Tag '61. Mostra d’arte cinematografica di Venezia'

10 anni di Stracult | Intervista a Luca Rea

  La versione integrale dell’intervista – a cura di Roberto Rippa e Alessio Galbiati – è pubblicata in Rapporto Confidenziale numero29 (novembre 2010), pagg. 18-23 | ed in coda al presente video.     COME RIVALUTAMMO IL CINEMA ITALIANO. 10 ANNI DI STRACULT RACCONTATI DA LUCA REA. a cura di Roberto Rippa e Alessio Galbiati   Il programma televisivo di

Melancholian 3 huonetta > Pirjio Honkasalo

Film-documento che mostra la guerra senza regole né pietà in atto in Cecenia. Il film si divide tra tre spazi («le tre stanze della malinconia» del titolo): nell’isola di Kronstadt, di fronte a San Pietroburgo, c’è un’accademia militare (voluta da Putin ma qualcuno se ne sorprende?) per orfani dove viene insegnato l’odio per il nemico ceceno, a Grozny i bambini,

Le grand voyage > Ismaël Ferroukhi

Marsiglia: un ragazzo arabo totalmente “occidentalizzato” e musulmano non praticante viene costretto dal padre ad accompagnarlo da Aix-en-Provence alla Mecca in un viaggio in automobile di più di cinquemila chilometri. Attraverso Italia, Slovenia, Croazia, Bulgaria, Siria e Giordania, il lungo viaggio permetterà loro di accorciare le distanze più che tra i luoghi tra loro stessi.   Quando il giovane Reda,

Un mundo menos peor > Alejandro Agresti

Una donna scopre che il marito, creduto morto da più di vent’anni, vive in un piccolo villaggio turistico nel sud dell’Argentina ai confini con la Patagonia. Si mette quindi in viaggio con le due figlie con l’intenzione di incontrarlo. Chi aveva già avuto modo di apprezzare Valentìn (2002, premiato dall’associazione dei critici argentini), sa con quanta tenerezza e malinconia il

Tout un hiver sans feu > Greg Zglinski

Trama Jean e Laure hanno perso la figlia di cinque anni nel rogo della loro stalla nel Canton Giura. Le loro vite sono distrutte: lui medita di abbandonare l’alpeggio in cui lavora e lei, debilitata nella psiche e nel fisico, viene necessariamente ricoverata in una clinica per riprendersi. La loro unione è messa a durissima prova dalla di lei sorella,

Una de dos > Alejo Taube

Un giovane chiamato «il biondo», che traffica in denaro falso, torna al suo paese da Buenos Aires proprio nei giorni più caldi della grande crisi del 2001. L’economia del Paese è allo sbando, con i «padroni» che abbandonano le fabbriche, i risparmi di una vita bloccati nelle banche e i commercianti che non possono più fare credito ai loro clienti.

Predmestje > Vinko Möderndorfer

Un gruppo di cinquantenni e oltre, che si ritrovano regolarmente nella sala bowling della cittadina in cui vivono, peraltro senza mai giocare, passano il loro tempo bevendo e parlando di nulla, mostrandoci le loro vite fatte di solitudine e squallore. All’apparenza innocui, diventeranno pericolosi quando una giovane coppia straniera diventerà dirimpettaia di uno di loro. È proprio il confronto con

Confituur > Lieven Debrauwer

Tuur, il calzolaio di un piccolo centro belga, è sposato da cinquant’anni con Emma, con cui festeggia all’inizio del film proprio l’anniversario di matrimonio. La coppia vive con Gerda, la sorella invalida di lui. Poco entusiasta dei festeggiamenti organizzati per l’anniversario dalla moglie, Tuur se ne va di casa e si trasferisce dall’altra sorella, Josée, che gestisce un cabaret con