Die fetten Jahre sind vorbei (The Edukators) > Hans Weingartner

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+


Jule, studentessa berlinese, si trova gravemente indebitata dopo avere provocato un incidente con la limousine di un uomo d’affari.
Sfrattata dal suo appartamento, si trasferisce dal suo ragazzo Peter e scopre che questi, con il suo coinquilino Jan, è solito entrare in case di lusso in assenza dei loro proprietari non per rubare bensì per riarrangiare l’arredamento e poi andarsene dopo avere lasciato sui muri messaggi che firmano come Edukators.
Jule convince i due a penetrare nella casa del suo creditore.

Girato in video e illuminato non artificialmente, cosa che regala una piacevole immediatezza alle vicende narrate, Die fetten Jahre sind vorbei (che al di fuori dei Paesi germanofoni è uscito con il titolo The Edukators), mette in scena le vicende di tre persone dalle motivazioni distinte. Se i raid notturni di Peter e Jan sono improntati a una protesta anti-capitalista svolta penetrando in case di persone molto benestanti e riarrangiando il mobilio e gli oggetti preziosi senza creare danni ma lasciando scritti sui muri messaggi come quello del titolo (“gli anni delle vacche grasse sono finiti”), Jule, nel convincere i due a entrare nella casa del ricco uomo d’affari cui lei è debitrice a causa di un incidente da lei causato, è motivata dal desiderio di vendetta contro l’uomo che l’ha messa in serie difficoltà finanziarie. Il film cambia registro più volte e il regista si prende il tempo per costruire la storia includendo un triangolo amoroso che ha il compito di scatenare un conflitto all’interno del gruppetto (ed è la parte forse meno convincente della storia). Il film è in parte studio sull’attivismo in parte dramma con ostaggio nonché un tributo al valore dell’amicizia.
Ben costruito, con i suoi cambi di ritmo e con il suo non volere identificarsi con un unico genere, Die vetten Jahre sind vorbei è un film che tratta i temi in modo intelligente e onesto nell’evidenziare l’ingenuità che muove talvolta l’ideologia dei protagonisti.
Ottimo il trio di protagonisti comprendente Daniel Brühl (visto in Good Bye Lenin!, 2003, di Wolfgang Becker, 2 Days in Paris, 2007, di Julie Delpy e in The Bourne Ultimatum, 2007, di Paul Greengrass), Julia Jentsch (Der UntergangGli ultimi giorni di Hitler, 2004, di Oliver Hirschbiegel) e Stipe Erceg (Yugotrip, 2004, di Nadya Derado, per cui è stato premiato come migliore giovane attore al Max Ophüls Festival di Saarbrücken nel 2004).

Roberto Rippa

Presentato al Festival di Cannes, Die fetten Jahre sind vorbei ha ottenuto il premio Preise des Verbandes der Deutschen Filmkritik (attribuito anche a Julia Jentsch come migliore attrice) come miglior film.

Die fetten Jahre sind vorbei
(titolo internazionale: The Edukators, Austria-Germania, 2004)
Regia: Hans Weingartner
Sceneggiatura: Katharina Held, Hans Weingartner
Musiche: Andreas Wodraschke
Fotografia: Daniela Knapp, Matthias Schellenberg
Montaggio: Dirk Oetelshoven, Andreas Wodraschke
Interpreti principali: Daniel Brühl, Julia Jentsch, Stipe Erceg, Burghart Klaußner
127’

DVD

Etichetta: MGM
Origine: USA
Regione: 1
Formato video: The 1.85.1 anamorphic widescreen
Formato audio: Dolby Digital 5.1 Surround
Lingue: tedesco
Sottotitoli: inglese
Extra: –

The Edukators

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+