Il conto è chiuso > Stelvio Massi

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

TRAMA

Giunto dal sud per vendicare moglie e figlia uccisa, Marco Russo (Carlos Monzon) si fa ingaggiare nella banda del gangster Rico Manzetti (Luc Merenda) ma intanto fa il doppio gioco con la banda rivale capeggiata da Belmondo (Mario Brega). Con l’aiuto di un vecchio barbone filosofo (Giampiero Albertini) che vive in una roulotte in compagnia di una giovane ragazza cieca (Leonora Fani), il misterioso giustiziere tenta di regolare i conti cercando di annientare entrambe le organizzazioni criminali.

RECENSIONE

Western camuffato da poliziesco dall’esito abbastanza prevedibile e senza troppi colpi di scena ma la confezione non è affatto scadente perché Stelvio Massi sa sempre dove posizionare la camera e nelle scene d’azione è un autentico maestro. Luc Merenda convince nella parte del boss dandy e Mario Brega è un “onesto” malavitoso tutto casa e prostituzione. Quanto a Monzon poteva essere una decorosa icona del cinema poliziesco anni settanta, anche perché la sua faccia non ha nulla da invidiare a quella pietrificata di Harry Silva, ma dopo la sua partecipazione nel western El Macho nel 1977, del pugile attore si sono perse le tracce. In questo film non è poi così pessimo come si crederebbe e quando lo vediamo sgominare da solo due squadre di picchiatori, diventa a tratti esaltante.
Leonora Fani viene brutalmente violentata dai malavitosi al servizio di Rico Manzetti, ma fino a quel momento lo spettatore si chiede i motivi della sua presenza nella storia. Superbo come sempre l’indimenticato Giampiero Albertini, attore che nello stesso anno ha lavorato con Stelvio Massi nella realizzazione di Mark colpisce ancora.
Apprezzabile la musica con sonorità tipicamente sudamericane di Luis Enrique Bacalov. Sue le note che escono dal carillon che avvia i flashback del protagonista proprio come succede in Per qualche dollaro in più, secondo capitolo della trilogia del dollaro di Sergio Leone.


Il conto è chiuso

Censura: Vietato ai minori di anni 18
Anno: 1976
Durata: 91
Regia: Stelvio Massi
Sceneggiatura: Piero Regnoli (soggetto e sceneggiatura)
Interpreti: Carlos Monzon, Luc Merenda, Giampiero Albertini, Mario Brega, Nello Pazzafini, Leonora Fani
Fotografia: Franco Delli Colli
Musiche: Luis Enriquez Bacalov
Produzione: F.R.A.L.

DVD

Produzione: Alan Young Pictures
Distribuzione: Mondo Home Entertainment
Codice Area: 2
Visto Censura: Vietato ai minori di anni 18
Tipo DVD: 5 – Singolo lato, doppio strato
Audio: Italiano Doly Digital 5.1 e Mono
Sottotitoli: Italiano
Formato Video: 1.85:1 16/9 ottimizzato
Extra: Trailer Originale
Note: Qualità audio video abbastanza buoni. Peccato la mancanza di un documentario su Monzon.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+