Het zusje van Katia > Mijke de Jong

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Trama

Una tredicenne vive insieme alla madre, immigrata russa, e alla sorella diciassettenne Katia, che esercita un grandce fascino sulla sorellina, tanto da far sì che si presenti regolarmente come “la sorella di Katia” anziché con il suo nome. La ragazza trascorre la sua adolescenza in una situazione difficile, tra giornate sempre uguali, una madre alcolizzata e la sorella ben decisa ad abbracciare un futuro rovinoso.

Commento

Non si può dire che l’adolescente sorella di Katia abbia un’esistenza facile. Nel momento in cui forma la sua personalità, non riesce a staccarsi dal modello, non esattamente edificante, della sorella maggiore. Non bastasse, sua madre è una prostituta alcolizzata e la stessa Katia, incapace di realazionarsi con gli uomini se non attraverso il sesso, inizia a lavorare come ballerina di Lap Dance e inizia a drogarsi. L’unica figura positiva nella sua vita è rappresentata da John Turner, predicatoore che le regala pagine da lui manoscritte della Bibbia. Il che è tutto dire. Nonostante tutto, la ragazzina sembra mantenere uno sguardo fiducioso e aperto sul mondo e sulle persone.

Mijie de Jong, già regista di Hartverscheurend (1993), Pardo d’oro a Locarno, si basa sull’omonimo romanzo dello spagnolo Andrés Barba per questo Het zusje van Katia. Il film traccia un ritratto di un’adolescente che tenta di trovare una sua identità in un mondo di cattivi esempi ma non riesce ad elevarsi da una confezione di maniera, causata anche dalla piattezza dei personaggi di contorno, spesso ridotti a meri stereotipi, in cui solo la ripetivitità dei gesti comunica li dramma della ragazza.

Roberto Rippa

Het zusje van Katia (Olanda, 2007)
Regia: Mijke de Jong
Sceneggiatura: Jan Eilander, Jolein Laarman
Musiche: Leo Anemaet
Fotografia: Ton Peters
Montaggio: Dorith Vinken
Interpreti prinicipali: Betty Qizmolli, Julia Seykens, Olga Louzgina
85′

Sezione: Competizione internazionale

Pubblicato su Rapporto confidenziale speciale 61. Festival del film di Locarno (settembre 2008)

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+