Ladrones > Jaime Marques

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Trama

Nella metropolitana di Madrid, una donna lavora come borseggiatrice in compagnia del piccolo figlio Alex. Quando viene arrestata, Alex rimane solo. Dopo lunghi anni trascorsi in un centro di accoglienza, Alex si mette alla ricerca di sua madre, che non vede dal momento dell’arresto e tenta di reinserirsi nella società mediante un lavoro onesto. Non durerà a lungo, in quanto la sua vecchia attività rappresenta una forte tentazione.

Commento

Il giovane Alex, così come il Michel di Pickpocket di Robert Bresson (di cui vengono qui omaggiate le coreografie delle mani impegnate nell’alleggerire le altrui tasche), è un borseggiatore e, avendo accompagnato la madre nella sua attività sin da quando era bambino, è anche molto capace. In seguito all’arresto della madre, il piccolo Alex rimane solo e viene ospitato da un centro di accoglienza. Dieci anni dopo, Alex esce dal centro, inizia a lavorare come parrucchiere e si mette alla ricerca di sua madre, che non vede dal momento dell’arresto.
Trovare sua madre significa per Alex mettersi in contatto con un ambiguo ricettatore e, di conseguenza, tornare all’attività di un tempo, un po’ tentazione naturale per l’unico lavoro che davvero conosca bene, un po’ mezzo strumentale per giungere alla donna.
Sarà una discesa agli inferi, da condividere con una giovane studentessa, incontrata mentre sta rubando un CD, dapprima complice e quindi simbolo di pulizia morale e di possibilità di un riscatto che forse giunge quando ormai è troppo tardi.
Qualche minuto in meno avrebbe giovato e portato forse il regista a non cadere e indugiare nel melodramma, con lunghissime sequenze sottolineate da musica struggente, o in tentazioni da videoclip, in un film che una sua precisa forza drammatica già ce l’ha e che non avrebbe bisogno di mezzucci del genere.
Ottimi gli interpreti principali Juan José Ballesta e María Valverde.

Roberto Rippa

Ladrones (Spagna, 2007)
Regia: Jaime Narques
Sceneggiatura: Jaime Marques, Juan Ibáñez
Musiche: Federico Jusid
Fotografia: David Azcano
Montaggio: Ivan Aledo
Interpreti principali: Juan José Ballesta, María Valverde, María Ballesteros, Patrick Bauchau, Carlos Kaniowsky, Erik Probanza
101′

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+