CRITICA

Ogni singolo giorno. Escape at Dannemora

Ogni singolo giorno. Escape at Dannemora

Il genere Prison Drama ha sempre avuto un certo fascino. Da quel dimenticato ma potentissimo Monster’s Ball, partorito dalla mente del tedesco Marc Forster con un cast e una storia fortemente americani, Le Ali della Libertà, Prison Break, Orange is The New Black, le serie documentarie come Making a Murderer e molti altri, tutti prodotti fruibili che ormai hanno fatto

Il realismo impossibile in Roma di Cuaròn

Il realismo impossibile in Roma di Cuaròn

“Il realismo non è la storia di un rispecchiamento piatto e subalterno, ma di uno svelamento impossibile. Il realismo è una sfida alla natura e alla storia, per questo non può allontanarsene troppo; non può permettersi nessun intenzionale strappo alle leggi naturali e ai pilastri cronologici.” – Walter Siti, Il realismo è l’impossibile Qualcuno potrebbe credere che un film in

Profondamente commovente. “Roma” di Alfonso Cuarón

Profondamente commovente. “Roma” di Alfonso Cuarón

Fuori dalle dispute commerciali – vedi alla voce Netflix, Cannes, Anica, eccetera – e dai palmarès – passati e futuri –, entrambi gli aspetti pur riguardandoci ci interessano in fondo assai poco, quel che suscita la visione di Roma è una duplice e profondissima commozione: struggimento per la vicenda narrata e per i sentimenti in essa contenuti e pure, verrebbe

La follia è la forma più pura e totale del quiproquo. Fesser, Nehari, Ferri, Selvi

La follia è la forma più pura e totale del quiproquo. Fesser, Nehari, Ferri, Selvi

Qualche considerazione su Campeones (Non ci resta che vincere) di Fesser, Don’t Forget Me di Nehari, Pierino di Ferri e Waterloo di Selvi “Ormai la follia esiste unicamente come essere visto. Questa vicinanza che s’instaura nell’asilo, e che non sarà più spezzata né dalle catene né dalle inferriate, non consentirà affatto la reciprocità: essa è semplicemente vicinanza dello sguardo che

Realismo magico italiano

Realismo magico italiano

testo scritto in occasione di Corto Dorico 2018. Realismo magico italiano Il “realismo magico”, al cinema, è in essenza da concepirsi come una forma di realismo che contenga elementi surreali. Ma, dato che il più delle volte è la realtà stessa a manifestarsi come surreale, pare inevitabile concordare con il principe Saurau del bernhardiano Perturbamento, per il quale, “Il mondo

Le avventure di Sordi ovvero Le anime morte: “Assolto per aver commesso il fatto”

Le avventure di Sordi ovvero Le anime morte: “Assolto per aver commesso il fatto”

Bistrattato dal Mereghetti (o dai suoi scagnozzi compilatori) senza esser stato visto, Assolto per aver commesso il fatto (1992) di e con Alberto Sordi (sceneggiato da Sonego) ribalta quel pregiudizio corrivo dei reazionari dagli occhi affogati nella cotenna: per i quali il decennio 1990-2000 sarebbe privo d’opere cinematografiche italiane di rilievo. Come Gogol’, attraverso la figura del nobiluccio Cicikov, ci

L’eterno ritorno. “L’albero dei frutti selvatici” di Nuri Bilge Ceylan

L’eterno ritorno. “L’albero dei frutti selvatici” di Nuri Bilge Ceylan

È un cinema di colori desaturati e ombre insinuanti, quello di Nuri Bilge Ceylan, di primi piani indagatori, di mezzibusti prolungati, di controcampi differiti, di extreme long shot e figure umane isolate nei loro penetrali. Un fenotipo che, con un ricorso al montaggio maggiore rispetto al pregresso (se poi editor e director coincidono…), contraddistingue anche L’albero dei frutti selvatici, distribuito,

I palpiti e le emozioni di “The Death and Life of John F. Donovan” by Xavier Dolan

I palpiti e le emozioni di “The Death and Life of John F. Donovan” by Xavier Dolan

@THRmovies you can kiss my narcissistic ass Xavier Dolan Un come back atteso da migliaia di ammiratori, biglietti svaniti in poche ore e i tremila fortunati ne sono, oggi, storici testimoni. L’aria elettrica della sala e lo status di “mito”, già marcato sul calendario, sono due certezze che nessuno potrà mai negare. Così come l’errore, quella singola discesa della voce