Tag 'Stan Lee'

Spider-Man > Sam Raimi

La tela fragile del ragno L’abissale distanza tra Peter Parker, nerd occhialuto che perde puntualmente l’autobus, e Spider-Man, il supereroe dalla prodigiosa prontezza di riflessi nel quale si trasforma, è uno dei luoghi tipici dell’immaginario americano. Stanley Kubrick lo reinterpretò con uno stacco di montaggio di ardita poesia, l’osso che diventa navicella spaziale, una lontananza che, considerata la circolarità sconsolata

Spider-Man 2 > Sam Raimi

Il bacio dell’Uomo Ragno Beato il paese che non ha bisogno d’eroi. Ma maledizione ai luoghi i cui eroi vengono ignorati. Dove, trattati da criminali e marginalizzati, sono costretti a vivere a metà, ad auto-denigrarsi, a sparire. Peter Parker è il classico giovane occidentale spaventato a tal punto dai suoi superpoteri, che fa di tutto per nasconderli e reprimerli. Eppure

Spider-Man 3 > Sam Raimi

Spider Darkman Si scrive Spider-Man 3, ma si legge Spider-Man per (contro) 3. Harry Osborn, l’Uomo Sabbia e Venom. Solo che in Sam Raimi il numero perfetto è tutt’altro che tale. Osborn ha vuoti di memoria, oscilla tra l’essere amico o nemico, è un cattivo a metà. L’Uomo Sabbia, altro doppio, galeotto smaterializzato da un esperimento di fisica anti-fisico, alla

The Amazing Spider-Man > Marc Webb

INTO THE WEB(B) Basterebbe quella battuta ormai classica, «Da un grande potere derivano grandi responsabilità», per precipitare Spider-Man nella ragnatela killer del conformismo statale, al fianco indefesso e fesso di una qualsiasi bandiera del nuovo ordine repressivo mondiale, USA, (N)europa o Oriente, medio o XXL, che sia. L’immagine che chiudeva il primo film della trilogia firmata Sam Raimi mostrava proprio