Tag 'Pardo d’oro'

Intervista a Marianne Pistone, coautrice di “Mouton”

Intervista a Marianne Pistone, coautrice di “Mouton”

Les tragédiens abandonnés Intervista a Marianne Pistone, coautrice (con Gilles Deroo) di “Mouton” a cura di Alessio Galbiati vai alla recensione del film Un film basato su una struttura spiazzante non poteva che produrre, alle domande troppo spesso banali di un’intervista, una risposta sorprendente, che fa a pezzi il campo-controcampo di un dialogo che spesso (ma non sempre, altrimenti su

Han jia > Li Hongqi

articolo pubblicato su Rapporto Confidenziale numero28 (speciale 2010) p. 29 all’interno di RC:speciale 63° Festival del film Locarno 4-14 | 8 | 2010 Han jia Li Hongqi | Cina – 2010 – DCP – colore – 91′ È l’ultimo giorno delle vacanze invernali in una tranquilla cittadina del nord della Cina. Quattro adolescenti si incontrano per un futile motivo a

Locarno 63 – Pardo d’onore a Alain Tanner

Nato a Ginevra nel 1929, Alain Tanner realizza il suo primo lungometraggio per il cinema nel 1969, Charles mort ou vif, premiato con il Pardo d’oro al Festival di Locarno. Due anni dopo, La salamandra (1971) è visto nella sola Parigi da 200mila spettatori. Alain Tanner emerge come uno dei principali esponenti del «nuovo cinema svizzero» portando una ventata di

La forteresse > Fernand Melgar

La forteresse (Svizzera/2008) regia: Fernand Melgar; fotografia: Camille Cottagnoud; montaggio: Karine Sudan; formato: 35mm; durata: 100’ Presentato al 61° Festival del Film di Locarno nella sezione “Concorso cineasti del presente” Pardo d’oro Cineasti del presente C.P.Company Albert Maysles, considerato l’iniziatore del “Reality Cinema” statunitense e autore di opere fondamentali come “Salesman” (1968) e “Grey Gardens” (1975) (vedi Rapporto Confidenziale numerotre,