Francesco Saverio Nisio | Manoel de Oliveira

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrEmail this to someonePrint this page

MANOEL DE OLIVEIRA
Cinema, parola, politica

di Francesco Saverio Nisio

 

Le Mani editore, 2010
352 pagine + inserto foto a colori
Isbn: 978-88-8012-544-0
Prezzo di copertina: € 18,00
Compra online (-20%)

 

Nato nel 1908 a Porto (Portogallo), città dove vive da sempre, Oliveira gira il primo film nel 1931, il muto "Douro Faina Fluvial" consacrato al lavoro dell’uomo e della donna sul fiume Douro. Nello stesso anno anche Vigo realizza la sua opera prima: Oliveira accompagna la storia del cinema come un’ombra e al contempo vi contribuisce – a volte la precede, aprendo nuove strade. Nel 1963, sotto la dittatura di Salazar alla quale ha opposto resistenza, è suo il primo film politico portoghese, "Acto da Primavera", due anni prima del "Vangelo" di Pasolini: la Passione secondo una tradizionale recita popolare, ricostruita esibendo gli artifici del cinema (i suoi «Misteri») nonché, nel finale, i disastri della guerra, la Passione in tutte le guerre. Oliveira tornerà spesso su temi storici, riflettendo in modo anche critico sulla mitologia politica portoghese: "NON ou a Vã Glória do Mandar" (1990), "Palavra e Utopia" (2000), "O Quinto Império (2005)".
Solo a sessantatre anni, con la dittatura in declino, prende avvio per lui una regolare carriera artistico-produttiva: i primi dieci anni vengono dedicati a quattro opere sulla relazione fra i sessi, girate in collaborazione con scrittori portoghesi quali Régio e la Bessa-Luís: "O Passado e o Presente" (1972), "Benilde ou a Virgem-Mãe" (1975), "Amor de Perdição Normal 0 14" (1978), "Francisca" (1981). L’ultimo è il film col quale è consacrato all’estero, la critica menziona Buñuel, Dreyer, Bresson, Straub: Oliveira è infine fra i suoi pari, il futuro mostrerà che in qualche caso ha anche fatto un passo in più. Il regista è ora invitato regolarmente ai principali festival inanellando un film all’anno, fino a Cannes 2010 con "O Estranho Caso de Angélica", progetto degli anni Cinquanta infine realizzato. Nel 1985 ha filmato "Le soulier de satin da Claudel", durata ore sette; è del 1991 una "Divina Comédia" collocata in una casa per alienati mentali; nel 2003 gira "Um Filme Falado", di ambientazione mediterranea e film-kamikaze – anche questa, a suo modo, una prima nella storia del cinema (politico). Ha diretto attori del calibro di Mastroianni, Deneuve, Malkovich, Piccoli, oltre ai conterranei Cintra e la splendida Leonor Silveira, «la miglior Bovary di tutti i tempi» in "Vale Abraão" (1993). Ha reso omaggio a Chaplin nella "Lisbon Story" di Wenders. Oggi, e da sempre, è il maggior regista portoghese nonché, insieme a Saramago, l’artista del suo paese più conosciuto all’estero. I suoi film soffrono il doppiaggio, il formato televisivo, la disattenzione dello sguardo: cinema da vedere col cuore e da ascoltare con la mente, un passo al di là di Kubrick…

Francesco Saverio Nisio vive a Bari ed è filosofo del diritto nell’Università di Foggia. Conosce le principali lingue europee e scrive di diritto, filosofia, sociologia & arte cinematografica su riviste italiane e straniere. Ha pubblicato volumi nei quali cinema e film sono ben presenti, come pure nella sua attività didattica: "La massa del diritto" (1994), "Comunità dello sguardo. Halbwachs, Sgalambro, Cordero" (2001), "Jean Carbonnier. Regards sur le droit et le non-droit" (2005, in italiano 2002). Ha curato stages con autori quali Anghelopoulos, Gitai, Emmer, Oliveira, Greenaway.

Fonte: http://www.lemanieditore.com

 

 

 





Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrEmail this to someonePrint this page