In 3 Tagen Bist Du Tot 2 > Andreas Prochaska

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Trama

A un anno dalla tragica scomparsa dei suoi amici, massacrati da un pericoloso assassino qualche giorno prima del conseguimento della maturità, Nina tenta di dimenticare il passato.
Trasferitasi in un’altra città senza lasciare un recapito, una notte viene svegliata da una telefonata di Mona, altra superstite della strage, che la supplica di accorrere in suo aiuto.
È l’inizio di un nuovo incubo.

Commento

Dell’horror, come del maiale, non si butta via nulla e quindi, se il primo capitolo (In 3 Tagen Bist Du Tot, 2006) era debitore a Friday the 13th (a sua volta fortemente ispirato a Reazione a catena – alias Ecologia del delitto – di Mario Bava, girato nel 1971, ossia 9 anni prima dell’americano), questo secondo capitolo ha alcuni punti in comune con The Texas Chainsaw massacre (Non aprite quella porta, 1974) di Tobe Hooper con la sua famigliola inquietante, anche se non cannibale, e le nevi austriache a sostituire i dintorni di Austin, Texas.
Evidentemente montato in fretta e furia per seguire il successo del primo capitolo (grande successo nei Paesi germanofoni, a fronte di un costo stimato intorno ai 2’000’000 di Euro), In 3 Tagen Bist Du Tot 2 usa tutta la sua prima parte per stabilire una non troppo congruente premessa che lo leghi al primo capitolo e concentra violenza e tensione nella seconda.
Diretto in maniera approssimativa, fotografato come un episodio de “Il commissario Rex” (di cui Prochaska ha diretto alcuni episodi), sceneggiato con la mano sinistra e interpretato con i piedi, il film risulta infine abbastanza spaventoso, ma non per i giusti motivi.

Roberto Rippa

In 3 Tagen Bist Du Tot 2 (Austria, 2008)
Regia: Andreas Prochaska
Sceneggiatura: Agnes Pluch, Andreas Prochaska
Musiche: Matthias Weber
Fotografia: David Slama
Montaggio: Karin Hartusch
Interpreti principali: Sabrina Reiter, Andreas Kiendl, Anna Rot, Julia Rosa Stöckl
35mm
108′

Sezione Piazza Grande

Pubblicato su Rapporto confidenziale speciale 61. Festival del film di Locarno (settembre 2008)

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+