Giulias Verschwinden > Christoph Shaub

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Giulia Verschwinden01

62. Festival internazionale del film di Locarno (sezione Piazza Grande)

Giulia si appresta a compiere 50 anni e tutto intorno a lei sembra dirle che è diventata improvvisamente invisibile. I ragazzi sull’autobus in cui si trova sembrano distanti da lei anni luce e la sua vicina di posto la tratta alla stregua di una coetanea malgrado sia distanziata da lei da una generazione abbondante. Mentre i suoi amici si preparano per la festa che la attende in un ristorante, una donna sta per festeggiare i suoi 80 anni in una casa per anziani.

Commedia agrodolce sul tema dell’invecchiare, Giulias Verschwinden (la scomparsa di Giulia) mette sotto esame tutti i personaggi mettendone a nudo i disperati tentativi per rubare all’età qualche anno. Mentre si preparano per recarsi alla cena di compleanno, un amico di Giulia si veste come un ragazzino per apparire più giovane, la metà di una coppia gay subisce i rimproveri del compagno per la pancetta, una coppia si lascia prendere dalla passione presto interrotta a causa di un crampo scatenato dalla scomoda posizione. Come in uno specchio, una donna festeggia i suoi 80 anni nell’istituto per anziani rimproverando la figlia che la tratta come una persona ben più vecchia di quanto sia.
Giulia, abbattuta dalla sensazione di avere intrapreso la strada senza ritorno per la vecchiaia, fa un incontro causale con un uomo misterioso con cui si intratterrà fino a quasi disertare la sua cena di compleanno.
Lo scrittore svizzero Martin Suter sceneggia una commedia corale e ritmata sul tema dell’invecchiare in una società che ci vorrebbe sempre sani e giovani, almeno nell’aspetto esteriore, e lo fa infarcendo di battute acute un film che sposta l’attenzione da un personaggio all’altro prendendosi il tempo di approfondirne il carattere. Una commedia sempre divertente, spesso esilarante, che mostra come, mentre tentiamo di fermare artificialmente il tempo, ci impediamo di crescere.
Ottimo cast che comprende, oltre a Bruno Ganz, la pluripremiata attrice tedesca Corinna Harfouch (la Giulia del titolo).

Il film è dedicato alla memoria del regista Daniel Schmid, scomparso esattamente tre anni fa, che avrebbe dovuto dirigere il film.

Roberto Rippa

Giulias Verschwinden (Svizzera, 2008)
Regia: Christoph Schaub
Sceneggiatura: Martin Suter
Fotografia: Filip Zumbrunn
Montaggio: Martina Wernli
Interpreti principali: Corinna Harfouch, Bruno Ganz, Stefan Kurt, André Jung, Teresa Harder, Max Herbrechter, Sunnyi Melles
87′

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+