Morgen > Marian Crisan

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

articolo pubblicato su Rapporto Confidenziale numero28 (speciale 2010) pag. 59
all’interno di RC:speciale 63° Festival del film Locarno 4-14 | 8 | 2010

Morgen
Marian Crisan | Francia, Romania, Ungheria – 2010 – 35mm – colore – 100′

di Roberto Rippa

Nelu, un uomo sulla quarantina, lavora come guardia di sicurezza al supermercato di Salonta, una piccola cittadina sul confine rumeno-ungherese. Qui, molta gente tenta con ogni mezzo di superare illegalmente la frontiera per raggiungere l’Europa occidentale attraverso l’Ungheria. Per Nelu, le giornate trascorrono una identica all’altra: all’alba va a pescare, poi al lavoro e infine torna a casa da Florica, sua moglie, in una fattoria isolata nei campi fuori dall’abitato. Un giorno, Nelu pesca «qualcosa» di diverso: un cittadino turco che sta tentando di attraversare la frontiera. Incapaci di intendersi verbalmente, i due riescono comunque a comunicare. Nelu porta lo straniero a casa sua, offrendogli vestiti asciutti, cibo e ospitalità. In cambio, l’altro gli dà tutti i soldi che possiede, chiedendogli di aiutarlo a varcare il confine. Nelu accetta il pagamento e promette di aiutarlo l’indomani, Morgen...

A Salonta, nella regione storica della Transilvania, al confine con l’Ungheria, Marian Crisan mette in scena l’incontro tra due persone sullo sfondo di una situazione assurda, quella di una frontiera blindata sotto il regime di Ceauşescu, sparita di fatto nel 2002 ma ora sorvegliata da una molto zelante guardia di frontiera che controlla l’intero territorio circostante.
Mentre Nelu sembra annaspare in una quotidianità fatta di situazioni ripetute e mancanza di denaro, il nuovo arrivato – un uomo Turco che cerca di varcare la frontiera con l’Ungheria camminando nei canali di irrigazione per non farsi notare – è uno tra i tanti che nel tentativo di cercare un presente migliore rischiano di rimanere imbrigliati nelle assurdamente severe leggi sull’immigrazione.
Il loro incontro cambierà la vita ad entrambi.
Marian Crisan realizza un film sincero e forte cui l’ironia non fa mai difetto. Ulteriore capitolo di quel nuovo cinema rumeno – fatto di storie semplici raccontate con un tono neorealista in cui la sincerità non viene mai meno – di cui spesso abbiamo parlato in queste pagine, Morgen è il primo lungometraggio di un regista estremamente promettente che speriamo possa trovare una vasta distribuzione.

Marian Crisan

Nato in Romania nel 1976, si diploma in regia cinematografica all’Accademia di teatro e cinema di Bucarest. Nel 2008, il suo film d’esordio Megatron vince a a annes la Palma d’oro per il miglior cortometraggio. Morgen è il suo primo lungometraggio.

Morgen
Francia, Romania, Ungheria – 2010 – 35mm – colore – 100′
Opera prima | Concorso internazionale | 63° Festival del film Locarno
Regia, sceneggiatura: Marian Crisan
Fotografia: Tudor Mircea
Montaggio: Tudor Pojoni
Interpreti principali: András Hatházi, Yilmaz Yalcin, István Dankó, Elvira Rimbu

Sito ufficiale

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+