Ugo Casiraghi | NazisKino, ebrei ed altri erranti

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Kuhle Wampe oder: Wem gehört die Welt? di Slatan Dudow (1932)

Ugo Casiraghi (a cura di Lorenzo Pellizzari)
Naziskino, ebrei ed altri erranti
Editore: Lindau
Pagine: 288
Anno: 2010
Prezzo: € 24,00
ISBN: 978-88-7180-873-4

Frutto di lunghe e appassionate ricerche e rimasto sinora inedito, questo libro è anzitutto un viaggio della memoria nelle pagine più oscure, dimenticate o rimosse della storia del cinema (del cinema e della storia) nel corso della prima metà del secolo scorso. È di scena il cinema tedesco, dall’Espressionismo degli anni ’20 alla straordinaria irruzione di Karl Valentin sino alla figura catartica di Slatan Dudow (quello di Kuhle Wampe). Al centro, naturalmente, la produzione nazista, con i suoi incubi e le sue aberrazioni, con i suoi «trionfi della volontà» nati dalle sinfonie degli orrori e a essi ritornati, che però si intreccia, quasi a contrappasso, con le vicende dei cineasti mitteleuropei costretti all’esilio o all’emigrazione verso Hollywood, e con le vicissitudini del cinema yiddish sia nell’Est europeo sia in terra americana. Conclude il quadro dedicato ai totalitarismi un’appendice sul cinema stalinista.

L’autore

Ugo Casiraghi (Milano 1921 – Gorizia 2006) è stato critico cinematografico del quotidiano «l’Unità» dal 1947 al 1977 e collaboratore della rivista croata in lingua italiana «Panorama» dal 1979 al 1999. Il suo primo libro è Umanità di Stroheim ed altri saggi (Poligono, 1945); l’ultimo, postumo e a cura di Lorenzo Pellizzari,Alfabetiere del cinema (Falsopiano, 2006).

[Fonte: www.lindau.it]

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+