Sangue – La morte non esiste > Libero De Rienzo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Stella è una giovane donna che crede di avere le idee molto chiare. Ha un obbiettivo e sa che lo raggiungerà: entrare nel mondo dei grandi dalla porta principale. Nelle sue tasche nasconde un segreto, il biglietto d’aereo che la porterà lontano. Lontano dal padre e dal dolore per la morte di sua madre. Stella è forte, intelligente, ambiziosa, bella, molto bella: Iuri le dice sempre che è “sconvolgente e definitiva”. Iuri è suo fratello maggiore. Ha passato metà della sua vita sui libri; l’altra metà a pensare a come rendere la sua vita degna di un libro. E’ intenso, generoso, completamente paranoico e ha un difficile rapporto con le autorità: professori, poliziotti, e in particolare suo padre. Iuri è completamente e dunque infelicemente innamorato di Stella. Solo quando stanno insieme, Iuri sente di appartenere al mondo, di avere un motivo valido per vivere. Il padre non sa nulla di loro. Iuri non sa nulla del progetto di Stella…

Opera prima che ha alcuni difetti delle opere prime poco sorvegliate ma anche molti, interessanti, pregi: primo tra tutti quello di distaccarsi da strade troppo battute dal cinema italiano della nuova generazione e, secondo, quello di iniettare robuste dosi di ironia in una vicenda che, sulla carta, parrebbe mortifera e sullo schermo per nulla.
Da citare anche il fatto che il film non ha quella fotografia da fiction televisiva che ormai tanto cinema italiano pare avere adottato come standard.
Polizia futurista e violentissima (si citano i fatti del G7 di Genova), un rapporto che sfiora l’incesto tra sorella e fratello (che alleva zanzare offrendo loro il braccio per nutrirle) con un esilarante finale.
Ottima l’interpretazione di Elio Germano. Nel film compare anche, nel ruolo del padre, il vero padre del regista, il giornalista RAI Fiore De Rienzo.

Libero De Rienzo, che qui sceglie di occuparsi di tutto, sceneggiatura e montaggio compresi, avrebbe forse fatto meglio ad affidarsi ad un montatore capace di alleggerire il film di qualche lungaggine nella parte centrale.
Comunque, un esordio estremamente interessante.

Roberto Rippa


Sangue – la morte non esiste (Italia, 2005)
Regia, sceneggiatura e montaggio: Libero De Rienzo
Musiche: Giardini di Mirò
Fotografia: Francesco Di Giacomo
Interpreti principali: Elio Germano, Emanuela Barilozzi, Luca Lionello, Libero De Rienzo
104’

Sito ufficiale del film

DVD
Etichetta: Cecchi Gori
Origine: Italia
Regione: 2
Formato video: 2,35:1 – 16/9
Formato audio: Dolby Digital 5.1 e 2.0
Lingue: italiano
Sottotitoli: inglese e italiano per non udenti
Extra: trailer e spot, note di regia, note di produzione, filmografie

Il regista

Libero De Rienzo, attore premiato per il ruolo da non protagonista in Santa Maradona di Marco Ponti (in cui rubava la scena al protagonista Stefano Accorsi), ha lavorato con il regista anche in A/R – Andata + ritorno (2004). È stato diretto inoltre da Catherine Breillat in À ma soeur! (2001). Nel 2003 ha partecipato all’evento «Shooting Stars» organizzato dall’EFP (European Film Promotion) per promuovere i più brillanti talenti del cinema europeo.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+