Piombo fuso > Stefano Savona

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrEmail this to someonePrint this page

Piombo fuso01

62. Festival internazionale del film Locarno (sezione Concorso cineasti del presente)

Sinossi

Da Gaza non si esce, a Gaza non si entra.
E’ il 6 Gennaio 2009, l’undicesimo giorno dell’attacco israeliano contro la Striscia di Gaza. Mentre al di là del muro invalicabile che separa Gaza dal resto del mondo continuano i bombardamenti aerei e s’intensifica l’invasione di terra, nessun testimone è ancora riuscito a penetrare nella Striscia, a forzare il blocco assoluto imposto dalle truppe d’occupazione alla stampa internazionale.
Dalla frontiera con l’Egitto passano solo i feriti, i morti, e qualche camion di medicinali. Chi è qui per raccontare la guerra deve accontentarsi di qualche frase rubata a chi accompagna i feriti, mentre tutti gli obiettivi sono puntati oltre il confine a inquadrare le colonne di fumo nero tra le case in lontananza.
Poi, inaspettatamente e quasi per caso, si schiude un’impercettibile falla nel dispositivo impermeabile del confine. Prima che si richiuda, in pochissimi riescono a passare. Tra loro c’è anche un regista con una telecamera. Questo film mostra ciò che quella telecamera ha potuto filmare al di là di quel confine; è il semplice racconto per immagini della vita quotidiana a Gaza durante gli ultimi drammatici giorni dell’Operazione “Piombo Fuso”.

Quella raccontata nel documentario di Stefano Savona è una verità scomoda che varca il muro, abitualmente invalicabile, di Gaza, costruito dagli israeliani per circondare il territorio palestinese.
Attraverso alcune storie – una famiglia si stringe intorno al corpo di un dodicenne ucciso nei bombardamenti, un medico cura i feriti in condizioni precarie… – Savona mette a confronto quanto girato con le immagini dei telegiornali che parlano di un attacco mirato unicamente ai vertici di Hamas.
Solo immagini, nel film, per testimoniare ciò che abitualmente non ci è dato di vedere. Un documento prezioso.

Roberto Rippa

Il regista

Stefano Savona è nato a Palermo nel 1969. Ha studiato archeologia e antropologia a Roma e ha preso parte a diversi scavi archeologici in Sudan, Egitto, Turchia e Israele. Nel 1995 comincia a lavorare come fotografo indipendente. Dal 1999 si dedica principalmente all’attività di regista e produttore indipendente di film documentari.
Ha realizzato, oltre a numerose videoinstallazioni – tra cui ricordiamo quelle per le mostre collettive Mutation (2000) al Centre Arc-en-Rêve di Bordeaux, La Città Infinita (2003) e Dreams (2004) alla Triennale di Milano, D-Day (2005) al Centre Pompidou a Parigi, Bombay – Maximum City (2006) all’Espace Tri-Postal di Lille – i seguenti lungometraggi
documentari: Roshbash Badolato (1999), Un Confine di Specchi (2002) e Primavera in Kurdistan (2006) – Premio Internazionale della SCAM al Festival Cinéma du Réel di Parigi, Nomination ai David di Donatello, Genziana d’Oro al Trento Film Festival 2007, Premio Casa Rossa al 25° Bellaria Film Festival.
Nel 2008 realizza Il tuffo della rondine per Pulsemedia, Vivo Film e Castagneda riprendendo il viaggio di Massimo Zamboni a Mostar, incluso nel nuovo cofanetto di Zamboni dal titolo L’inerme è l’imbattibile.

Già quasi a Gaza per “filmare la guerra” ripensavo alle immagini che la televisione aveva mostrato sin dai primi momenti dell’attacco. Le macerie, i morti, i feriti, mille volte le stesse inquadrature senza contesto, disseminate tra i servizi dei telegiornali ad illustrare le notizie quotidiane dal fronte, restituivano un orrore opaco, muto, incomprensibile.
Come a volte accade al risveglio dagli incubi, di queste immagini private del loro orizzonte di spazio e di tempo restava addosso un malessere ottuso, simile alla claustrofobia: una sensazione di moltiplicata impotenza, di forzata estraneità nei confronti di una realtà che restava ambigua, remota, indecifrabile e che la moltiplicazione infinita degli schermi, incapace di addomesticare, contribuiva solo a banalizzare.
Poi ho oltrepassato il confine. E quello spaesamento è scomparso. Di colpo. Proprio mentre passo dopo passo, uno sguardo alla volta, imparavo faticosamente ad orientarmi tra i luoghi, i tempi, i volti di un paese in guerra.

(Stefano Savona)

Filmografia

2008 Il tuffo della rondine, digital, colore, 46’; prodotto da Pulsemedia, Vivo film e Castagneda
2006 Primavera in Kurdistan, digital, colore, 76’; prodotto da Minimum Fax e JBA Production.
2002 Un confine di specchi, colore, 76’; prodotto da Maat-Típota in collaborazione con Tele+
2001 Alfabe, colore, 20’; prodotto da Maat
2000 Siciliatunisia, installazione
1999 Roshbash Badolato, 57’; prodotto da Maat

Piombo Fuso (Italia, 2009)
Regia, fotografia: Stefano Savona
Musiche: Massimo Zamboni
Montaggio: Marzia Mete
82′





Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrEmail this to someonePrint this page