Castro > Alejo Moguillansky

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Castro01

62. Festival internazionale del film Locarno (sezione Concorso cineasti del presente)

Castro corre. Si è lasciato la sua vita alle spalle e sopravvive nascondendosi in una stanza a La Plata. Nella sua vita è comparsa celia, giovane, bellissima e, talvolta, crudele. Celie e Castro sopravvivono senza un lavoro e senza un soldo. Forse si amano.
Un giorno partono alla volta di Buenos Aires, in cerca di un nuovo rifugio, e dove Castro cerca un lavoro per accorgersi che lavorare significa solo buttare via la propria vita.
A Buenos Aires, sulle sue tracce, si aggiungono varie persone: Samuel, suo ex professore, che ha bisogno di lui, Rebeca Thompson, la sua ex moglie, perché ancora lo ama, Willy, che lo rincorre senza sapere il perché, Acuña, pagato per farlo.
A un certo punto Castro riprende a correre, questa volta per sparire per sempre.

Caccia all’uomo dai dialoghi serrati e dai movimenti frenetici, Castro condivide con l’altro film argentino in competizione – il bellissimo Todos mienten di Matías Piñeiro (che qui fa una rapida comparsa) – casa di produzione (El pampero, co-fondata dallo stesso Moguillansky), il sostegno da parte della Universidad del Cine di Buenos Aires (dove Moguillansky insegna, così come Piñeiro) e alcuni interpreti (Julia Martinez Rubio, Esteban Lamothe, Julian Tello, Esteban Bigliardi) ma i punti di contatto si fermano qui. Ispirandosi al romanzo Murphy di Samuel Beckett e – visivamente – ai fotografi Todd Hido e William Egglestone, Alejo Moguillansky gira un film colto e divertito di cui si può tranquillamente dire che non si sia visto nulla di simile sino ad ora. I dialoghi, frenetici come i movimenti, sembrano colpi di pistola, i personaggi, pur tratteggiati con la stessa rapidità, hanno uno uno spessore che li proietta fuori dallo schermo, e Castro, infine, appare come un divertissement sul passato che non ci si può lasciare alle spalle semplicemente allontanandosene di corsa nonché un discorso sulla velocità del cinema.
Contiene un inseguimento a più auto tra i più divertenti mai visti sullo schermo.
Con Todos mienten, Castro condivide infine un altro aspetto: quello di essere uno tra i film più interessanti, vivi e divertenti della sezione.

Roberto Rippa

Il regista

Nato nel 1978 a Buenos Aires, Alejo Moguillansky inizia la carriera come montatore, lavorando con registi come Rafael Filippeli, Albertina Carri e Mariano Llinás. Nel 2005 realizza insieme a Fermín Villanueva il suo primo lungometraggio, La prisonera, proiettato in anteprima al Festival di Berlino nel 2006. Successivamente, fonda insieme a Mariano Llinás e Agustín Mendilaharzu la casa di produzione El Pampero Cine, per la quale realizza due documentari sul film Invasión di Hugo Santiago. Nel 2008 dirige insieme a Lola Arias lo spettacolo teatrale El amor es un francotirador. Alejo Moguillansky è anche professore di Cinema all’Università di Buenos Aires.

Castro corre. La vita lo insegue. Il perché non ha importanza. Ciò che conta è che scappa e che la sua è una fuga ontologica: il film narra i suoi innumerevoli esili fino al momento in cui, forse, riuscirà a fermarsi. L’inseguimento, come ha detto Melville, è un veicolo, un modo per dare nuovo vigore al film, come un motore che va su di giri e che solo una tragedia può fermare. In questo senso, Castro è una tragedia moderna. Volevo fare un film in cui la ricerca non fosse una lunga e logorante attesa, ma una corsa scatenata e folle in cui gli attori corrono, combattono e cadono, un film in cui i corpi diventano entità metafisiche. Ma se Castro è un film sulla veloctà del cinema, lo e anche sull’immobilità. Buenos Aires: c’è qualcosa in questa città che genera finzione, storia. Le ambientazioni delle riprese amplificano questa finzione ed è proprio alora che Castro diventa realistico: quando gli scenari del film, per quanto assurdi, eccentrici e buffi, diventano imprenscidibili. A quel punto, commedia e malinconia coesistono in una stessa immagine del sud devastato di Buenos Aires.

(Alejo Moguillansky)

Castro (Argentina, 2009)
Regia, sceneggiatura: Alejo Moguillansky
Musiche: Ulises Conti
Coreografie: Luciana Acuña
Fotografia: Gustavo Biazzi
Montaggio: Alejo Moguillansky, Mariano Llinás
Interpreti principali: Edgardo Castro, Julia Martínez Rubio, Alberto Suárez, Carla Crespo, Esteban Lamothe, Gerardo Naumann, Rita Carou, Fernando Llosa, Julian Tello, Esteban Bigliardi, Laura Paredes, Walter Jacob, Luciana Acuña.
87′

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+