Blackenstein > William A. Levey

Trama

Un medico premio Nobel attacca braccia e gambe a Eddie Turner un afro-americano il cui corpo è rimasto gravemente mutilato durante la guerra in Vietnam.

Commento

Più un grande titolo che un grande film.
Le premesse per un B movie d’eccellenza ci sarebbero in realtà tutti: titolo parodistico, storia improbabile, attori scarsi e assoluta povertà produttiva. Però niente funziona.
Indeciso sulla strada da prendere, il debuttante William A. Levey (in seguito dirigerà l’altrettanto povero The Happy Hooker Goes to Washington), dirige un film che non è divertente, non stupisce mai e – peccato ultimo – non è nemmeno troppo kitsch.
Così si capisce che il tutto è un bieco pretesto: se nell’epoca di Mary Shelley Frankenstein è il nome del dottore, qui il medico non si chiama Blackenstein bensì solo Stein e non è nemmeno nero.
Occasione perduta.


Blackenstein (USA/1973)
Regia, montaggio: William A. Levey
Sceneggiatura: Frank R. Saletri
Musiche: Cardella Di Milo, Lou Frohman
Fotografia: Robert Caramico
Interpreti principali: John Hart, Ivory Stone, Joe De Sue, Roosevelt Jackson
87′




L'articolo che hai appena letto gratuitamente a noi è costato tempo e denaro. SOSTIENI RAPPORTO CONFIDENZIALE e diventa parte del progetto!





Condividi i tuoi pensieri

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.