Tag 'Bérénice Bejo'

Fai bei sogni > Marco Bellocchio

Fai bei sogni > Marco Bellocchio

Se si dovesse entrare in sala senza sapere che si tratta di un film di Bellocchio, lo si capirebbe dopo i primi cinque minuti. Una figura femminile/materna che scompare e che è sempre presente come un fantasma demoniaco, alimentando le tensioni e le ossessioni di un uomo che viene privato dell’affetto più ancestrale. Suore che irrompono nell’inquadratura, rimanendone ai margini,

Le passé (Il passato) > Asghar Farhadi

Le opere di Asghar Farhadi hanno il potere di farmi sentire tutta la fragilità dell’essere umano e di farmi pensare come qualsiasi gesto, anche la più apparentemente innocua bugia, abbia il potere di incidere profondamente sulle vite altrui. Dopo, hai voglia di ritinteggiare mano su mano le pareti di casa sperando che ciò che sta sotto svanisca o di chiedere

Le passé (Il passato) > Asghar Farhadi

Un uomo iraniano abbandona la moglie francese con due bambini per ritornare al suo Paese. Nel frattempo, la donna intraprende una nuova relazione, una realtà che suo marito dovrà affrontare al momento della richiesta di divorzio. Dopo lo splendido Una separazione, Asghar Farhadi viene in Francia a girarne il quasi seguito. E a primo acchito si direbbe che la sua visione

The Artist > Michel Hazanavicius

Non un generico omaggio al cinema muto (né satira, come invece lo era sottilmente “Singin’ in the Rain” di Stanley Donen, ambientato negli stessi anni e dalla situazione narrativa simile, né tantomeno parodia) bensì film che narra del suo non indolore passaggio al sonoro, “The Artist” ha inizio nel 1927 con George Valentin (più Douglas Fairbanks che Rodolfo Valentino) che