“Between the Days” by Matt Bollinger (2017)

Between the Days nasce all’interno dell’omonima personale che la Zürcher Gallery di New York ha dedicato al pittore, scultore e animatore statunitense Matt Bollinger (Kansas City, 1980) sul finire del 2017. I diciotto minuti della sua durata sono interamente dipinti a mano dall’artista, fotogramma per fotogramma. La tecnica di Bollinger mi pare piuttosto interessante perché ogni “scena” da’ vita a un’opera pittorica che nella sua stratificazione cela i fotogrammi dei quali si compone il film. Strati su strati di vernice acrilica e flashe catturati fotograficamente e poi montati in successione tra loro per illuderci del movimento e divenire cinema.
Between the Days ci immerge nella luce dell’America profonda, nella ciclicità di un quotidiano che pare ripetersi all’infinito, nel tramonto del sogno americano.

 

Between the Days
Matt Bollinger
hand painted, stop motion animation
17:59 | 2017
mattbollinger.com

 

Matt Bollinger, Before Work, 2017, flashe and acrylic on canvas, 27.5 x 36 inches / via Zürcher Gallery

 

Matt Bollinger, First Smoke, 2017, flashe and acrylic on canvas, 20 x 24 inches / via Zürcher Gallery

 

Matt Bollinger, The Descent, 2017, flashe and acrylic on canvas, 20 x 24 inches / via Zürcher Gallery

 

Matt Bollinger, Five, Forty-Five am (5:45 am), 2017, flashe and acrylic on canvas, 12 x 16 inches / via Zürcher Gallery



L'articolo che hai appena letto gratuitamente a noi è costato tempo e denaro. SOSTIENI RAPPORTO CONFIDENZIALE e diventa parte del progetto!





Condividi i tuoi pensieri

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.