Ça rend heureux > Joachim Lafosse

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

A Bruxelles, Fabrizio, un regista disoccupato, non sta vivendo il suo momento migliore: il suo rapporto di coppia si sta concludendo tra liti cui non sono estranei i problemi professionali e il suo primo film non ottiene alcun successo di pubblico.
A completare il quadro, giunge la notizia che, non dovesse trovare un lavoro entro sette mesi, perderà il diritto al sussidio di disoccupazione. Grazie al suo amico Kris e all’infatuazione per la cameriera di un pub, Fabrizio trova la voglia di girare un nuovo film. Formato un cast tecnico di professionisti del cinema tutti disoccupati, inizierà una nuova avventura nel tanto amato cinema.

Questo Effetto notte belga mette in scena una storia vera: il regista Joachim Lafosse è stato davvero vittima dell’insuccesso commerciale del suo primo lungometraggio Folie privée (ben accolto dalla critica, premiato in vari festival e presente in concorso a Locarno nel 2004), i manifesti del film che nel film gli vediamo affiggere nel tentativo di attirare pubblico nelle sale sono proprio quelli di quel film.
Alternando finzione a esperienza vissuta, Lafosse costruisce, sceneggiandolo insieme ai suoi attori, un film a tratti esilarante, spesso commovente che è un vero e proprio inno d’amore al cinema, inno d’amore raccontato attraverso la descrizione dei rapporti tra i vari personaggi e la rappresentazione delle difficoltà nel costruire un film partendo da zero.
Alla fine riesce a realizzare un film paradossalmente meno autoreferenziale di quanto avrebbe potuto essere, denso di ironia e intelligenza.

59. Festival internazionale del film Locarno (sezione Competizione internazionale)

Roberto Rippa

Joachim Lafosse, 1975, si diploma all’Institut des arts de diffusion di Louvain-la-Neuve, presso Bruxelles. Nel 2001 realizza il suo primo cortometraggio, Tribu, che gli vale riconoscimenti a vari festival e una menzione speciale al Festival di Locarno. Dopo avere lavorato anche come regista teatrale, gira nel 2003 il suo primo lungometraggio Folie privée (premio CICAE come migliore film europeo e candidato al Pardo d’oro a Locarno). Alla Mostra del cinema di Venezia 2006 verrà presentato Nue proprieté, con Isabelle Huppert e Jérémie Rénier.

Ça rend heureux
(Belgio/Italia, 2006)
Regia: Joachim Lafosse
Sceneggiatura: Joachim Lafosse, Samuel Tilman, Fabrizio Rongione, Kris Cuppens, Vania Leturcq, Mariet Eyckmans, Catherine Salée
Fotografia: Ana Samoilovich
Montaggio: Sophie Vercruysse
Interpreti: Fabrizio Rongione, Kris Cuppens, Catherine Salée, Mariet Eyckmans, Dirk Tuyppens, Cédric Eekout
35mm
85’

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+