Tag 'numero18'

Alcool > Augusto Tretti

Il presente articolo è stato pubblicato su Rapporto Confidenziale numero18 (ottobre 2009), p.19; all’interno dello speciale AUGUSTO TRETTI o dell’anarchica innocenza di un irregolare del cinema italiano   Alcool articolo a cura di Alessio Galbiati e Roberto Rippa   Uno psichiatra, un sociologo, un antropologo ed uno psicologo dissertano fra loro per un’inchiesta televisiva dedicata al problema della alcolismo. Ci

Around “Theme de Yo-Yo”

articolo pubblicato su Rapporto Confidenziale numero18 (ottobre 2009), pp.30-31   Le relazioni pericolose. connessioni tra suoni e immagini Around "Theme de Yo-Yo" di Romeo Sandri   LES STANCES A SOPHIE E’ il 1970 quando esce “Les stances à Sophie”, film francese, diretto dal regista di origini israeliane Moshe Mizrahi. Girato in una Parigi entusiasta ed esaltata da ideali rivoluzionari post-’68,

Cinema cinese indipendente e censura

articolo pubblicato su Rapporto Confidenziale numero18 (ottobre 2009), p.6. CINEMA CINESE INDIPENDENTE E CENSURA Nel corso di sei anni, il regista indipendente cinese Zhao Dayong ha trascorso diversi mesi tra gli abitanti di Zhiziluo, un villaggio povero e dimenticato sulle montagne che segnano il confine con il Myanmar. Usando un’attrezzatura semplice e finanziandosi da solo, li ha filmati per quello

Pulgasari > Shin Sang-ok

Il presente articolo è stato pubblicato su Rapporto Confidenziale numero18 (ottobre 2009), pp.27-28 Pulgasari L’incredibile storia di un film assurdo di Alessio Galbiati «Riteniamo che neanche la Corea del Nord possa sottrarsi ancora per molto a questo vento di apertura e siamo molto curiosi di vedere come questo paese e come i registi più attivi reagiranno a tali mutamenti e

Lake Tahoe > Fernando Eimbcke

articolo pubblicato su Rapporto Confidenziale numero18 ottobre’09 (pag.29) free downoload 9.1mb | 3.2mb | anteprima Il giovane Juan va a sbattere contro un palo della luce con l’auto di famiglia. Inizia quindi una lunga giornata alla ricerca del ricambio del pezzo danneggiato e di qualcuno che gli permetta di fare ripartire l’auto. La ricerca lo porta dapprima da Don, un anziano meccanico la cui

Paparìa

articolo pubblicato su Rapporto Confidenziale, numero18 (ottobre 2009), pag. 16. lingua di celluloide Paparìa cineparole di Ugo Perri Peppino, poverino, piccolo pastore prescialuro, produceva piccioli poppando pecore per provincia Palermo. Peppino, prestigioso, produceva pellicole politicamente puerili, popolate promuovendo personaggi prestigiosi, prodotte profondendo pecunie pubbliche, proiettate per pregio populista. Praticamente puttanate. Pragmatica posizione paracula presentare popoli periferici politicizzando, parafrasando, prendendo plausi

Narciso rovesciato, Narciso liberato

articolo pubblicato su Rapporto Confidenziale – numero18, ottobre 2009 (pag.7-10) Narciso rovesciato, Narciso liberato. Immagine di sé e diversità nelle Silly Symphonies di Stefano Andreoli Compiono dai settanta agli ottant’anni ma non li dimostrano. Le Silly Symphonies, a lungo dimenticate dalla critica e riscoperte da meno di vent’anni, rappresentano una delle parti più interessanti dell’intera filmografia disneiana. Si tratta di

Baarìa > Giuseppe Tornatore

articolo pubblicato su Rapporto Confidenziale, numero18 (ottobre 2009), pag. 17. Baarìa. Cattedrale nel deserto di Ivan Talarico*   Più che un film Baarìa è un’ignobile piazzata. Sono andato a vederlo già disamorato, ma certo non mi aspettavo di uscire con un tale fastidio. Il film vorrebbe raccontare attraverso tre generazioni della famiglia di Peppino, una parte di storia italiana, fingendo

Colpo di Stato > Luciano Salce

Colpo di Stato > Luciano Salce

articolo pubblicato in Rapporto Confidenziale numero18 (ottobre 2009) Colpo di Stato Un gran bel film dimenticato a cura di Alessio Galbiati Luciano Salce nel 1969 firma un’opera bizzarra e sorprendente, un film maledetto scivolato nell’oblio. Il film si apre con l’espediente (letterario) del documento ritrovato (un prologo della durata complessiva di 4 minuti, che anticipa i titoli di testa e l’inizio

Accolti a braccia chiuse. Il cinema di Alvaro Bizzarri

  Articolo pubblicato su RC NUMERO17 | settembre ’09 (pag.46) free download 8,4mb | 3,7mb | ANTEPRIMA     ACCOLTI A BRACCIA CHIUSE Il cinema di Alvaro Bizzarri   di Donato Di Blasi   Alvaro Bizzarri, come molti altri suoi connazionali prima e dopo di lui, emigra dall’Italia in Svizzera agli inizi degli anni settanta. Come molti altri suoi connazionali,