Tag 'Spagna'

La mala educación: Narciso Ibáñez Serrador

La mala educación: Narciso Ibáñez Serrador articolo a cura di Fabrizio Fogliato Artista poliedrico e bizzarro, disincantato narratore di fiabe nere, feroce analista dei problemi dell’educazione, Narciso Ibanez Serrador (Montavideo, Uruguay, 1935) è stato capace di imporsi con solo due film come un caustico cantore dell’adolescenza. Lavora a lungo per la televisione iberica e a più riprese dispensa incubi con

Varese // Domenica Uncut – 8 aprile 2012

¿Quién puede matar a un niño? CINECLUB DOMENICA UNCUT Domenica 8 aprile 2012 Presso KINESIS via Carducci 3 Tradate (Varese) PROIEZIONE GRATUITA Ore 18:30 Mais ne nous délivrez pas du mal di Joël Séria. Francia, 1971. Ore 21:30 ¿Quién puede matar a un niño? di Narciso Ibáñez Serrador. Spagna, 1976. Mais ne nous délivrez pas du mal Mais ne nous

Singularidades de uma Rapariga Loura > Manoel de Oliveira

Quel biondo oggetto del desiderio di Leonardo Persia Annunciato più volte dalla distribuzione italiana, è finalmente in sala, grazie a Mediaplex e Euroimages, il penultimo film di Manoel de Oliveira, di cui si era temuta l’uscita solo in dvd. Perché soltanto un (buono) schermo grande può esaltare completamente la complessità figurativa dei suoi incredibili spazi, amplificare la sapienza altrettanto visuale

O Estranho Caso de Angélica > Manoel de Oliveira

O Estranho Caso de Angélica di Manoel de Oliveira (2010) recensione di Leonardo Persia Amore distante, lontano, frustrato e impossibile. Un tema chiave nel cinema di Oliveira, che proietta l’oggetto di tale amore in una sfera metafisica e incomprensibile, evaporante (Le soulier de satin, 1985; Belle toujours, 2006; Francisca, 1981) e che fa del ritorno (di fiamma) – luogo oggetto

Midnight in Paris > Woody Allen

Sono diversi anni ormai che di Woody Allen sembrano essersi perse le tracce. Salvo qualche ritorno alla quasi forma originale (il sorprendente “Match Point” del 2005, il divertente “Whatever Works” – “Basta che funzioni” del 2009), i suoi film sembrano sempre più meri contenitori di battute disseminate con estrema parsimonia per poterne risparmiare per il film successivo. Questo a sostegno

Balada triste de trompeta > Álex de la Iglesia

Il presente articolo è stato pubblicato su Rapporto Confidenziale, numero29 (novembre 2010), pag. 6 all’interno dello speciale Mr.Arkadin goes to Venezia 67 Balada triste de trompeta (“Ballata dell’odio e dell’amore”) Álex de la Iglesia | Spagna/Francia | 2010 | 35mm | colore | 107′’ Il film si apre con un lungo elenco dei suoi finanziatori, sottolineato da sonore risate. Quindi

Plata Quemada > Marcelo Piñeyro

Trama Argentina, 1965: El Nene e Ángel si incontrano in un bagno pubblico di Buenos Aires e da quel momento diventano non solo compagni nella vita ma anche nel crimine. Quando tentano il salto di qualità assaltando un furgone portavalori, qualcosa va storto e quella che avrebbe dovuto essere una rapina si trasforma in una strage. Costretti alla fuga in

El día de la bestia > Álex de la Iglesia

Trama Il prete basco Ángel Berriartua giunge, attraverso una lettura in chiave cabalistica del Nuovo Testamento, alla convinzione che a Madrid nascerà l’Anticristo all’alba del 25 dicembre del 1995. Certo di essere l’unica persona al mondo ad essere a conoscenza dell’infausto, imminente evento, inizia a commettere qualsiasi nefandezza con lo scopo di richiamare l’attenzione di Satana e strappargli le informazioni

Krámpack > Cesc Gay

Spagna, estate 1999. Il diciassettenne Dani viene lasciato nella sua casa al mare dai genitori che partono per le vacanze. Con l’amico Nico, che lo ha raggiunto, compiranno i passi che separano l’adolescenza dall’età adulta. L’estate dell’adolescenza: di questo tema Kràmpack è uno degli affreschi più autentici degli ultimi anni. Due amici: Dani e Nico; due sorelle: Elena e Berta. I giochi

La residencia > Narciso Ibáñez Serrador

Nei pressi di Avignone sorge un castello che serve da istituto di rieducazione per fanciulle dal passato burrascoso. La direttrice del collegio, la severa signora Fourneau, è madre di un ragazzo, Louis, al quale impedisce ogni contatto con le ragazze tenendolo segregato nel maniero. Il giovane però, sfuggendo alla vigile autorità materna, si innamora di una delle giovani donne della