Laharog dvora > Tal Granit, Sharon Maymon

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrEmail this to someonePrint this page

Il presente articolo è stato pubblicato su Rapporto Confidenziale numero28 (speciale 2010), p. 47
all’interno di RC:speciale 63° Festival del film Locarno 4-14 | 8 | 2010

 

Canaan uccide un’ape. Oggi, non sarà l’unica cosa che ucciderà. Che cosa sareste disposti a fare per difendere il mondo che vi siete costruiti? Una riflessione tragicomica sulla vita, l’amicizia e il potere della paura.

È fulminante e geniale il cortometraggio di Tal Granit e Sharon Maymon. In soli sette minuti trascina lo spettatore in una spirale di violenza che produce vittime in maniera esponenziale – una carneficina del senso di colpa, un loop omicida.

Due amici vanno a caccia in un bosco, un’ape cerca di pungerli e dunque la uccidono, poi avvistano fra gli arbusti un grosso cinghiale, prendono la mira e fanno fuoco. Raggiunta la bestia agonizzante si accorgono che a poca distanza c’è il corpo esanime, con un colpo piantato in fronte, di un turista asiatico. I due hanno opinioni diverse su cosa fare: denunciare l’accaduto o occultare il cadavere? oppure più semplicemente fare finta di niente e proseguire oltre? Le loro considerazioni si debbono però scontrare con un inaspettato problema: qualche decina di metri più in là un amico del cadavere assiste pietrificato alla scena. Che fare? i due si accordano con uno sguardo d’intesa e subitanei eliminano lo scomodo e casuale testimone, con una scarica di fuoco delle loro carabine. Però pure questo secondo omicidio ha dei testimoni, e pure questi verranno eliminati, ma pure in questo caso ci sono dei testimoni , e pure questi verranno eliminati…

In questo corto israeliano si intravede il conflitto con la Palestina, una black (short) comedy sul continuo bagno di sangue a cui quella tormentata terra è chiamata ad assistere, introducendo il dubbio che anche il solo guardare possa essere considerato una colpa dai carnefici. L’eco politico non è il solo propagato da questo corto, volendo potrebbe considerarsi questa storia come metafora del “peccato” della visione, del guardare, dell’essere testimoni.

Considerazioni a parte, Granit e Maymon, realizzano un corto deflagrante e spassoso che strappa risate ed è al contempo in grado di mettere in scena un’idea folgorante.

 

 

Laharog dvora (To Kill a Bumblebee)
Israele – 2009 – 35mm – colore – 7′
Prima europea | Pardi di domani: Corti d’autore | 63° Festival del film Locarno
regia, sceneggiatura: Tal Granit, Sharon Maymon; montaggio: Assaf Lapid; fotografia: Ram Shweky; musiche: Boaz Schory; suono: Ronen Nagel; costumi: Yaara Zadok; dialoghi: Tal Granit, Sharon Maymon; interpreti: Dvir Benedeck, Rami Heuberger; produzione: Green productions, (Israele); paese: Israele; lingua: ebraico, tailandese; anno: 2009; durata: 7′

Tal Granit nasce a Tel Aviv nel 1969 e si diploma al Sam Spiegel. Insieme a Sharon Maymon scrive e dirige il cortometraggio “Mortgage” (2006), vincitore del Best Drama Award al Festival internazionale del film di Gerusalemme. Tal Granit partecipa al Berlinale Talent Campus 2005. Nel 2010 ottiene, sempre assieme a Sharon Maymon, l’Highlight Pitch Award del Talent Project Market della Berlinale per il film “My Sweet Euthanasia”, di prossima uscita.

Sharon Maymon nasce a Ramle nel 1973 e si diploma alla scuola di cinema Camera Obscura. Insieme a Tal Granit scrive e dirige il cortometraggio “Mortgage” (2006), vincitore del Best Drama Award al Festival internazionale del film di Gerusalemme. Nel 2010 ottiene, sempre assieme a Tal Granit, l’Highlight Pitch Award di Berlino per il film “My Sweet Euthanasia”. Sharon Maymon firma inoltre una regia a quattro mani con Erez Tadmor nel film “A Matter of Size”, mostrato in prima mondiale al Tribeca Film Festival 2009.
 

 

 





Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrEmail this to someonePrint this page