fuga. Il suo Si torna a casa-Appunti per un film è stato presentato al 21. Torino Film Festival. Ha scritto con Andrea Piva la sceneggiatura per un lungometraggio, Al di sotto del cuore, da realizzare come regista.
Martina Parenti è laureata in Storia e critica del cinema. Ha realizzato numerosi documentari, presentati a diversi festival, e alcuni programmi televisivi.

I promessi sposi (Italia, 2007)
Regia, sceneggiatura, fotografia, montaggio: Martina Parenti, Massimo D’Anolfi
Musica: Massimo Mariani
73′

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+