Tag 'Danny Elfman'

Spider-Man > Sam Raimi

La tela fragile del ragno L’abissale distanza tra Peter Parker, nerd occhialuto che perde puntualmente l’autobus, e Spider-Man, il supereroe dalla prodigiosa prontezza di riflessi nel quale si trasforma, è uno dei luoghi tipici dell’immaginario americano. Stanley Kubrick lo reinterpretò con uno stacco di montaggio di ardita poesia, l’osso che diventa navicella spaziale, una lontananza che, considerata la circolarità sconsolata

Dark Shadows > Tim Burton

Victoria apparente Dark Shadows regia di Tim Burton (USA/2012) recensione a cura di Leonardo Persia ’70 e ‘700: un decennio a confronto con un secolo. Tim Burton li collega attraverso un vampiro no-sferatu, creatura che lo specchio non riflette. I Lumi si spengono e il dark si accende. Dark Shadows è un vero e proprio tuffo impossibile e spericolato, come

Forbidden Zone > Richard Elfman

Articolo pubblicato sul NUMERO7 | LUGLIO/AGOSTO’08 di RAPPORTO CONFIDENZIALE. rivista digitale di cultura cinematografica (pag.6) | free download 13.4mb | 5.5mb | ANTEPRIMA Odissea nella Sesta Dimensione di Samuele Lanzarotti La quintessenza del cinema di serie Z ci viene regalata da questo midnight movie fuori tempo massimo, che appare come un esilarante incrocio tra “Alice nel paese delle meraviglie”, i

To Die For > Gus Van Sant

articolo pubblicato su Rapporto Confidenziale – numero13, marzo 2009 (pagg. 14-15). download. 10.5mb | 3.5 | ANTEPRIMA Trama Suzanne Stone sa esattamente cosa vuole nella sua vita, anche perché l’unica cosa che vuole nella sua vita è diventare una personalità televisiva. Nel perseguire il suo obiettivo, ciò che le manca in intelligenza verrà ampiamente compensato da furbizia e determinazione. Mentre

Psycho > Gus Van Sant

articolo pubblicato su Rapporto Confidenziale – numero13, marzo 2009 (pag.16-17). download. 10.5mb | 3.5 | ANTEPRIMA Psycho (USA/1998) di Gus Van Sant Psycho di GVS è un incredibile oggetto filmico che mai si era visto prima, una copia fedele del capolavoro di Alfred Hitchcock, una fotocopia a colori che riflette sull’impossibilità ontologica della copia perfetta. A prima vista, compiendo una