Il neige à Marrakech > Hicham Alhayat

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Tra i tanti validi cortometraggi presentati nella competizione svizzera della sezione Pardi di domani, spicca per ironia e gusto questa terza prova del regista e attore svizzero-marocchino Hicham Alhayat.
Un uomo anziano e, si suppone, giunto quasi alla fine del suo cammino vorrebbe coronare il suo sogno di sciare sulle alpi svizzere. L’impossibilità di realizzare l’aspirazione, convince il figlio a mettere in piedi una messinscena: accompagnato il padre, dopo averlo addormentato, in una località sciistica del Marocco, per convincerlo costruirà con la complicità della gente del posto un’ambientazione elvetica, completa di musica popolare, bandiere dei cantoni e una fondue dalla strana consistenza.
Lui, dal canto suo, mangia la foglia e quando il figlio spiega un paesaggio poco convincente come francese, dicendo che si trovano sulla frontiera, l’anziano trova subito un altro sogno da coronare: quello di vedere la Tour Eiffel. Per il figlio sarà l’inizio di una nuova, rocambolesca, avventura.
Ben diretto e ben scritto, Il neige à Marrakech condensa in pochi minuti una storia divertente, piena di trovate e di ritmo.

Roberto Rippa

Il neige à Marrakech (Svizzera, 2006)
Regia e sceneggiatura: Hicham Alhayat
Musiche: Abdessamad Miftah Elkheir
Fotografia: Pascal Montjovent
Montaggio: Julien Sulser, Laurent Nègre
Interpreti principali: Atmen Kelif, Abdeljabbar Louzir, Abdessamad Miftah Elkheir, Majdoline Drissi
15′

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+