Mostra de Cinema Italià de Barcelona / 15-19 dicembre 2017

È sempre una festa per noi italiani che viviamo a Barcellona veder spuntare, appesi al collo dei lampioni, gli inconfondibili cartelli ideati da Antonella e Maria Pizzetti (pizzettiepartner.it) che dal 2012 annunciano le date de la Mostra de Cinema Italià de Barcelona – la MCIB.
Quest’anno arriva correndo su una cinquecento giallo-fiammante, con il suo carico di proposte cinematografiche di lungometraggi e cortometraggi che hanno già conquistato i festival di Venezia, Cannes, Berlino, Londra, Locarno, Toronto e Tokyo tra gli altri.

Siamo pronti.
Oggi si inizia.

La Selezione Ufficiale non prevede un concorso ed è costituita da 8 lungometraggi: “Amori che non sanno stare al mondo” – di Francesca Comencini; “Il contagio” di Matteo Botrugno e Daniele Coluccini; “Il Cratere” di Silvia Luzi e Luca Bellino; “Dove cadono le ombre” di Valentina Pedicini (vincitrice del Premio al Miglior Cortometraggio nella scorsa edizione e che ora presenta il suo primo lungometraggio); “Easy” di Andrea Magnani; L’equilibrio di Vincenzo Marra; Fortunata di Segio Castellito e il film d’animazione “Gatta Cenerentola” di Alessandro Rak, Ivan Cappiello, Marino Guarnieri e Dario Sansone.

I cortometraggi invece partecipano ad un concorso e sono: “Adavede” di Alain Parroni; Dues di Riccardo Giacconi; “Les fantomes de la veille” di Manuel Billi; “El legionari” di Hleb Papu; “MaLaMènti” di Francesco di Leva; “Piccole italiane” di Letizia Lamartire e “Les visites” di Elio di Pace.

Sono previste due proiezioni speciali: “Ammore e Malavita” di Antonio e Marco Manetti e “Moglie e marito” di Simone Godano.

La Mostra aprirà le porte al pubblico oggi alle 19.00, al Cinema Verdi, nel cuore dello storico quartiere di Gracia, con la proiezione di “Ammore e Malavita” di Antonio e Marco Manetti che riceveranno il Premio d’Onore del CSCI – Centro Studi sul Cinema Italiano – consegnato da Daniela Aronica, direttrice e fondatrice CSCI e direttrice della MCIB.

“Il Centro Studi sul Cinema Italiano assegna il premio d’Onore ad un giovane autore con l’intenzione di puntare l’attenzione su artisti all’apice della loro attività creativa. I Fratelli Manetti vengono da una lunga stagione di videoclips con i quali hanno consolidato una tecnica, una capacità registica e uno stile unici. Non si presentano più come “promesse” del cinema italiano ma come professionisti in carriera ed era giusto riconoscerglielo. Ho fondato il CSCI nel 2000 con una mission ben precisa, vicina alla filosofia della MCIB: far conoscere il cinema italiano in Spagna e all’estero. Uno dei nostri strumenti di diffusione è una rivista annuale di 400 pagine sulla quale hanno scritto circa 600 tra giornalisti, critici, giovani ricercatori e autori italiani. Ogni anno approfondiamo un tema e quest’anno ci dedicheremo ai linguaggi neo-sperimentali. Il premio d’Onore consiste in una scultura originale, per promuovere indirettamente anche il dialogo tra arti diverse.”

La scommessa della MCIB continua ad essere quella di trasformare Barcellona in una piattaforma privilegiata per la diffusione in Spagna del miglior cinema prodotto in Italia, facendo al contempo un bilancio dell’anno che sta per chiudersi. L’entrata alle proiezioni è gratuita, fino a esaurimento dei posti in sala. Quest’anno quattro dei dieci lungometraggi selezionati hanno già una distribuzione e si potranno vedere nel 2018, mentre per le altre opere è stato organizzato un incontro aperto ai distributori per una possibile immissione nel mercato.

“Dopo sei edizioni possiamo dire che siamo riusciti a proporre una formula che funziona per tutti – pubblico, critici, giornalisti, autori, distributori – e che per questo è rimasta fino ad oggi invariata. Non si tratta di un vero e proprio festival ma di una vetrina nella quale si ha l’occasione di mostrare al pubblico e ai distributori i prodotti più interessanti del cinema italiano. Ultimamente abbiamo notato come si crei un clima di grande attesa e curiosità nei giorni che precedono la Mostra e siamo molto contenti che questo accada.”

I cortometraggi che concorrono al Premio del CSCI al Miglior Cortometraggio hanno formato parte del SIC@SIC, un progetto promosso dalla Settimana Internazionale della Critica del Festival di Venezia e dall’Istituto Luce Cinecittà, con l’obbiettivo di promuovere i giovani autori italiani.

“Per gli studenti che iniziano a fare cinema, il cortometraggio è spesso il punto d’inizio. All’interno della Mostra abbiamo deciso di dedicare un premio al Miglior Cortometraggio per offrire un piccolo riconoscimento in denaro e spingere i registi a proseguire nel loro cammino. Valentina Pedicini incarna questo percorso: vinse il premio l’anno scorso e quest’anno è presente alla Mostra con il suo primo lungometraggio.”

L’unico genere che sembra – sembra! – rimanere fuori dalla Mostra è il documentario.
Daniela precisa: “I film che presentiamo risentono di una nuova estetica che affonda le proprie radici negli Anni ’90, quando gli autori si trovarono a ripensare totalmente al linguaggio cinematografico. Tutti i film riflettono questo rinnovamento dello sguardo e molti degli autori che sono passati alla Mostra hanno lavorato a cavallo tra fiction e non fiction. È il caso di Gianfranco Rosi con “Sacro Gra” o di Andrea Segre. Quello che non vogliamo è marginalizzare un genere che il pubblico già recepisce come destinato alle cineteche. Ha davvero senso, in un’epoca in cui l’ibridazione è la cifra dello stile di molti autori parlare di fiction e non fiction? Non saranno ormai obsolete queste categorizzazioni?”

Alla Mostra saranno presenti i registi e alcuni degli attori per presentare le loro opere e tutti saranno a disposizione per le interviste con la stampa e per l’incontro con il pubblico.

Si tratta insomma di una grande festa, di un modo unico per chiudere l’anno, celebrando e promuovendo – anche dall’estero – la grande produzione cinematografica italiana.

 

MOSTRA DE CINEMA ITALIÀ DE BARCELONA / 15-19 DICEMBRE 2017
PROGRAMMAZIONE

venerdì 15 dicembre – inaugurazione
19:30 / SALA 1 – CINES Verdi
Ammore e malavita (133′)

sabato 16 dicembre
17:30 / Sala B. Verdi Park
Il Cratere (94′)

sabato 16 dicembre
20:00 / Sala B. Verdi Park
Amori che non sanno stare al mondo (92′)

sabato 16 dicembre
22:00 / Sala B. Verdi Park
Gatta cenerentola (86′)

domenica 17 dicembre
17:30 / Sala B. Verdi Park
Cortometraggi

domenica 17 dicembre
19:30 / Sala B. Verdi Park
Premio CSCI al Miglior Cortometraggio

domenica 17 dicembre
20:00 / Sala B. Verdi Park
Dove cadono le ombre (95′)

domenica 17 dicembre
22:00 / Sala B. Verdi Park
Il Contagio (105′)

lunedì 18 dicembre
20:00 / Sala B. Verdi Park
L’Equilibrio (90′)

lunedì 18 dicembre
22:00 / Sala B. Verdi Park
Moglie e Marito (100′)

martedì 19 dicembre
20:00 / Sala B. Verdi Park
Easy (91′)

martedì 19 dicembre
22:00 / Sala B. Verdi Park
Fortunata (103′)



L'articolo che hai appena letto gratuitamente a noi è costato tempo e denaro. SOSTIENI RAPPORTO CONFIDENZIALE e diventa parte del progetto!



Iscriviti alla Newsletter

* campo obbligatorio