Tag 'Jules Dassin'

Il meglio del 2012 – Thorsten Fleisch

«Amo molto parlare di niente. È l’unico argomento di cui so tutto» – Oscar Wilde –   ● ● ● Anche quest’anno vogliamo giocare con i film e con il calendario. Abbiamo chiesto a amici e collaboratori, professionisti del settore e cinefili, un elenco dei 5 migliori film usciti, o visti per la prima volta, durante l’anno solare 2012. Concluderemo

Il meglio del 2011 – Scott Telek

Il 2011 va in archivio. È stato un anno complicato e triste sotto molti punti di vista. Noi abbiamo il cinema come medicina, come cura alle sofferenze della Vita e della Storia. Quest’anno abbiamo voluto giocare con la nostra redazione, con le persone che nell’ultimo anno hanno scritto per Rapporto Confidenziale e con una serie di amici, collaboratori e personalità

Un prophète > Jacques Audiard

articolo pubblicato su Rapporto Confidenziale n°20, dicembre 09, p.16. Ci sono film che rimandano inevitabilmente ad altri. Un prophète – gran premio della giuria a Cannes quest’anno – ricorda Brute force (Forza bruta), capolavoro di Jules Dassin del 1947. Non tanto per il tema trattato e nemmeno per l’ambientazione carceraria quanto invece per la forza e la durezza usate nel

Night and the City > Jules Dassin

Mentre una voce grave recita: The night is tonight. The city is London, un uomo scappa attraverso le vie di Londra. Si potrebbe sperare in un inizio migliore da un film noir? Night and the City – in italiano I trafficanti della notte – di Jules Dassin (scomparso nel marzo 2008 all’età di 97 anni, stesso anno e mese di