Tag 'Woody Allen'

Irrational Man > Woody Allen

Irrational Man > Woody Allen

  Ognuno ha il suo Woody Allen preferito (condizione logica e inevitabile per un cineasta dalla produzione artistica altalenante che ha realizzato 50 film in 49 anni e che da tempo ha assestato il suo ritmo a un film all’anno): alcuni amano prevalentemente i film risalenti agli esordi, caratterizzati da un umorismo surreale (Bananas – Il dittatore dello stato libero

Blue Jasmine > Woody Allen

Dopo le zampate di Midnight in Paris e di Whatever Works – Basta che funzioni, Woody Allen era sceso con l’inguardabile To Rome With Love (scritto con la mano sinistra e diretto ad occhi chiusi, come forse giustificherebbero alcune impietose immagini che lo ritraevano addormentato sul set) ai suoi livelli minimi, toccando il punto più basso di una carriera di

What’s Up, Tiger Lily? (Che fai, rubi?) > Woody Allen

Che fai, rubi? Decostruzione, citazioni e autorialità di un autore in formazione. a cura di Giuseppe Previtali Il grande pubblico, quello che riempie le sale ogni volta che esce un nuovo film di Woody Allen, quello che ha salutato con estatica approvazione l’uscita di titoli come Midnight in Paris (2011) e soprattutto To Rome with Love (2012), probabilmente non conosce

Blue Jasmine > Woody Allen

Jasmine vive a New York ed è sposata con Hal, ricco uomo d’affari. Tutto sembra filare al meglio sino a quando non si scopre che Hal è in realtà un truffatore. Questa scoperta porta alla rovina finanziaria della famiglia ed al crollo psicologico di Jasmine, la quale decide di trasferirsi dalla sorella a San Francisco. Frase di rito quando si

Il meglio del 2012 – Paola Fiorido

«Amo molto parlare di niente. È l’unico argomento di cui so tutto» – Oscar Wilde –   ● ● ● Anche quest’anno vogliamo giocare con i film e con il calendario. Abbiamo chiesto a amici e collaboratori, professionisti del settore e cinefili, un elenco dei 5 migliori film usciti, o visti per la prima volta, durante l’anno solare 2012. Avremmo

Roma // Bianco e Nero

13 (Tzameti), Géla Babluani Alphaville Cineclub Bianco e nero. Quando il cinema contemporaneo sceglie il non colore 15-19 febbraio 2012, 21.00 Roma, Via del Pigneto, 283 In concomitanza con il ritorno in auge del bianco e nero grazie al lungometraggio “The Artist” ancora in sala, Alphaville Cineclub propone, dal 15 al 19 febbraio 2012 nella sua sede di via del

Midnight in Paris > Woody Allen

Sono diversi anni ormai che di Woody Allen sembrano essersi perse le tracce. Salvo qualche ritorno alla quasi forma originale (il sorprendente “Match Point” del 2005, il divertente “Whatever Works” – “Basta che funzioni” del 2009), i suoi film sembrano sempre più meri contenitori di battute disseminate con estrema parsimonia per poterne risparmiare per il film successivo. Questo a sostegno

Metacinema. Quando l’autoreferenzialità si fa comunicazione

articolo pubblicato su Rapporto Confidenziale numero12 (febbraio 2009), pp.6-8. METACINEMA Quando l’autoreferenzialità si fa comunicazione di Alessandra Cavisi La settima arte, il cinema, da sempre si è assunto il ruolo non solo di intrattenitore del pubblico meno esigente che desidera immergersi in un altro mondo per dimenticare le brutture e le difficoltà del proprio, ma è sempre stata, sin dai

Hollywood Ending > Woody Allen

articolo pubblicato su Rapporto Confidenziale numero22 (febbraio 2010), pag. 45 Val Waxman, regista un tempo acclamato, si è ridotto a girare spot pubblicitari. Nemmeno con la moglie Ellie le cose vanno bene, visto che lei lo lascia per mettersi con Hal Jaeger, grosso produttore hollywoodiano in cerca di un regista per un film dedicato a New York. Sarà proprio Ellie

L’avventurosa storia della American International Pictures. #01

articolo pubblicato su Rapporto Confidenziale – numerouno, gennaio 2008 (pag.29-30). Con le recensioni (a cura di Roberto Rippa) dei film: “House of Usher” di Roger Corman (USA/1960) e “X” di Roger Corman (USA/1963) download. 7.4MB ||| 3.6MB Rane assassine, bellezze da spiaggia, topi giganti, mostri preistorici, scienziati pazzi e eroi neri: l’avventurosa storia della American International Pictures. di Roberto Rippa