Locarno 62 – Manga Impact

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+
The Book of the Dead di Kihachiro Kawamoto,

The Book of the Dead di Kihachiro Kawamoto

62o
Festival del film Locarno
5-15 | 8 | 2009

Manga Impact – The World of Japanese Animation

Locarno6201

«Fumetti e cartoni animati, personaggi videoludici e film d’autore, sperimentazioni visive e merchandising, collezionismo e opere d’arte. Detto altrimenti: Osamu Tezuka e Heidi, i Pokémon e La città incantata, Animatrix e le card di Dragonball; i robottini e i disegni di Katsuhito Ishii…
La ricchezza di un popolo e della sua cultura si rispecchia nella varietà espressa dall’animazione giapponese. Per cercare di restituire anche solo un poco di questa diversità, l’ipotesi di organizzare una semplice retrospettiva si è subito rivelata riduttiva. Da quando, due anni e mezzo fa, questo progetto è partito, per volontà di Tiziana Finzi, Manga Impact è stato il luogo di una scommessa, quella innanzitutto di trovare la formula per far convivere questa complessità all’interno di un evento. La risposta è arrivata grazie alla sinergia tra il Festival di Locarno e il Museo del cinema di Torino. Di qui si è strutturato un progetto partito da un’immagine ben precisa: l’impatto che l’animazione giapponese ha avuto verso la metà degli anni settanta sull’Europa (sulla Francia, l’Italia e la Spagna in particolare), e andato poi allargandosi fino a tracciare una mappa di questo fantastico universo. Non una retrospettiva, dunque, ma un progetto unico che s’inaugura a Locarno e che si concluderà a gennaio 2010 negli spazi della Mole Antonelliana a Torino. Il progetto si compone di un insieme di eventi ognuno a suo modo autonomo. Alcuni di questi eventi avranno il loro compimento durante la 62esima edizione del Festival di Locarno, altri saranno oggetto di una presentazione a Locarno per essere poi sviluppati in modo più compiuto nella sede torinese a partire dal 16 settembre prossimo
».

Carlo Chatrian, curatore di Manga Impact

Cyborg 009 gekijo ban: cho ginga densetsu di Masayuki Akeki

Cyborg 009 gekijo ban: cho ginga densetsu di Masayuki Akeki

Nell’ambito del 62° Festival di Locarno, il progetto Manga Impact prevede il seguente programma.

Retrospettiva: lungometraggi, serie TV, cortometraggi

Una corposa retrospettiva proporrà prima di tutto una trentina di lungometraggi rappresentativi delle diverse sfaccettature e dei vari filoni dell’animazione giapponese, a partire da Hakuja Den (The Legend of the White Snake, 1958), primo lungometraggio animato del paese, fino al recente The Sky Crawlers (2008). Vedremo
così alcune pietre miliari del genere science-fiction (Jin Roh, Patlabor 2, Ghost in the Shell); lungometraggi tratti da serie TV di successo (Cyborg 009, Galaxy Express 999, Capitan Harlock, Kimba, il leone bianco); lavori di maestri che hanno fatto storia (come Cleopatra: Queen of Sex, One Thousand and One Nights, nati dal genio di Osamu Tezuka); lungometraggi recenti contrassegnati da un ampio successo internazionale (Akira, Metropolis, Tekkonkinkreet, La Città incantata, Nausicaä della valle del vento, Perfect Blue); ma anche un insieme di opere particolari e poco viste, in contro-tendenza rispetto ai codici del resto della produzione giapponese (Belladonna of Sadness, 5 Centimeters per Second, The Book of the Dead). Completa il programma Kill Bill Vol.1, titolo occidentale sintomatico della forte influenza esercitata dalla produzione animata nipponica fuori dai propri confini.
Verrà inoltre proposta una carrellata di una ventina di serie TV rilevanti per successo di pubblico, qualità e influenza esercitata sulla produzione di animazione giapponese.
A partire dalla prima serie tv animata giapponese (Astro Boy, 1963, qui proposto nella sua versione a colori del 1980) fino a I cavalieri dello zodiaco, passando da Black Jack, Conan il ragazzo del futuro, Dragonball e Il mistero della pietra azzurra. Per ogni serie saranno presentati i primi due episodi in versione originale sottotitolata.

La retrospettiva prevede anche diversi programmi di cortometraggi di animazione, fra i quali:

– un programma dedicato a Osamu Tezuka, inventore dell’animazione giapponese moderna e creatore, fra gli altri, di Astro Boy. I suoi affascinanti cortometraggi rappresentano un contraltare inatteso e poco conosciuto rispetto al resto della sua attività, sintomo di un notevole eclettismo creativo.

– un programma dedicato a Kihachiro Kawamoto, maestro dell’animazione d’avanguardia, più conosciuto per il suo lungometraggio in stop-motion The Book of the Dead.

– una selezione che presenta le opere di giovani talenti di oggi legati alla video arte o al mondo della comunicazione: un quadro diversificato delle nuove tendenze dell’animazione giapponese contemporanea, fra cui spiccano i lavori di Yoji Kuri e il cortometraggio vincitore dell’Oscar 2009 per il miglior corto di animazione, La maison en petits cubes.

Nausicaä of the Valley of the Wind di Hayao Miyazaki

Nausicaä of the Valley of the Wind di Hayao Miyazaki

Infine, un insieme di programmi tematici e omaggi che comprendono:

– una selezione di cortometraggi curati dal National Film Center di Tokyo che illustra gli albori dell’animazione nipponica dagli anni ‘20 al secondo dopoguerra, con una serie di rarità

– un focus sullo studio Gainax, produzione giapponese affermatasi negli ultimi anni come una delle più attive e influenti

– tre omaggi a registi e creatori di spicco dell’animazione giapponese, che saranno presenti a Locarno: Yoshiyuki Tomino, Isao Takahata e Ichiro Itano.

Incontri e workshop

Tre incontri aperti al pubblico avranno luogo al Forum (Spazio Cinema):

– una tavola rotonda su Manga Impact con il curatore della sezione, registi, produttori ed esperti di animazione giapponese

– una conversazione tra il maestro giapponese Isao Takahata e il regista francese di animazione Michel Ocelot

– una Masterclass di Yoshiyuki Tomino

Saranno inoltre organizzati in collaborazione con il Festival di Locarno, durante la manifestazione, tre laboratori riservati a studenti e professionali:

– il regista Hiroyuki Yamaga, co-fondatore dello studio Gainax, sarà ospite della Summer School 2009 dell’Università della Svizzera italiana.

– Il regista Ichiro Itano terrà un workshop assieme a studenti dell’Università di Scienze e Arti applicate di Lucerna.

– Katsuhito Ishii, creatore di Redline e delle animazioni di Kill Bill Vol.1, terrà una Masterclass nell’ambito dei seminari della fondazione FOCAL

Mostra

Presso i locali della scuola SPAI sarà possibile usufruire di un’anticipazione della grande mostra Manga Impact organizzata presso la sede del Museo nazionale del cinema di Torino, alla mole Antonelliana dal 16 settembre al 10 gennaio 2010. Scopo dell’evento sarà di analizzare le componenti che stanno alla base della creazione di un film di animazione, ma anche il fenomeno del merchandising legato a molte produzioni di successo. Sarà esposta in anteprima, per il pubblico locarnese, una selezione di poster, disegni preparatori, cels e oggetti di merchandising, provenienti dagli studios giapponesi.

L’animazione giapponese nelle altre sezioni del Festival

Andando oltre il progetto Manga Impact, quest’anno è l’insieme della programmazione della 62esima edizione del Festival a dare ampio spazio all’animazione giapponese contemporanea. Diversi i film presenti nelle varie sezioni: dal Concorso internazionale (Summer Wars) al Concorso Cineasti del presente (Musashi: The Dream of The Last Samurai), fino alla Piazza Grande (con Redline, Pom Poko e una speciale «Manga Night»).
Inoltre, nell’ambito della sezione Ici & Ailleurs / Anime Now vi sarà una finestra sulle ultime produzioni dell’animazione giapponese in anteprima. Fra queste, saranno presentati i più recenti lungometraggi tratti da due delle serie TV più celebri degli ultimi dieci anni: Pokémon, fenomeno cult in tutto il mondo con seguito e
merchandising senza eguali, e One Piece, la serie attualmente di maggior successo.

Tekkonkinkreet di Michael Arias

Tekkonkinkreet di Michael Arias

Libro

Infine, in occasione del progetto Manga Impact, the World of Japanese Animation, il Festival del film di Locarno in collaborazione con il Museo Nazionale del cinema di Torino e con la casa editrice Phaidon pubblicherà un libro dedicato all’animazione giapponese. Il volume, che sarà pubblicato in autunno, comprende una quindicina di saggi realizzati dai maggiori esperti mondiali del settore e una ricca serie di schede dedicate ai personaggi, ai registi e agli studios del settore.
Il libro è a cura di Carlo Chatrian e Grazia Paganelli e contiene testi di Philip Brophy, Jonathan Clements, Jordi Costa, Luca Della Casa, Stéphane Delorme, Stefano Gariglio, Davide di Giorgio, Daniele Dottorini, Paul Gravett, Erwan Higuinen, Giona A. Nazzaro, Maria Roberta Novielli, Luca Raffaelli, Gianni Rondolino, Michel Roudevitch, Mario Rumor, Stephen Sarrazin, David Surman, Tsugata Nobuyuki.

I film che verranno presentati nell’ambito della retrospettiva (in ordine cronologico):

• THE WHITE SNAKE ENCHANTRESS (Hakujaden) di Taiji Yabushita – 1958 – 79 min
• BELLADONNA OF SADNESS (Kanashimi no belladonna) di Eiichi Yamamoto – 1966 – 75 min
• KIMBA, THE WHITE LION (Janguru taitei) di Eiichi Yamamoto – 1966 – 75 min
• DORORO (Dororo to hyakkimaru) (serie tv, episodi 1&2) di Gisaburo Sugii – 1967
• PRINCESS KNIGHT (Ribbon no kishi) (serie tv, episodi 1&2) di Chikao Katsui, Kanji Akabori – 1967
• ONE THOUSAND AND ONE NIGHTS (Senya ichiya monogatari) di Eiichi Yamamoto – 1969 – 128 min
• PUSS IN BOOTS (Nagagutsu wo haita neko) di Kimio Yabuki 1969 – 80 min
• CLEOPATRA: QUEEN OF SEX di Eiichi Yamamoto, Osamu Tezuka – 1970 – 112 min
• MARVELOUS MELMO (Fushigi na merumo) (serie tv, episodi 1&2) di Tsunehito Nagaki – 1971
• CONAN, THE BOY IN FUTURE (Mirai shounen conan) (serie tv, episodi 1&2) di Hayao Miyazaki, Isao Takahata, Keiji Hayakawa – 1978
• GALAXY EXPRESS 999 (Ginga tetsudo 999) di Rintaro – 1979 – 128 min
• ASTRO BOY (Tetsuwan atom) (serie tv, episodi 1&2) di Osamu Tezuka – 1980
• CYBORG 009: THE LEGEND OF THE SUPER GALAXY (Cyborg 009 gekijo ban: cho ginga densetsu) di Masayuki Akeki – 1980 – 130 min
• SPACE PIRATE CAPTAIN HARLOCK: ARCADIA OF MY YOUTH (Waga Seishun No Arcadia) di Tomahoru Katsumata – 1982 – 130 min
• ARMORED TROOPER VOTOMS (Soukou kihei votoms) (serie tv, episodi 1&2) di Ryousuke Takahashi – 1983
• BAREFOOT GEN (Hadashi no gen) di Mamoru Shinzaki – 1983 – 83 min
• NAUSICAÄ OF THE VALLEY OF THE WIND (Kaze no tani no naushika) di Hayao Miyazaki – 1984 – 117 min
• DAGGER OF KAMUI (Kamui no ken) di Rintaro – 1985 – 132 min
• DIRTY PAIR (Dati pea) (serie tv, episodi 1&2) di Norio Kashima, Toshifumi Takizawa – 1985
• DRAGON BALL (serie tv, episodi 1&2) di Daisuke Nishio, Minoru Okazaki –1986
• SAINT SEIYA (serie tv, episodi 1&2) di Kazuhito Kikuchi, Kozo Morishita – 1986
• CITY HUNTER (serie tv, episodi 1&2) di Kenji Kodama – 1987
• AKIRA di Katsuhiro Otomo – 1988 – 124 min
• DRAGON BALL Z (serie tv, episodi 1&2) di Daisuke Nishio –1989
• PATLABOR 2 – THE MOVIE (Kido keiatsu patoreba: the movie 2) di Mamoru Oshii – 1993 – 107 min
• DRAGON BALL GT (serie tv, episodi 1&2) di Daisuke Nishio, Osamu Kasai – 1996
• ESCAFLOWNE (Tenku no escaflowne) (serie tv, episodi 1&2) di Kazuki Akane – 1996
• GHOST IN THE SHELL (Kokaku kidotai) di Mamoru Oshii – 1996 – 82min
• REVOLUTIONARY GIRL UTENA (Shojo kakumei utena) (serie tv, episodi 1&2) di Shichiro Hayashi – 1996
• BLUE SUBMARINE No.6 (Ao no roku-go) (serie tv, episodi 1&2) di Mahiro Maeda, Masahiro Ozawa – 1998
• JIN ROH: THE WOLF BRIGADE (Jin-ro) di Hiroyuki Ofiura – 1998 – 102 min
• PERFECT BLUE di Satoshi Kon – 1998 – 81 min
• GTO (Great teacher onizuka) (serie tv, episodi 1&2) di Naoyasu Hanyu, Noriyki Abe – 1999
• COWBOY BEBOP THE MOVIE: KNOCKIN’ ON HEAVEN’S DOOR (Kauboi bibappu: tengoku no tobira) di Shinichiro Watanabe – 2001 – 116 min
• METROPOLIS (Metoroporisu) di Rintaro – 2001 – 109 min
• SPIRITED AWAY (Sen to chihiro no kamikakushi) di Hayao Miyazaki – 2001 – 125 min
• KILL BILL Vol.1 di Quentin Tarantino – 2003 –111 min
• LAST EXILE (serie tv, episodi 1&2) di Koichi Chigira – 2003
• THE ANIMATRIX di Peter Chung, Yoshiaki Kawajiri, Takeshi Koike, Mahiro Maeda, Koji Morimoto, Shinichiro Watanabe – 2003 – 102 min
• BLACK JACK (serie tv, episodi 1&2) di Satoshi Kuwabara – 2004
• BURST ANGEL (Bakuretsu tenshi) (serie tv, episodi 1&2) di Koichi Ohata – 2004
• MUSHISHI (serie tv, episodi 1-4) di Hiroshi Nagahama – 2005 – 4 x 25 min
• THE BOOK OF THE DEAD (Shisha no sho) di Kihachiro Kawamoto – 2005 – 70 min
• TEKKONKINKREET (Tekkon kinkurito) di Michael Arias – 2006 – 111 min
• 5 CENTIMETERS PER SECOND: A CHAIN OF SHORT STORIES ABOUT THEIR DISTANCE (Byosoku 5 senchimetoru) di Makoto Shinkai – 2007 – 62 min
• THE SKY CRAWLERS (Sukai kurora) di Mamoru Oshii – 2008 – 121 min

Alla scoperta del cinema d’animazione giapponese delle origini

Programma realizzato in collaborazione con il National Film Center di Tokyo

Le premesse dell’animazione giapponese
I primi tempi dell’animazione giapponese
La guerra mondiale e il secondo dopoguerra
Programma Ofuji
Omaggio a Yoshiyuki Tomino

Uno dei maggiori esponenti dell’anime giapponese, Yoshiyuki Tomino (nato nel 1941) ha rivoluzionato la rappresentazione dei robot, integrando un pathos e una drammaticità prima assenti. La serie dei Mobile Suit Gundam resta la sua creazione più nota, giunta quest’anno al suo trentesimo anniversario.

• MOBILE SUIT GUNDAM I (Kido Senshi Gandamu I) di Yoshiyuki Tomino, Ryoji Fujiwara, Yoshikazu Yasuhiko – 1981 – 148 min
• MOBILE SUIT GUNDAM II: SOLDIERS OF SORROW (Kido Senshi Gandamu II: Ai senshihen) di Yoshiyuki Tomino, Yoshikazu Yasuhiko – 1981 – 139 min
• MOBILE SUIT GUNDAM III: ENCOUNTERS IN SPACE (Kido Sensi Gandamu III: Meguriai sorahen) di Yoshiyuki Tomino, Yoshikazu Yasuhiko – 1982 – 144 min
• THE IDEON: TO BE INVOKED (Densetsu kyojin ideo: cho ginga densetsu) di Yoshiyuki Tomino – 1982 – 98 min
• AURA BATTLER DUNBINE (Seisenshi dunbine) (serie tv, episodi 1&2) di Tomino Yoshiyuki – 1983

Omaggio a Isao Takahata

Isaho Takahata (classe 1935) è co-fondatore nel 1985, assieme a Hayao Miyazaki, dello studio Ghibli. Padre di alcuni tra i personaggi chiave dell’animazione giapponese (Heidi, Anna dai capelli rossi), è l’autore di veri capolavori della storia del cinema giapponese (Grave of Fireflies, Pom Poko). Con la sua sperimentazione narrativa, un uso innovativo del montaggio, e un’acuta capacità espressiva, Takahata è uno dei
registi che hanno traghettato l’arte dell’animazione verso la modernità.

• LITTLE NORSE PRINCE (Tiyo no oji: hols no daiboken) di Isao Takahata – 1968 – 82 min
• GRAVE OF THE FIREFLIES (Hotaruno Haka) di Isao Takahata – 1988 – 88 min
• POM POKO (Heisei tanuki gassen pompoko) di Isao Takahata –1994 – 119 min
• MY NEIGHBORS THE YAMADAS (Houhokekyo Tonari no Yamada-kun) di Isao Takahata – 1999 – 102 min
• AZUR ET ASMAR di Michel Ocelot – 2006 – 99 min

Focus su uno studio di produzione: GAINAX

Fondato nei primi Anni 80 da un gruppo di studenti universitari appassionati di anime e manga, lo studio indipendente Gainax è diventato in breve un punto di riferimento nella scena anime, entusiasmando pubblico e critica. L’alto livello delle loro animazioni si accompagna a una constante sperimentazione linguistica.

• DAICON III di Hiroyuki Yamaga – 1981 – 6 min
• WINGS OF HONNEAMISE (Oritsu uchugun oneamisu no tsubasa) di Hiroyuki Yamaga – 1987 – 121 min
• NADIA – SECRET OF BLUE WATER (Fushigi no umi no nadia) (serie tv, episodi 1&2) di Hideaki Anno, Shinji Higuchi – 1989
• OTAKU NO VIDEO di Takeshi Mori – 1991 – 50 min
• NEON GENESIS EVANGELION (Shin Seiki Evangelion) (serie tv, i 2 episodi iniziali e i 2 episodi finali) di Hideaki Anno – 1995
• FLCL (Furi kuri) di Kazuya Tsurumaki, Masahiko Otsuka – 1999 – 4 x 30 min
• EVANGELION: 1.0 YOU ARE (NOT) ALONE (Evangerion shin gekijoban: Jo) di Hideaki Anno – 2007 – 98 min
• TENGEN TOPPA GURREN LAGANN THE MOVIE: CRIMSON LOTUS CHAPTER di Hiroyuki Imaishi – 2008 – 100 min

Omaggio a Ichiro Itano

Uno dei migliori animatori della scena contemporanea, Ichiro Itano (°1959) è maestro nell’arte di unire l’animazione tradizionale e il moderno uso della Computer Graphic.
Sono passate alla storia le sue spettacolari scene di combattimenti in Macross, dove scie dei proiettili o missili disegnano un vortice di linee e forme nello spazio. Conta anche tra le sue creazioni una delle serie recenti più originali, Gantz.

• BLASSREITER (SPECIAL EDITION) (Burasuraita (special edition)) di Ichiro Itano – 2009 – 100 min
• GANTZ (SPECIAL EDITION) di Ichiro Itano – 2009 – 100 min

www.pardo.ch

www.mangaimpact.ch

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+