Tag 'American International Pictures'

Slaughter’s Big Rip-Off > Gordon Douglas

Slaughter’s Big Rip-Off (Un duro al servizio della polizia) Regia di Gordon Douglas (USA/1973) recensione a cura di Leonardo Persia Slaughter’s Big Rip-Off estende la blackness del primo Slaughter, ora non più concentrata (quasi) esclusivamente sul personaggio principale. Ci sono Marcia (Gloria Hendry), la fidanzata del protagonista (che non gli impedisce le solite avventure con le donne bianche), l’amico Warren

Slaughter > Jack Starrett

Slaughter (Slaughter uomo mitra) Regia di Jack Starrett (USA/1972) recensione a cura di Leonardo Persia Darius James considera Slaughter di Jack Starrett «il primo, vero film mondiale della blaxploitation». Un «James Bond economy class… che non mostra nessun’altra aspirazione, a parte quella di replicare la formula dei suoi predecessori commerciali». Le intenzioni puramente di mercato, sulla scia nera delle nuove

Blacula > William Crain

Dracula: You shall pay, black prince. I shall place a curse of suffering on you that will doom you to a living hell. I curse you with my name. You shall be… Blacula! 1780: il Principe Mamuwalde, capo della tribù africana Ebony e impegnato nel tentativo di fare cessare lo schiavismo, si reca con sua moglie Luva in Transilvania per

The Abominable Dr. Phibes > Robert Fuest

Un “Mad Doctor” commette elaborati omicidi, vittime i dottori che, tempo addietro, non riuscirono a salvare sua moglie. Ho visto questo film alcuni mesi prima di aprire “Cinema de merde”, il mio sito, e l’ho amato molto. Poi, alcune settimane fa, sono stato preso dalla smania di possederlo in DVD e ho trovato il tempo per guardarlo con il mio

The Masque of the Red Death (La maschera della morte rossa) > Roger Corman

XXII secolo: il principe satanista Prospero, dopo avere messo a fuoco il villaggio di Cartania avendo scoperto che uno dei suoi abitanti ha contratto una terribile piaga, la morte rossa appunto, invita alcune persone presso il suo castello perché possano proteggersi dall’incombente pericolo di un’epidemia. Nel corso di una festa da lui organizzata, un misterioso personaggio completamente vestito di rosso

The Premature Burial > Roger Corman

Guy Carrell vive nell’ossessione di venire sepolto vivo. In un momento di apparente normalità, sposa Emily ma presto torna a soccombere alla sua fobia, arrivando a farsi costruire una bara che, nelle sue intenzioni, dovrebbe impedire che si avveri ciò che lui paventa. Per dimostrare di essere guarito dalla sua ossessione, Guy decide di far disseppellire il corpo di suo

The Little Girl Who Lives Down the Lane > Nicolas Gessner

Trama Rynn Jacobs è una tredicenne che vive in una casa isolata sulla costa canadese affittata con suo padre. La ragazza è oggetto di curiosità da parte di alcune persone del luogo convinte che, non vedendo mai il padre, stia nascondendo qualcosa. Commento (attenzione, il testo che segue contiene elementi rivelatori della trama e del finale del film) È curioso

Heavy Traffic > Ralph Bakshi

Trama Vita quotidiana di Michael Corleone, ventiduenne fumettista sessualmente frustrato, figlio di un mafioso e di una psicopatica, in una New York violenta e oscura. Commento Ralph Bakshi realizza Heavy Traffic nel 1973, ossia immediatamente dopo il successo di Fritz the Cat, il primo film d’animazione a venire classificato negli Stati Uniti come X, ossia alla stregua di un film

Cooley High > Michael Schultz

  A metà degli anni ’60, due compagni di scuola che vivono a Chicago si apprestano a terminare il liceo tra feste e amici quando l’incontro con due criminali cambia drammaticamente le loro vite. Eric Monte, autore televisivo, già creatore della serie Good Times e, nel 1976, di What’s Happening!! (che trae ispirazione proprio da questo film), scrive il soggetto e la

speciale BLAXPLOITATION

speciale BLAXPLOITATION

  Blaxploitation – Una breve introduzione di Roberto Rippa Il genere denominato Blaxploitation, nato e proliferato negli Stati Uniti nella prima metà degli anni ’70 e reso visibile al mondo grazie soprattutto a pellicole come Shaft (Gordon Parks, 1971) e Super Fly (Gordon Parks Junior, suo figlio, 1972), caratterizzava pellicole a basso costo, fortemente di genere, i cui personaggi principali,