Azuloscurocasinegro > Daniel Sánchez Arévalo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Jorge lavora come portiere, lavoro ereditato dal padre affetto da demenza senile che deve accudire, suo fratello Antonio conosce in prigione una donna che vorrebbe mettere incinta perché possa essere trasferita nella sezione maternità e non subire più angherie da parte delle compagne, Israel, che ama farsi chiamare Sean in quanto assomiglia a Sean Penn, fotografa gli incontri omosessuali del padre e dubita della sua stessa sessualità.In questo film tutti cercano un destino migliore ma per trovarlo dovranno conoscere i loro limiti e trasformarli in punti di forza.Il regista osserva i suoi personaggi con affetto, e robuste dosi di ironia, nei loro difficili cambiamenti. Ottimamente sceneggiato e diretto (la sceneggiatura è opera del regista stesso) e benissimo interpretato.Un piccolo gioiello di questa Mostra (sezione Giornate degli autori).

Azul oscuro casi negro (Spagna, 2006)
Regia, sceneggiatura: Daniel Sánchez Arévalo; Musiche: Pascal Gaigne; Fotografia: Juan Carlos Gómez; Montaggio: Nacho Ruiz Capillas; Interpreti principali: Quim Gutiérrez, Raúl Arévalo, Marta Etura, Antonio de la Torre, Héctor Colomé, Eva Pallarés; 35mm; 105′

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+