Tag 'Joaquin Phoenix'

L’eloquenza del silenzio. Note critiche sul “Joker” di Todd Phillips

L’eloquenza del silenzio. Note critiche sul “Joker” di Todd Phillips

L’alta industriosità di Joker va riconosciuta con ogni riguardo. Prodotto di impeccabile funzionalità, tesoro di genialità capitalistica! Prova di incomparabile conoscenza dei mass media! Prodigiose intuizioni in materia di sadismo di massa, plusvalore, plusprodotto, analisi di mercato, distribuzione al minuto. Provocando interclassiste eccitazioni senza precedenti, e turbamenti innominabili, anche presso quella borghesia assatanata che sta riscoprendo la Crudeltà (già correntemente

Frammenti di un discorso amoroso. “Her” by Spike Jonze

Frammenti di un discorso amoroso. “Her” by Spike Jonze

È tutto così distante e ovattato nel film di Spike Jonze. L’alienazione degli individui, inghiottiti da una interconnessione tecnologica asfissiante e invisibile, deforma ogni sentimento, trasforma le emozioni. La comunicazione è un succedaneo della comunicazione, il sesso una (foto)copia funzionale del sesso, l’amore un clone dell’amore. La vita è uno stanco surrogato della vita. Forse – però – sarebbe meglio

Her > Spike Jonze

Her > Spike Jonze

Siderale (Her) «Parole, parole, parole, parole, parole soltanto parole, parole tra noi.» Mina, Parole parole (1972) – testo di Leo Chiosso e Giancarlo Del Re È tutto così distante e ovattato nel film di Spike Jonze. L’alienazione degli individui, inghiottiti da una interconnessione tecnologica asfissiante e invisibile, deforma ogni sentimento, trasforma le emozioni. La comunicazione è un succedaneo della comunicazione,

CriticsBlob # The Master by Paul Thomas Anderson

Paul Thomas Anderson è tornato. L’enfant prodige del cinema statunitense (è così azzardato un parallelismo con il coetaneo Harmony Korine?), assistente alla regia dell’intera ultima produzione di un Maestro come Robert Altman, esordì al lungometraggio a soli 26 anni con lo straordinario ed atipico noir Hard Eight (Sidney, 1996), ed infilò, in breve, la formidabile accoppiata Booghie Nights (1997) –

I’m Still Here > Casey Affleck

I’m Still here (Joaquin Phoenix – Io sono qui! Casey Affleck, USA/2010) Al contrario di Bob Dylan, Joaquin Phoenix è qui. E al contrario di Bob Dylan, Joaquin Phoenix è qui con una barba lunghissima, un caratteraccio poco gestibile e il sogno di diventare il nuovo astro nascente del rap statunitense. Questo naturalmente solo dopo aver abbandonato per sempre il

To Die For > Gus Van Sant

articolo pubblicato su Rapporto Confidenziale – numero13, marzo 2009 (pagg. 14-15). download. 10.5mb | 3.5 | ANTEPRIMA Trama Suzanne Stone sa esattamente cosa vuole nella sua vita, anche perché l’unica cosa che vuole nella sua vita è diventare una personalità televisiva. Nel perseguire il suo obiettivo, ciò che le manca in intelligenza verrà ampiamente compensato da furbizia e determinazione. Mentre