Tag 'Carlo Mazzacurati'

Bologna // Fantastic Mr. Carlo. In onore di Carlo Mazzacurati

Bologna // Fantastic Mr. Carlo. In onore di Carlo Mazzacurati

Fantastic Mr. Carlo In onore di Carlo Mazzacurati 12 marzo – 14 aprile Cinema Lumière – Sala Officinema / Mastroianni Piazzetta Pier Paolo Pasolini – Cineteca di Bologna   La Cineteca di Bologna rende omaggio a Carlo Mazzacurati (2 marzo 1956 – 22 gennaio 2014) con un bellissimo calendario di proiezioni di opere da lui dirette e da lui amate,

Roma // Nuovi italiani. Da migranti a cittadini

“Quando sei nato non puoi più nasconderti” Nuovi italiani. Da migranti a cittadini Parte prima “La realtà dello schermo”, Cinema Trevi, 21-29 gennaio 2012. Parte seconda “Lo schermo della realtà” Cinema Trevi, 14-19 febbraio 2012 Numerosi film italiani presentati all’ultima Mostra di Venezia hanno affrontato – quale che fosse il loro genere o la loro collocazione festivaliera – il tema

Lugano // Tutti i colori del giallo 2011

Tutti i colori del giallo / Settima edizione 11/13 maggio 2011 Cinema Lux, Lugano-Massagno Mercoledì 11 maggio – ”Un bar anomalo della Toscana” 18’30 – Roberto Corrent presenta Marco Malvaldi 19’45 – Aperitivo toscano 21’00 – Film “La ragazza del lago“ di Andrea Molaioli, 2007 Giovedì 12 maggio – ”Il Giallo svedese nacque così” 18’30 – Paola Pioppi, incontra e

I migranti nel cinema italiano

  Sonia Cincinelli, I migranti nel cinema italiano Edizioni Kappa, Roma 2009 Pagine: 304 Isbn: 978-88-78909-74-8 Prefazione di Roberto Silvestri; postfazione di Fulvio Vassallo Paleologo.   L’attenzione rivolta nella produzione cinematografica italiana dei primi anni ’90 ai migranti registra una disparità agli approcci sul tema, la sua metabolizzazione da un lato e gli esiti di questo confronto dall’altro. In assenza

La giusta distanza > Carlo Mazzacurati

articolo pubblicato su Rapporto Confidenziale – numerozero, dicembre 2007, p.19. La giusta distanza di Alessio Galbiati   “La giusta distanza” è la misura che ci viene richiesta per non alterare il corso degli eventi. La giusta distanza che ci rende conformi al conformismo, impauriti e spaventati come animali che attraversano la strada. Carlo Mazzacurati racconta una storia sospesa sulla realtà,