Cronenberg versus Van Sant: la convergenza dei due

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Cronenberg versus Van Sant

articolo pubblicato su Rapporto Confidenziale – numero1, gennaio 2008 (pag.4)

Cronenberg versus Van Sant: la convergenza dei due

di Costanza Baldini

Due film hanno chiuso in grande l’anno solare (2007, ndr) cinematografico italiano: “Eastern Promises” e “Paranoid Park”. Due film simili e speculari, realizzati da due grandi maestri del cinema americano: David Cronenberg e Gus Van Sant. Il filo sottile che lega questi due diversissimi film è il fatto che entrambi ruotano attorno ad un’unica indimenticabile scena di violenza. Due scene di violenza che sono però concepite e girate in modo diametralmente opposto.

EASTERN PROMISES è un film che mette in primo piano l’estetica e il sentimento. E’ un film che trasuda sensualità da ogni centimetro di schermo. C’è un legame affettuoso tra Nikolai (Viggo Mortensen) e Kirill (Vincent Cassel), c’è un legame affettuoso ed tra Nikolai e Anna (Naomi Watts), c’è un legame affettuoso tra Kirill e il padre, c’è un legame affettuoso tra Anna e Cristine, la bambina che lei accoglie come sua figlia. E’ un film in cui tutti cercano di proteggere chi amano. Al centro del film tuttavia, si colloca il corpo di Nikolai vero protagonista di “Eastern Promises”. Un corpo, ‘misura di tutte le cose’, un corpo che racconta la sua storia attraverso i tatuaggi, un super-corpo capace di baciare una bambina con delicatezza e allo stesso tempo di fare a pezzi un cadavere ridendoci sopra. L’ormai celebre scena della sauna è il trionfo di questo corpo. E’ una scena stupenda costruita dal regista in ogni minimo dettaglio. Cronenberg fa il miracolo di realizzare una sequenza che sulla carta poteva sembrare impossibile da recitare e da girare. Invece il corpo di Nikolai si muove con la grazia statuaria di un atleta greco e la brutalità dell’omicidio, che pure è innegabile, è lì proprio davanti ai nostri occhi, passa in secondo piano rispetto ai movimenti della camera che sembra come danzare insieme ai lottatori. Pochi minuti prima avevamo potuto ammirare un malinconico e dandy Nikolai quasi del tutto nudo, che attendeva languidamente sdraiato sul divano porpora del ristorante russo che il tatuatore finisse di disegnargli le ‘stelle sopra il cuore’, che scelta di parole romantica e non casuale per indicare una cosa sporca e brutta come l’ingresso nella famiglia della mafia russa. In una Londra quasi irriconoscibile si consuma una doppia storia d’amore, alla fine ognuno avrà ciò che vuole Anna coronerà il sogno d’amore con la sua bambina adottiva e la coppia Nikolai-Kirill si ricongiungerà in un commovente abbraccio finale, assai poco metaforico. La pace tra le coppie è stata ristabilita, il film è giunto alla sua conclusione. Una trama al limite della banalità per un film con dei colori spessi e cupi come un denso e fumante piatto di borsch, tutto da gustare.

Completamente diversa la situazione per PARANOID PARK.

Il piccolo Alex, ancora quasi un bambino più che un adolescente, si muove nei suoi jeans di marca come un sonnambulo in un mondo completamente alienato, fuori fuoco, in cui non esiste di fatto nessun rapporto ‘umano’. Il ragazzo vive sospeso in un nichilismo di fondo, un limbo irreale, in cui a nessuno importa realmente di te, neanche se commetti un omicidio. Alex si è docilmente adattato al mondo che lo circonda, i suoi genitori stanno divorziano ma è tutto ‘normale’ come gli dice il poliziotto. Il suo fratellino, ancora privo di uno schermo di separazione tra lui e la realtà abbastanza spesso, ogni sera per l’angoscia vomita la cena, ma nessuno sembra preoccuparsene più di tanto. Ad Alex non importa di niente, importa solo dello skate e di quel posto pazzesco che ha intravisto con un suo amico “Paranoid Park”, dove chiunque può andare lì e fare quello che gli pare. Durante tutto il film, girato tenendo sullo sfondo i colori freddi e grigi della piatta Portland, non succede praticamente niente, è proprio l’omicidio la chiave di volta. Un omicidio non voluto e non cercato, capitato per sbaglio, per caso. La scena è terribilmente brutale, quasi splatter, lo spettatore non sa bene come prenderla dopo un’ora circa di volteggi al rallentatore dietro ad uno skate. E’ la realtà che penetra violentemente nella vita di Alex, una realtà che non si può ignorare o non-ascoltare, non si può più fare finta che vada tutto bene, Alex è costretto a svegliarsi. Tanto era coinvolgente e sensuale la scena dell’omicidio in “Eastern Promises” tanto questa è disgustosa e inguardabile, fa venire la nausea. Anche la vita di Alex si ricomporrà alla fine. Nell’indifferenza generale delle persone che lo circondano si compie un omicidio e l’elaborazione dello stesso. Grazie ad una ragazza sorridente, meno superficiale degli altri (è l’unica a nominare l’Iraq in tutto il film), capitata quasi per caso sulla strada del protagonista, Alex potrà riflettere e liberarsi dal peso di una colpa che in realtà non è la sua.

* * *

La promessa dell’assassino (Eastern Promises, USA-UK/2007)

regia: David Cronenberg; sceneggiatura: Steven Knight; fotografia: Peter Suschitzky; montaggio: Ronald Sanders; musiche originali: Howard Shore; scenografie: Carol Spier; scenografo: Rebecca Holmes; arredatore: Judy Farr; costumi: Denise Cronenberg; casting: Deirdre Bowen, Nina Gold; produttori: Stephen Garrett, Robert Lantos, Tracey Seaward, Kahli Small, Paul Webster; produzione: Serendipity Point Films, BBC Films, Focus Features, Kudos Film and Television, Scion Films Limited; distributore: Eagle Pictures; data di uscita nelle sale italiane: 14 dicembre 2007; paese: USA, UK; anno: 2007; durata: 100’.

interpreti: Naomi Watts, Viggo Mortensen, Vincent Cassel, Armin Mueller-Stahl, Raza Jaffrey, Radoslaw Kaim, Cristina Catalina, Alice Henley, Tamer Hassan, Gergo Danka, Olegar Fedoro.

Paranoid Park (Paranoid Park, USA-Francia/2007)

Regia, sceneggiatura, montaggio: Gus Van Sant; dall’omonimo romanzo di Blake Nelson; fotografia: Christopher Doyle, Rain Kathy Li; scenografie: John Pearson-Denning; suono: Leslie Shatz; missaggio: Felix Andrew; costumi: Chapin Simpson; casting: Lana Veenker, Berney Telsey CSA, David Vaccari; 1° aiuto regista: Jonas Spaccarotelli; 1° aiuto operatore: Christopher Blauvelt; produttori: David Cress, Charles Gilibert, Marin Karmitz; Nathanaël Karmitz; Neil Kopp; produzione: MK2 Productions, Meno Films, Centre National de la Cinématographie (CNC); distributore: Lucky Red; data di uscita nelle sale italiane: 7 dicembre 2007; paese: USA, Francia; anno: 2007; durata: 90’.

interpreti: Gabe Nevins, Dan Liu, Jake Miller, Taylor Momsen, Lauren Mc Kinney, Olivier Garnier, Scott Green, Winfield Henry Jackson, Dillon Hines, Brad Peterson, John “Mike” Burrowes, Emma Nevins, Joe Schweitzer, Christopher Doyle, Grace Carter, Jay “Smay” Williamson.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+