“This Is Not a Song of Hope” by Daniel Aragão

“I was depressed, political, professional and financially speaking, experiencing the end of a relationship in my middle 30’s, no kids and no family living in Brazil so I felt the need of writing and making a very fast film like a suicidal note or an obituary of myself in this period – my country was depressed as well, I needed to see my hometown by the eyes of a foreign before start my plan of leaving Brazil without coming back for 2 years.”
– Daniel Aragão (today)

Con queste parole Daniel Aragão ha voluto accompagnare la pubblicazione su Rapporto Confidenziale di This Is Not a Song of Hope, cortometraggio realizzato nel 2016 in collaborazione con il Festival Internazionale di Rotterdam.
Il film è ambientato a Recife, nord-est brasiliano, e racconta l’incontro tra tre persone: un architetto olandese che studia il passato coloniale della città, un’attrice ambiziosa che mal sopporta i limiti professionali imposti dall’isolamento periferico e uno stimato musicista in malinconica e costante guerra con il mondo intero.
Come già nel suo notevolissimo lungometraggio d’esordio, Boa sorte, meu amor, Aragão satura il film di musica e sensualità, aggredendo con vitalità e ferocia libertaria ogni tabù.
This Is Not a Song of Hope conferma la qualità del suo cinema e del suo sguardo.
ag

 

 

THIS IS NOT A SONG OF HOPE
Regia, sceneggiatura, montaggio: Daniel Aragão • Fotografia: Cristiano Bivar, Daniel Aragão • Production manager: Marcos Castro, Malu Freitas • Assistente alla regia: Eduardo Monteiro • Production designer: Hemerson Souza • Costumi: Andréa Monteiro • Stills: Costa Neto • Suono: Guga S. Rocha • Trucco: Cris Malta • Musiche: Cyril Diaz & His Orchestra “Voodoo” & “Taboo”, The Lion “The Death”, Cashmere Cata “Kiss Kiss”, Scott Walker “Maria Bethania”, The Niros “This Is Not A Song Of Hope” • Postproduzione: Haghefilm Digitaal • Postproduzione suono: Wanierposta • Sound design: Django Kroon, Guga S. Rocha • Produttori: Danielle Guirguis, Jaap Hermans (Smarthouse Films) • Interpreti principali: Christiana Ubach, Felipe Abib, Bianca Joy Porte, Ênio D S Jr. • Produzione: Cicatrix Filmes, Smarthouse Films, International Film Festival Rotterdam • Formato: DCP • Lingua: portoghese, olandese • Paese: Brasile, Paesi Bassi • Anno: 2016 • Durata: 21′

 

Daniel Aragão (1981) incomincia la sua carriera cinematografica come assistente alla regia del pluripremiato Cinema, Aspirins and Vultures (2005) di Marcelo Gomes. I suoi cortometraggi hanno ottenuti diversi riconoscimenti in festival quali Amburgo, Clermont-Ferrand e Locarno. Nel 2012 ha esordito alla regia in un lungometraggio con Boa sorte, meu amor (Good Luck, Sweetheart) e nel 2015 ha diretto Prometo um dia deixar essa cidade (I Swear I’ll Leave This Town).

Filmografia: Cinema Pornô e Outras Más-Formações Congênitas (2000, corto), A conta-gotas/Drop-counting (2006, corto), Uma vida e outra/One Life and Another (2007, corto), Solidão pública/Public Solitude (2008, corto), Não me deixe em casa/Don’t Drop Me Home (2009, corto), Boa sorte, meu amor/Good Luck, Sweetheart (2012), Prometo um dia deixar essa cidade/I Swear I’ll Leave This Town (2015), This Is Not a Song of Hope (2016, corto).

 

Daniel Aragão su Rapporto Confidenziale
Boa sorte, meu amor (Good Luck, Sweetheart) / recensione
Boa sorte, meu amor. Intervista a Daniel Aragão, Gregorio Graziosi, Vinicius Zinn e Christiana Ubach



L'articolo che hai appena letto gratuitamente a noi è costato tempo e denaro. SOSTIENI RAPPORTO CONFIDENZIALE e diventa parte del progetto!





Condividi i tuoi pensieri

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.