J’ai toujours rêvé d’être un gangster > Samuel Benchetrit

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrEmail this to someonePrint this page

Trama

Quattro storie di piccoli criminali: un goffo e ingenuo rapinatore decide di alleggerire la cassa di una squallida caffetteria nei pressi di un’autostrada incontrando una cameriera che un paio di giorni prima ha avuto la stessa idea; due goffi sequestratori rapiscono un’adolescente proprio nel momento in cui sta tentando di suicidarsi; un cantante di scarso successo ruba una valigetta contenenti gli spartiti dei brani di un collega più fortunato; cinque rapinatori in pensione desiderano rivivere il brivido di un tempo.

Commento

Un manipolo di personaggi che sembrano tolti di peso da un film di Jarmusch che casualmente ruotano intorno a una non troppo frequentata caffetteria nei pressi di un altrettanto scarsamente frequentata autostrada francese.
Samuel Benchetrit è un apprezzato autore e regista teatrale e la sua esperienza con la scrittura è particolarmente evidente in quello che è il suo secondo lungometraggio (dopo Janis et John del 2003). I suoi personaggi, infatti, fanno poco (e quando fanno qualcosa gli esiti sono disastrosi) ma parlano tanto, rivelandosi nella loro profonda umanità.
Girato in bianco e nero, J’ai toujours rêvé d’être un gangster, rispettoso omaggio a vari generi del cinema, è un film intelligente e quasi sempre divertentissimo grazie a dialoghi esilaranti. Se il primo episodio ricorre anche alla commedia fisica nel mettere in scena quello che pare essere un incontro fortuito e fortunato, gli altri si basano essenzialmente su dialoghi estremamente brillanti che hanno il potere di dare vita ad alcuni tra i personaggi più umani che si siano visti sullo schermo da qualche tempo a questa parte.
Benchetrit affida i suoi personaggi ad attori di grande valore come Edouard Baer, il sempre straordinario Jean Rochefort, Alain Bashung, Jean-Pierre Kalfon, Sergi López, Laurent Terzieff, Venantino Venantini e a Anna Mouglalis che, nel ruolo di un’inconsapevole e a modo suo romantica dark lady, offre un’interpretazione convincente che la riscatta da quella offerta in Mare nero di Roberta Torre.
Il pubblico della piazza apprezza e applaude lungamente.

Roberto Rippa

J’ai toujours rêvé d’être un gangster (Francia, 2007)
Regia, soggetto e sceneggiatura: Samuel Benchetrit
Fotografia: Pierre Aïm
Montaggio: Sophie Reine
Interpreti principali: Arno, Alain Bashung, Roger Dumas, Selma El Mouissi, Jean-Pierre Kalfon, Bouli Lanners, Serge Larivière, Gérald Laroche, Sergi López, Anna Mouglalis, Jean Rochefort, Laurent Terzieff, Venantino Venantini
110′





Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrEmail this to someonePrint this page