Tag 'Argentina'

Aardvark > Kitao Sakurai

articolo pubblicato su Rapporto Confidenziale numero28 (speciale 2010) pagg. 9-13 all’interno di RC:speciale 63° Festival del film Locarno 4-14 | 8 | 2010 Aardvark Kitao Sakurai | USA, Argentina – 2010 – DCP – colore – 80′ di Roberto Rippa Piccolo (ma solo nei mezzi), sorprendente, film di buona scrittura, “Aardvark” inizia come racconto di costruzione di un rapporto, quello

Pedro Costa. Letters from Fontainhas

LE LETTERE DA FONTAINHAS DI PEDRO COSTA, FINALMENTE IN DVD Uno tra i più celebrati artisti della scena cinematografica mondiale, il portoghese Pedro Costa, pluripremiato al Festival internazionale del film di Locarno per il suo No quarto da Vanda del 2000, ha accumulato una lunga serie di lavori di valore sin dalla fine degli anni ’80. Se i festival internazionali

Matías Piñeiro

Articolo pubblicato su RC NUMERO17 | settembre ’09 (pagg. 40-43) free download 8,4mb | 3,7mb | ANTEPRIMA Matías Piñeiro Intervista di Roberto Rippa. English version at the bottom of this page Autore di uno tra i film più interessanti tra quelli presentati al sessantaduesimo Festival internazionale del film di Locarno, Todos Mienten, in cui mescola storia e politica rendendola in

Castro > Alejo Moguillansky

62. Festival internazionale del film Locarno (sezione Concorso cineasti del presente) Castro corre. Si è lasciato la sua vita alle spalle e sopravvive nascondendosi in una stanza a La Plata. Nella sua vita è comparsa celia, giovane, bellissima e, talvolta, crudele. Celie e Castro sopravvivono senza un lavoro e senza un soldo. Forse si amano. Un giorno partono alla volta

XXY > Lucìa Puenzo

articolo pubblicato su Rapporto Confidenziale numero3 – marzo 2008 (pag. 41) download. ALTA QUALITA’ (6.43 MB) | BASSA QUALITA’ (4.75 MB) Esegesi della diversità Da quando la sessualità è diventata sovrastruttura – e non più scoperta, percorso personale – la normalità statistica si è imposta come normalità morale e ogni atteggiamento o tendenza al di fuori di essa è stato catalogato come devianza

Monobloc > Luis Ortega

Perla, cinquantacinquenne, si reca ogni giorno all’ospedale per farsi ripulire il sangue e rimandare così il suo appuntamento con la morte. È appena stata licenziata da un luna park costantemente deserto e condivide una stanza buia e umida con la figlia ventisettenne Nena, che nella stanza esercita come prostituta (a clienti le cui presenze sono rivelate solo attraverso il suono

Un mundo menos peor > Alejandro Agresti

Una donna scopre che il marito, creduto morto da più di vent’anni, vive in un piccolo villaggio turistico nel sud dell’Argentina ai confini con la Patagonia. Si mette quindi in viaggio con le due figlie con l’intenzione di incontrarlo. Chi aveva già avuto modo di apprezzare Valentìn (2002, premiato dall’associazione dei critici argentini), sa con quanta tenerezza e malinconia il

La dignidad de los nadies > Fernando E. Solanas

Rigoroso nella ricerca, approfondito nell’alternare interventi dei protagonisti della resistenza (al potere corrotto, alla polizia mafiosa, a un sistema politico generale) alle immagini di cronaca che li riguardano. Diviso per capitoli, ognuno dedicato a un tema e a una o piu persone, racconta le miserie di un popolo piegato dalla crisi economica e di un potere politico vessatorio nei confronti

El Amarillo > Sergio Mazza

Un giovane si ritrova in un misero bar in un punto imprecisato dell’Argentina. Attratto dalla tristezza della cantante del locale, si fermerà per scoprire che il bar è in realtà un bordello. Diventerà un punto di riferimento per le attempate ragazze che ci lavorano. Durante la prima ora del film, il protagonista riordina un campo di bocce e mangia la

Una de dos > Alejo Taube

Un giovane chiamato «il biondo», che traffica in denaro falso, torna al suo paese da Buenos Aires proprio nei giorni più caldi della grande crisi del 2001. L’economia del Paese è allo sbando, con i «padroni» che abbandonano le fabbriche, i risparmi di una vita bloccati nelle banche e i commercianti che non possono più fare credito ai loro clienti.