Tag 'Eugenia Fratzeskou'

Digimag 64 – luglio/agosto 2011

DIGIMAG 66 – luglio/agosto 2011 nuova release del magazine del progetto Digicult www.digicult.it/digimag Codice ISSN: 2037-2256 "…Lo sfruttamento è un fenomeno universale, bisogna individuare in quali forme si configura e quanto è diffuso. Crediamo che l’economia etica abbia in sé la possibilità di un nuovo modo per riconnettere l’economia alla società e quindi democratizzare l’economia, in particolare rispetto alle questioni

Digimag 64 – maggio 2011

DIGIMAG 64 – MAGGIO 2011 nuova release del magazine del progetto Digicult www.digicult.it/digimag "…noi tendiamo a cercare i modelli in tutto il mondo. Questa funzionalità è incorporata nel nostro meccanismo percettivo e ha salvato i nostri antenati durante eventi critici nel corso dei millenni: dall’identificare un oggetto in movimento in una prateria o un volto minaccioso in una folla. Ma

Digimag 61 – febbraio 2011

DIGIMAG 61 – FEBBRAIO 2011 nuova release del magazine del progetto Digicult www.digicult.it/digimag "…Nelle mie opere c’è una sorta di esplorazione della bellezza della natura. Anche se a un livello chiaramente primitivo, se paragonato alla natura stessa. Si tratta più di associazioni e astrazioni, piuttosto che della ricostruzione di qualcosa. Forse simile a un dipinto astratto della natura. L’associazione, il

DigiMag 55 – giugno 2010

  http://www.digicult.it/digimag   APPROFONDIMENTO L’eutanasia del sapere Il significato della recente “manovra anticrisi” del Governo Italiano è evidente: si taglia la ricerca pubblica e la cultura che la classe dirigente politica Italiana non ha mai ritenuto fattore di sviluppo. Parallelamente, si porta avanti una distruttiva “riforma“ dell’Università che la trasformerà in feudo di politicanti e baroni, negando nei fatti la

DigiMag 52 – marzo’10

http://www.digicult.it/digimag E’ online la nuova Issue di Marco di DigiMag, mensile online di arte e cultura digitale del progetto Digicult. E’ questa una issue speciale di Digimag, quella che segna un cambiamento piuttosto consistente in termini di layout grafico e impaginazione, e che conferma la rivista come uno dei punti di riferimento internazionali nell’ambito dell’arte, del design e della cultura