Rosemary’s Baby > Roman Polanski

Rosemary’s Baby > Roman Polanski

Rosemary’s Baby o la sconfitta del ’68 come horror I cattivi lettori chiedono al film tratto dal libro quello che non potranno mai avere: la propria soggettività traduttrice di immagini mentali corrispondenti alle parole; l’interiorità descritta che la pellicola non può che tradurre in altri termini. Ecco perché, supremo dei luoghi comuni, «il film non vale mai il libro» ed

What? (Che?) > Roman Polanski

What? (Che?) regia di Roman Polanski (Italia-Francia-Germania Ovest/1972) recensione a cura di Fabrizio Fogliato What?… and the answer is… In What? (Che?, 1972) non c’è risposta. Roman Polanski descrive in maniera allucinata, un microcosmo ipocrita e alienato, metafora di una società decadente e priva di valori. Catapulta in questo contesto un ingenua e pura creatura di nome Nancy (Sidney Rome),

Carnage > Roman Polanski

Carnage. Sipario. Un domicilio coatto. Carnage. Sipario. Un domicilio coatto.  La prima cosa che uno spettatore poco avveduto potrebbe dire, quasi certamente,  riguardo questo film, è che si tratti di un film teatrale. Nulla potrebbe essere più vero e sbagliato, allo stesso tempo. Carnage denuncia la sua teatralità fino da subito, il testo è dichiaratamente teatrale, l’accompagnamento musicale sembra essere

Le locataire > Roman Polanski

Le locataire è l’ultimo episodio di una trilogia non ufficiale diretta da Polanski sul tema della follia e del sovrannaturale che comprende idealmente Repulsion del 1965 e Rosemary’s Baby del 1968. Polanski vi interpreta il ruolo di Trelkovski, un Polacco di nascita residente in Francia, che si trasferisce ad abitare in un appartamento precedentemente abitato da una ragazza che ha

The Ghost Writer > Roman Polanski

Film fortemente hitchcockiano per Roman Polanski (molto più del poco riuscito Frantic del 1988) questo The Ghost Writer – L’uomo nell’ombra, tratto da un mediocre romanzo di Thomas Harris sceneggiato da Polanski stesso. Non solo per la storia che vede un uomo qualunque proiettato e quindi prigioniero di una vicenda di cui inizialmente gli sfuggono i contorni, ma anche per

Rosemary’s Baby > Roman Polanski

Rosemary’s Baby > Roman Polanski

Guy Woodhouse, giovane attore teatrale, e la sua neo-sposa Rosemary allacciano amichevoli rapporti con i loro nuovi vicini di casa, gli anziani e invadenti coniugi Castevet. Mentre Guy sembra ricercare la compagnia dei Castevet, Rosemary dimostra ben presto di non gradire affatto la loro costante presenza. Nel contempo la carriera di Guy conosce una formidabile quanto inattesa ascesa, aiutata da

Tutti i Presidenti di Giuria del Festival di Cannes (1946-2018)

Tutti i Presidenti di Giuria del Festival di Cannes (1946-2018)

Cate Blanchett è stata designata Presidente di Giuria della 71° edizione del Festival di Cannes in programma dall’8 al 19 maggio 2018. Sarà la seconda personalità australiana a ricoprire tale ruolo dopo George Miller nel 2016 e la decima donna dal 1946 a oggi; prima di lei: Olivia de Havilland (1965), Sophia Loren (1966), Michèle Morgan (1971), Jeanne Moreau (1975

Piotr Dumała. Cineasta e animatore a Bagheria (Animaphix, 27-30 luglio)

Piotr Dumała. Cineasta e animatore a Bagheria (Animaphix, 27-30 luglio)

Presso la settecentesca Villa Cattolica di Bagheria, sede del Museo Guttuso, dal 27 al 30 luglio si terrà la terza edizione di Animaphix, una delle rarissime manifestazioni in Italia dedicate all’animazione d’autore capace di portare al pubblico del nostro paese grandi film e registi amati e riconosciuti in tutto il mondo. Solitamente nell’immaginario e nella storiografia comune il cinema polacco

Macbeth > Justin Kurzel

Macbeth > Justin Kurzel

Macbeth tra rigore stilistico e fedeltà letteraria Il cinema è un’arte che si nutre di tutte le altre: fotografia, musica, teatro, scrittura. E talvolta questo meltin’ pot di arti può raggiungere un risultato formalmente eccelso, dal valore tecnico indiscutibile, con il rischio, però, di non generare quelle emozioni e quelle sensazioni che potrebbero derivare da lavori tecnicamente più discutibili ma

30 giorni gratis di MUBI con Rapporto Confidenziale

30 giorni gratis di MUBI con Rapporto Confidenziale

MUBI e Rapporto Confidenziale vi offrono 30 giorni di prova gratuita del catalogo online d’uno degli archivi di cinema in streaming più interessanti del panorama mondiale. Disponibile in più di 200 paesi in tutto mondo e per molteplici dispositivi (desktop, laptop, smartphone, tablet, Smart TV e Playstation®3), MUBI è la porta d’accesso per tutti quei titoli altrimenti davvero difficili da