Interview with director Joonas Neuvonen (eng+ita)

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Il presente articolo è stato pubblicato su Rapporto Confidenziale numero28 (speciale 2010), pp. 73-77

all’interno di RC:speciale 63° Festival del film Locarno 4-14 | 8 | 2010

Joonas Neuvonen was born in 1979 in Rovaniemi, Finland. He has lived in Edinburgh, London and San Francisco where he studied photography. Back in Rovaniemi, he started filming the lives of his closest friends who fund their drug addiction through burglary and handling stolen goods. He went to Helsinki to study photography, graphics and documentary filmmaking and after five years editing, in 2010 he completed his first documentary, “Reindeerspotting – Escape from Santaland”.

Joonas Neuvonen nasce a Rovaniemi, in Finlandia, nel 1979. Vive tra Edimburgo, Londra e San Francisco, dove frequenta corsi di fotografia. Tornato nella sua città natale, comincia a filmare la vita dei suoi amici più stretti, che finanziano la loro tossicodipendenza con furti e altri atti di delinquenza. Si trasferisce a Helsinki per studiare fotografia, grafica e regia di film documentari. Dopo un lungo lavoro di montaggio, durato cinque anni, termina nel 2010 il suo documentario d’esordio, “Reindeerspotting – Escape from Santaland”.

Reindeerspotting – Escape from Santaland

Joonas Neuvonen

Finlandia – 2010 – Beta Digital – colore e b/n – 83′

Rapporto Confidenziale numero28 (speciale 2010), p. 72

ed in versione html sul sito di RC

Interview with director Joonas Neuvonen and editor Sadri Centinkaya about “Reindeerspotting – Escape from Santaland
by Roberto Rippa

Roberto Rippa: What happened when the film came out in Finland?

Joonas Neuvonen: They gave it an X rating. So that you cannot watch it if you’re under 18.

Roberto Rippa: This is the rating usually used for porn…

Joonas Neuvonen: Yeah, that’s right! They gave it the same rating as porn.

Sadri Cetinkaya: Drug movies are usually under 16.

Joonas Neuvonen: Yeah, “Trainspotting” was 16 but maybe they saw it as pornography of needles’ injection. There’s injection in the veins and then pleasure coming from that. So maybe they saw it as pornography.

Sadri Cetinkaya: Maybe they felt that Jani’s lifestyle was so inviting that people could have started using drugs themselves.

Roberto Rippa: Which is stupid because this never happens in cinema. Cinema is not a way to invite people to do things, otherwise we wouldn’t have films with killers…
We imagine Finland as a free spirited country. What happened in this case?

Joonas Neuvonen: The censorship department that rates films said: “Well, this is a drug-positive film. It depicts drugs use in a positive way”. And obviously the producers wanted the film to be seen by people under 18. Who goes to see movies? This is a huge audience so they were losing money because people 15 to 18 years old couldn’t see the film. So it’s a commercial thing. So they turned it around and said: “This is an educational film, you cannot take drugs”. That pissed us off because we wanted to tell an individual story, we didn’t want to make a film to say: “Look at this guys, this is where you’ll end up if you take drugs!”. It only deals with people who have drug-related problems. And this is a completely different thing from people using drugs not having drug-related problems. So the film doesn’t really tell anything about drugs in general, it’s a personal story that says that you cannot escape from your issues. Wherever you go, they are going to follow you. Changing yourself is a long and hard work if the need comes from inside.
I really hated when they were trying to make it an educational film that says: “No, don’t take drugs” and all this bullshit.

Roberto Rippa: When I’ve seen it I didn’t get this. There’s no positive attitudes towards drugs even if there’ s nothing against them. It’s just a personal story and that’s the way to see it. There’s no other way.

Joonas Neuvonen: Yeah, drugs are a sensitive subject in Finland. The 60’s never happened in Finland. The hippy thing never happened in Finland, so drugs have always been considered in a bad way. I mean, any drugs. And any drug user is seen in a really bad light, a negative light. So I wanted to show drug users in a human way, with all the different angles. Not only the good sides or the bad but as more tridimensional human beings.

Roberto Rippa: Which is the difficult part for a film. I heard that it took more than five years to shoot this film…

Joonas Neuvonen: The shooting part was really the easiest part of the process. I had my camera and I was part of the group I filmed. I was getting high myself and just filmed for months and months. 90% of the film was shot within 6 months. But then there wasn’t really a story, nothing was planned, everything was just happening. In some days, when I was high on speed I thought: “Ok, let’s make a TV series composed by 5 minutes episodes. I mean like YouTube. Some other days I was thinking about making a longer series. The reality changed a lot during the process. Basically I shot and shot and shot and then we started looking at the footage and there were hundreds and hundreds of hours of scenes and we started thinking with him (editor Sadri Cetinkaya) what kind of movie we could have done and it became clear that it was going to be a real movie. It wasn’t clear what kind of puzzle was the right one to make. It took a long time and then we didn’t have any funds of any kind. The organization that gave me the camera in the first place took it away when they saw what we were doing, saying: “You cannot show this kind of things”. Then the police confiscated some of the tapes and destroyed them. And they also thought that the cameras were stolen. So there were many problems. How can you get funds when you say: “Oh, I’ve got this idea” and you’ve got no education in filmmaking? You’ve got no credibility in delivering a real film. The financing system is based so much on being a professional and having an education. Actually I think, after this movie, they are changing the system to make financing possible for smaller projects, which is good.

Roberto Rippa: And the film was a commercial success in Finland, right?

Joonas Neuvonen: Yeah, it was really a groundbreaking success.

Roberto Rippa: How did people react to it?

Joonas Neuvonen: We’ve got so many different reactions…I saw the film for the first time here in Locarno, the whole film. We edited at the last minute before its release and after that, after working on it for so many years, I even didn’t wanna see it. So many people saw it like an anti-drug statement, like: “Look at these guys, look at the condition they’re in, just say no to drugs”.

Sadri Cetinkaya: People don’t wanna see beyond this kind of propaganda that was built around this subject. They just wanna see the politically correct reality of this. A production company wanted us to get involved with these anti-drugs organizations and we had to be really strict about not getting involved with them.

Joonas Neuvonen: I think that what influences the film are the ‘90s funny drug movies, comedy kind of things. It shows that side but also the reality of the world of drug addicts. There are many funny scenes but then again it’s not a funny movie.
It’s kind of a dark comedy. At least it has elements of dark comedy. It’s also against the films that shows drug using in a funny way, glorifying drug use.

Roberto Rippa: What was the reaction by the guys who appear in the film? Did they realize what could come from you filming them?

Joonas Neuvonen: No one of us expected the film to become so huge as it happened in Finland. They’ve all seen the film afterwards and they say they’re all happy with it. I really appreciated the really good sense of humour the guys have. I mean they’re fucked up and say stupid things and it’s something to admire how can they be so proud, so self-confident, not ashamed. When people laugh at themselves, that’s the best thing that can happen. I’m really amazed by their reaction to the movie. A couple of people didn’t like it because they changed their lifestyles so much like working as an accountant, having a proper profession, having children. They didn’t want to be seen so we had to cover their faces, and leave them out of the film. It’s understandable but also sad. It tells how the drug users are systematically driven out of the normal life. One of the aspects of the film is the loneliness of the main character and how there’s no connection between him and the real world. Normal life is a distant dream, a totally disillusional distant dream.

Roberto Rippa: When I saw the film I was curious about this aspect of the main character. He’s separated, lonely most of the time, but then his dreams are very conventional ones: a small house, a garden, a wife. Dreams that are very distant from his actual life.

Sadri Cetinkaya: Jani is a little alone in his own circle. That’s why he wants to get away from it. He has his dreams, in a way.

Joonas Neuvonen: It’s also that that circle doesn’t offer him what he needs and dreams. But there’s also this character, the one that takes the needles out of the trash can, his role in the movie is the one of a survivor of this culture but Jani is the kind of guy who cannot have a future in that culture, he cannot survive in that culture, he wants a chance. And this guy is the opposite from him. Maybe this character shows he’s stronger and he can handle this kind of harsh drug addict life.

Roberto Rippa: You got the Critics’ prize one hour ago. Could this change the idea about your film? I mean could it change the government idea about the film?

Joonas Neuvonen: We hope so, but realistically speaking I don’t think anything will change from their part. Maybe the journalists…

Roberto Rippa: Because you’re concerned about your film not being considered as a piece of cinema…

Joonas Neuvonen: Oh yeah, because this is the first occasion. It got good reviews in Finland and many people went to see the film but still I sense that this has to do with the topic. It could be all about this sense of pornography so maybe after this festival they will aknowledge it as a proper film. Cause we made a lot of work, we’ve been working years and years to make the best possible movie out of the footage.

Roberto Rippa: Do you think the film will have a distribution outside Finland?

Joonas Neuvonen: I guess there must be some interest from an international distribution company that has attended the festival but I don’t know how the industry works, this is all new to us.

Roberto Rippa: About the editing process: it’s a great part of the work for the film. How did you work on it?

Sadri Cetinkaya: The method was about trying to make it not so conscious. When I work on editing I try to find this kind of trance where I can feel the flow of the images. I tried to find this level of consciousness that may be transported to the film and to the audience. Of course, it would be hypocrite to be sober and straight while working in this kind of film, especially if you want to truly express what the material is giving.

Joonas Neuvonen: We wanted everybody in the working crew to try one shot of this drug. In people’s mind, when you do one shot it fucks up your life forever and, you know, this is a huge myth. And it’s even repeated by people who do drugs, who are addicted to them. So we wanted everybody to try it once and so everybody in the crew did, apart from the producer. Our plan was to put drugs in his drink while he was having this cocktail party with the Finnish ambassador. We wanted to put some Subutex in his drink but it never happened because they got away. The ambassador was avoiding us like a plague. Like the jury here, they had to deal with this moral issues.

Sadri Cetinkaya: They see it as immoral to give a prize to this kind of film.

Joonas Neuvonen: Yeah, this kind of film made by people who somehow even embrace drug use in interviews. We had to push the other side because Finnish press wrote that the film tells about how bad drug use is.

Roberto Rippa: It’s curious that the jury is embarassed. I mean the should judge it as a film…

Joonas Neuvonen: Exactly: they should judge the film, not the morals of the filmmakers. Of course you can say that Leni Riefenstahl made really good films and still totally disagreeing with the nazi thing. But still the films were good, they were part of cinematic arts so I think it’s a problematic issue…

Roberto Rippa: Is drugs the new taboo again, according to you?

Joonas Neuvonen: As I said, in Finland it’s always been a taboo…the ‘60s never happened and the ‘70s never happened so it’s been a taboo. Even pot smoking. Drug testing is getting harsher and the isolation is becoming harsher. Because they’re testing the people who work in cleaning jobs, the lowest jobs like working in supermarkets. They test people and if they find that they smoked weed in their own free time they would think: “Ok, this guys are drug users so let’s not give them a job”. And that isolates them from society. What harm could a cleaning lady do if she smokes a joint in her free time? No harm at all!
Of course I don’t want my pilot to take LSD while is flying my plane but this is a different issue. Now they’re forcing this control in all occupational areas and they make you undergo piss tests. You know, you can be a responsible person and use drugs in your personal time, whatever drug it is. I mean, beer is a dangerous drug for many people, like heroin. It’s so easy to considerate it as a common enemy for the populist politics. You know: “We should think about our kids…”. Nobody says you should give drugs to the kids…
Drugs are bringing so many good things to people: pleasure, creativity, a different view of the society…so many things! There is a destructive side of course, you have to akwnolodge it. If you deny the benefits of drug use, it just makes young people more interested.

Roberto Rippa: You are a photographer, right?

Joonas Neuvonen: Yeah, well that’s what I do as a hobby, that’s what I’ve been studying mostly.

Roberto Rippa: Do you think you’re going to work on another film?

Joonas Neuvonen: Yeah, definetely. I have a couple of projects lined up. They’ve been going on for several years, before this film was released. Actually I was hoping to make some other projects before this one. Something in a smaller scale.

Roberto Rippa: Sadri, were you involved in the project from the beginning?

Sadri Cetinkaya: We met before through a mutual friend but I became involved a couple of years later when he was looking for an editor. Basically he had this amount of material and had just started to put it together and he was going to India for one and a half years. So we started working together for a couple of months and I stayed in Finland to edit a first version. Then I went to India so he could say his opinion about what I had done. Then we started over again. We made probably 30 or 40 versions, different storylines, different characters. We were unable to use some characters in the film and so we had to change them. In all it took more than five years to pass from a raw state to a refined story, the actual story.
At the moment when the production company got involved, we were very close to the actual version. The last year and a half was spent refining and getting presentable enough to go to the theatres.

Roberto Rippa: What kind of changes did they ask for?

Sadri Cetinkaya: Well, they asked us to make many kind of changes but basically we didn’t do what they asked us. They asked to edit out some of the edgy stuff and they said that there were too many scenes with drug shootings. But we didn’t really take in account of what the production company asked. They also tried to make us put some commercial hip-hop in it because they had some connections or bullshit like this. But we presented them with version we were at peace with.

Locarno – August 14, 2010

Intervista con il regista Joonas Neuvonen e il montatore  Sadri Centinkaya su “Reindeerspotting – Escape from Santaland
di Roberto Rippa

Roberto Rippa: Cos’è accaduto all’uscita del film in Finlandia?

Joonas Neuvonen: Lo hanno categorizzato come film X, cosicché non potesse essere visto da persone sotto i 18 anni.

Roberto Rippa: Questa è la categoria usata abitualmente per il porno…

Joonas Neuvonen: Si, giusto! Gli hanno attribuito la stessa classificazione dei porno.

Sadri Centinkaya: I film sulla droga sono abitualmente vietati ai minori di 16 anni.

Joonas Neuvonen: Già, “Trainspotting” era vietato ai minori di 16 anni ma forse in questo hanno visto una sorta di pornografia della siringa. Ci sono iniezioni nelle vene e un piacere che ne deriva. Forse quindi l’hanno visto come pornografia.

Sadri Centinkaya: Forse hanno trovato che lo stile di vita di Jani (il protagonista del film) fosse tanto invitante che la gente avrebbe potuto a seguirlo.

Roberto Rippa: Il che sarebbe stupido dal momento che questo non accade mai nel cinema. Il cinema non ha il potere di invitare la gente a fare cose, altrimenti non ci sarebbero film con assassini protagonisti. Noi immaginiamo abitualmente la Finlandia come un Paese caratterizzato da uno spirito libero, cos’è accaduto in questo caso?

Joonas Neuvonen: Beh, il dipartimento della censura che classifica i film deve avere detto: “Questo è un film che mostra le droghe in chiave positiva”. Ovviamente i produttori avrebbero voluto che il film potesse essere visto dal pubblico sotto i 18 anni. Del resto, chi va a vedere i film? Si tratta di un pubblico enorme e quindi i produttori avrebbero perso soldi perché la gente tra i 15 anni e i 18 non avrebbe potuto vedere il film. Si tratta di una questione commerciale. Così hanno rivoltato la questione e hanno detto: “È un film educativo, non puoi assumere droghe”. Questo ci ha seccati perché la nostra intenzione era quella di raccontare la storia di un individuo, non abbiamo voluto fare un film per dire: “Guardate questi ragazzi, così è come finirete assumendo droghe!”. Ha a che fare solo con persone che hanno problemi legati alla droga e quindi non dice granché sulle droghe in generale. Si tratta di una storia personale che dice che non puoi fuggire dai tuoi problemi, che ovunque tu vada i tuoi problemi ti seguiranno. Cambiare se stessi è un lavoro lungo e duro se la necessità di farlo viene da dentro.
Ho veramente odiato il momento in cui tentavano di spacciarlo per un film educativo che dicesse: “No, non assumere droghe” e tutte queste cazzate.

Roberto Rippa: Quando ho visto il film, non l’ho recepito così. Il film non presenta una visione positiva delle droghe ma nemmeno una negativa. È solo una storia personale e questo è l’unica chiave per vedere il film. Non ce n’è un’altra.

Joonas Neuvonen: Si. Il discorso relativo alle droghe è molto delicato in Finlandia. Gli anni ’60 non sono mai arrivati in Finlandia. Il movimento hippy non è mai arrivato in Finlandia e quindi le droghe sono sempre state considerate in modo negativo. Ogni tipo di droga, intendo. E anche ogni consumatore è visto in chiave negativa. Quindi ho voluto mostrare i consumatori di droghe in modo umano, da tutte le angolazioni possibili. Non solo i lati negativi o quelli positivi, ma come esseri umani tridimensionali.

Roberto Rippa: E questa è la parte difficile per un film. Ho sentito che sono stati necessari più di cinque anni per girare il film.

Joonas Neuvonen: Girarlo è stata la parte più semplice del processo. Avevo la mia videocamera ed ero parte del gruppo che filmavo. Mi drogavo anch’io e ho filmato per mesi e mesi. Il 90% del film è stato girato in sei mesi, ma non c’era una storia vera e propria. Nulla era pianificato, tutto accadeva semplicemente. In certi giorni, quando ero sotto anfetamine pensavo: “Bene, facciamone una serie televisiva composta di episodi dalla durata di cinque minuti”. Come per YouTube, voglio dire. In altri giorni pensavo di fare una serie più lunga. La realtà è cambiata molto nel corso del processo. Praticamente, ho filmato, filmato e filmato, e poi ci siamo messi a guardare il girato e c’erano centinaia e centinaia di ore. Quindi ci siamo messi a pensare io e lui (il montatore Sadri Cetinkaya) su che tipo di film avremmo potuto fare. Ed è stato chiaro che sarebbe stato un vero film. Non ci era chiaro che tipo di puzzle sarebbe stato quello giusto fare. Il lavoro ci ha preso molto tempo e non avevamo fondi di alcun tipo. L’organizzazione che mi aveva dato le videocamere all’inizio me le ha tolte appena ha visto cosa stavo facendo, dicendo: “Non puoi mostrare questo genere di cose”. Poi la polizia mi ha sequestrato alcuni nastri e li ha distrutti. Hanno anche pensato che le videocamere fossero frutto di furti. Quindi abbiamo avuto parecchi problemi. Come puoi ottenere finanziamenti quando l’unica cosa che hai è un’idea, ma non hai una formazione legata al cinema? Il sistema di finanziamento si basa fortemente sull’essere professionisti e avere alle spalle un’istruzione. Ora, dopo questo film, stanno cambiando il sistema per rendere possibile il finanziamento a piccoli progetti. E questa è una buona cosa.

Roberto Rippa: Il film è stato un successo commerciale in Finlandia, vero?

Joonas Neuvonen: Si, è stato davvero un successo enorme.

Roberto Rippa: Come ha reagito il pubblico al film?

Joonas Neuvonen: Abbiamo ottenuto così tante reazioni diverse… Ho visto il film qui a Locarno per la prima volta. L’intero film, intendo. Lo abbiamo montato all’ultimo momento prima della sua uscita e, dopo averci lavorato per così tanti anni, non avevo nemmeno voglia di vederlo. Molta gente lo ha inteso come una dichiarazione contro la droga, come se dicesse: “Guardate questi ragazzi, in che condizioni si trovano. Dite no alla droga!”

Sadri Centinkaya: La gente non vuole andare oltre questo tipo di propaganda costruita intorno all’argomento. Vogliono solo vedere una realtà politicamente corretta. La produzione voleva coinvolgerci in alcune organizzazioni contro la droga e abbiamo dovuto essere molto fermi nel non essere coinvolti.

Joonas Neuvonen: Credo che la principale influenza del film sia costituita dalle commedie degli anni ’90 sulle droghe. Mostra quell’aspetto ma anche la realtà sul mondo dei consumatori. Ci sono molte scene divertenti ma, infine, non è un film divertente.
È una sorta di commedia nera. Almeno, ne possiede gli elementi. È anche contro quei film che mostrano l’uso di droga in modo divertente, glorificandone l’uso.

Roberto Rippa: Qual è stata la reazione delle persone che appaiono nel film? Hanno realizzato cosa sarebbe potuto uscire da ciò che stavi filmando?

Joonas Neuvonen: Nessuno tra noi si sarebbe mai aspettato che il film potesse incontrare il successo che ha avuto in Finlandia. Tutti loro hanno visto il film e si sono detti soddisfatti.
Ho veramente apprezzato il senso dell’umorismo che hanno dimostrato. Voglio dire: sono messi male e dicono cose stupide e c’è da ammirare quanto sono orgogliosi e sicuri di sé, per nulla imbarazzati. Quando le persone riescono a ridere di se stesse è la cosa migliore che possa capitare. Sono davvero ammirato dalla loro reazione. Un paio di persone non hanno voluto apparire nel film perché nel frattempo avevano cambiato stile di vita, lavorando come contabili, avendo una professione, avendo avuto figli. Non hanno voluto apparire e quindi abbiamo dovuto nascondere i loro volti o eliminarli al montaggio. È comprensibile, ma anche triste. Spiega come i consumatori di droghe siano sistematicamente messi ai confini della vita normale. Uno degli aspetti del film è la solitudine del personaggio principale e l’assenza di connessione tra lui e il mondo reale. Quello di una vita normale è un sogno distante, l’isolamento si è fatto così netto.

Roberto Rippa: Quando ho visto il film, questo aspetto del personaggio principale mi ha incuriosito. È solo, isolato, per gran parte del tempo, ma i suoi sogni sono molto convenzionali: una casetta, un giardinetto, una moglie. Sogni molto distanti dalla sua vita reale.

Sadri Centinkaya: Jani è un po’ solo anche nella sua cerchia. Ecco perché se ne allontana. Ha i suoi sogni, in un certo senso.

Joonas Neuvonen: Quella cerchia non gli offre ciò di cui ha bisogno e che desidera. Ma c’è anche un altro personaggio, quello che tira fuori gli aghi dalla spazzatura. Il suo ruolo è quello di un sopravvissuto di questa cultura. Ma Jani è quel tipo di persona che non può avere futuro in quella cultura, non può sopravvivere, vuole una possibilità. E l’altro ragazzo è al suo opposto. Forse il suo personaggio mostra di essere più forte e di poter sopravvivere in quel duro mondo da tossicodipendente.

Roberto Rippa: Hai ricevuto il premio della critica appena un’ora fa. Questo potrebbe cambiare la percezione del tuo film in Finlandia, magari al governo?

Joonas Neuvonen: Lo speriamo, ma parlando realisticamente non penso che qualcosa possa cambiare dalla loro parte. Forse i giornalisti…

Roberto Rippa: Già, perché ho sentito che sei preoccupato che il film non venga considerato come cinema…

Joonas Neuvonen: Oh sì, perché questa è la prima occasione in questo senso. Ha ottenuto buone recensioni in Finlandia e molta gente è andata a vederlo, ma ho ancora l’impressione che questo abbia a che fare con il tema che tratta. Potrebbe avere a che fare con questo senso della pornografia e quindi, magari, dopo il Festival lo riconosceranno come un film vero e proprio. Perché ci abbiamo lavorato molto, anni e anni per trarre dal girato il miglior film possibile.

Roberto Rippa: Pensi che il film troverà una distribuzione al di fuori della Finlandia?

Joonas Neuvonen: Credo ci sia un interesse da parte di una compagnia di distribuzione internazionale che era presente al Festival ma non so come l’industria funzioni. Questo è tutto nuovo per me.

Roberto Rippa: A proposito del montaggio: è una parte fondamentale del film. Come ci avete lavorato?

Sadri Centinkaya: Il metodo ha riguardato il tentare di renderlo poco consapevole. Quando ho lavorato al montaggio, ho cercato di trovare quello stato di “trance” in cui puoi sentire il flusso delle immagini. Ovviamente, sarebbe ipocrita essere sobri e puliti mentre si lavora a un film di questo genere, soprattutto se vuoi esprimere davvero ciò che il materiale offre.

Joonas Neuvonen: Abbiamo voluto che tutta la troupe provasse a iniettarsi una volta questa droga. Nella mente della gente, quando ti inietti una sostanza una volta, la tua vita è fottuta per sempre. Questo è un mito. Ed è un mito diffuso anche da coloro che si bucano, che sono dipendenti. Così abbiamo voluto che tutti provassero una volta e tutti l’hanno fatto, eccezione fatta per il produttore. Quindi il nostro piano era quello di mettere la droga nel suo cocktail mentre era a un ricevimento con l’amabasciatore finladese. Volevamo mettergli un po’ di Subutex nel bicchiere ma non ci siamo riusciti perché si sono allontanati. L’ambasciatore ci evitava come la peste. Come la giuria qui, che ha dovuto avere a che fare con questo problema morale. Parte della giuria ha detto: “Non si tratta di una posizione moralista”.

Sadri Centinkaya: Vedono come se fosse immorale dare un premio a un film come questo.

Joonas Neuvonen: Già, un film come questo fatto da persone che in qualche modo sostengono l’uso di droga nelle interviste. Abbiamo dovuto spingere in questo senso perché la stampa finlandese ha scritto che il film racconta di come l’uso di droghe sia negativo.

Roberto Rippa: È curioso che la giuria fosse imbarazzata dal film. Insomma, avrebbe dovuto giudicarlo in quanto tale, non condividerne il contenuto.

Joonas Neuvonen: Esattamente. Dovrebbero giudicare il film, non la condotta morale dei registi. Ovviamente puoi dire che Leni Riefenstahl ha girato film davvero belli. Puoi essere in totale disaccordo con la questione nazista, ma comunque i suoi film erano belli, sono esempi di arte cinematografica. Penso si tratti di un tema problematico.

Roberto Rippa: La droga è tornata nuovamente ad essere un tabù, secondo voi?

Joonas Neuvonen: Come dicevo, in Finlandia è sempre stata un tabù. Gli anni ’60 non sono mai arrivati in Finlandia. Nemmeno i ’70. Quindi è sempre stato un tabù. Anche fumare canne. Il sottoporre le persone a test che rivelino la presenza di droga si sta facendo sempre più frequente. L’isolamento è sempre più duro. Questo perché sottopongono ai test il personale di pulizia, coloro che si trovano in basso alla catena del lavoro, come coloro che lavorano nei supermercati. Sottopongono le persone ai test e se scoprono che uno ha fumato erba nel suo tempo libero dicono: “Ok, questi sono drogati, non diamo loro il lavoro”. E questo li isola dalla società. Quale pericolo potrebbe costituire una donna addetta alle pulizie che fuma una canna nel suo tempo libero? Nessuno!
Ovviamente non vorrei che il pilota dell’aereo su cui mi trovo assumesse LSD… ma questo è un altro discorso. Ora stanno spingendo questi controlli in tutte le aree di occupazione e ti fanno il test dell’urina. Sai, puoi essere una persona responsabile e assumere sostanze nel tuo tempo libero. Qualsiasi droga. Voglio dire, la birra è una droga pericolosa per molta gente, non meno dell’eroina. È così facile considerare la droga come un nemico comune per la politica populista. “Dobbiamo pensare ai nostri bambini”. Come se qualcuno avesse mai detto che bisogna dare droga ai bambini.
Le droghe offrono molte buone cose alla gente: piacere, creatività, una visione diversa della società… molte cose. C’è anche un aspetto distruttivo, certo, va riconosciuto. Ma negare i benefici delle droghe renderà i ragazzi più curiosi.

Roberto Rippa: Tu sei un fotografo, giusto?

Joonas Neuvonen: Si. Almeno, questo è ciò che faccio come hobby. Questo è ciò che ho studiato.

Roberto Rippa: Pensi di iniziare a lavorare a un altro film?

Joonas Neuvonen: Si, assolutamente. Ho un paio di progetti che vanno avanti da anni, da prima che questo film fosse terminato. A dire il vero, speravo di realizzare altri progetti prima di questo. Qualcosa di più piccolo.

Roberto Rippa: Sadri, sei stato coinvolto nel progetto sin dall’inizio?

Sadri Centinkaya: Ci siamo incontrati attraverso un comune amico ma sono stato coinvolto nel progetto un paio di anni dopo, quando Joonas cercava un montatore. Aveva questa quantità di materiale, aveva appena iniziato a metterlo insieme e stava partendo per l’India per un anno e mezzo. Quindi abbiamo iniziato a lavorare insieme per un paio di mesi e io mi sono fermato in Finlandia per montare una prima versione. Poi sono andato in India per avere la sua opinione su ciò che avevo fatto. Quindi abbiamo ricominciato da capo.
Abbiamo realizzato probabilmente 30 o 40 versioni con linee narrative differenti, personaggi differenti. Non abbiamo potuto mostrare alcuni personaggi nel film e quindi abbiamo dovuto apportare cambiamenti. In tutto sono stati necessari cinque anni per passare da una versione grezza a una ricercata, alla vera storia dietro alle immagini. Nel momento in cui è stata coinvolta la casa di produzione, eravamo già vicini alla versione attuale. L’ultimo anno e mezzo è stato speso nel rifinirlo per ottenere una versione sufficiente presentabile da poter essere mandata nelle sale.

Roberto Rippa: Quale tipo di modifiche hanno chiesto?

Sadri Centinkaya: Ce ne hanno chieste molte e di diverso tipo, ma fondamentalmente non abbiamo fatto ciò che ci è stato chiesto. Ci hanno chiesto di eliminare le parti più ardite, hanno detto che c’erano troppe scene in cui si vedeva gente bucarsi. Ma non abbiamo davvero preso in considerazione ciò che la produzione ci chiedeva. Hanno anche provato a farci inserire nel film dell’hip hop commerciale perché avevano qualche connessione… cazzate di questo genere. Ma alla fine abbiamo presentato loro la versione con cui noi stessi ci sentivamo più in pace.

Locarno – 14 Agosto 2010 ///  traduzione a cura di RR

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+