O capacete dourado > Jorge Cramez

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Trama

Jota è un adolescente inquieto, in costante lotta con tutto ciò che lo circonda: il padre, la scuola, gli amici e, soprattutto, a causa di un trauma che condiziona la sua esistenza, sé stesso.
Un giorno incontra fortuitamente Margarida e tra loro scoppia l’amore. Il padre di Margarida, insegnante di Jota, avversa però il loro rapporto.

Commento

Il regista Jorge Cramez dichiara di essersi ispirato a un fatto di cronaca avvenuto in Portogallo e riguardante due adolescenti che hanno scelto di impiccarsi per non sottostare al veto imposto dai genitori di continuare a frequentarsi.
Il casco dorato del titolo è quello che Jota, adolescente per nulla pacificato, indossa per buona parte del suo tempo, quando si dedica a quello che sembra essere il suo passatempo principale: le scorrazzate in moto. Colto nel passaggio dall’infanzia all’età adulta, Jota trova in Margarida, affetta da disordine alimentare, il suo altrettanto inquieto doppio. Il loro amore viene osteggiato dal padre di lei, che li costringe a trovare una via di fuga.
Cramez sceglie, nel realizzare il suo particolare Romeo e Giulietta (modello dichiarato), di evitare il tragico finale e di realizzare una fotografia di un momento particolare nella vita di due giovani anime in pena. Peccato però che per farlo abdichi a qualsiasi approfondimento scegliendo di immergere i due personaggi in situazioni estetiche nemmeno originali e totalmente fini a sé stesse, ricorrendo a lunghe sequenze prive di dialogo accompagnate da musica che nulla ha che fare con l’epoca vissuta dai due. A un certo punto, quando ormai i personaggi vagano nel nulla del film già da un po’, affida a un cinematograficamente ingenuo colpo di scena (la scoperta che Jota soffre di un opprimente senso di colpa per avere causato la morte della madre in un incidente stradale mentre con gli amici si dedica a pericolosi giochi con la moto) la spiegazione dei tormenti del personaggio.
Il film appare ben poco riuscito, a tratti addirittura molesto, e le scelte estetiche non troppo ardite per far vivere il film unicamente della loro luce.

Roberto Rippa

O capacete dourado (Portogallo, 2007)
Regia: Jorge Cramez
Sceneggiatura: Carlos Mota, Rui Catalão
Fotografia: Inês Carvalho
Montaggio: Jaime Freitas
Interpreti principali: Eduardo Frazão, Ana Moreira, Rogério Samora, Alexandre Pinto
83′

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+