Napoli Piazza Municipio > Bruno Oliviero

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

napolipm

Napoli Piazza Municipio

(Italia-Francia/2008)

regia,sceneggiatura, fotografia: Bruno Oliviero; montaggio: Aurelie Ricard; suono: Marcello Sannino, Marcello Anselmo; musica: Riccardo Veno; formato: DCP/HD; durata: 55′.

Scambiando commenti alla conclusione della proiezione ho avuto l’impressione che la maggior parte della persone non abbia apprezzato granché il documentario, probabilmente questo è dovuto al fatto che il lavoro di Bruno Olivieri si mantiene ad una distanza d’osservazione da ciò che cerca di raccontare sempre piuttosto ampia, non si avvicina mai davvero con passione ai soggetti che di volta in volta passano davanti alla macchina da presa. La prova di quanto scrivo credo possa rintracciarsi all’interno dello stesso documentario, perché quando – nell’episodio del bar – la macchina da presa punta dei volti e li segue per qualche minuto l’intera operazione acquista maggior senso, le immagini sono più calde e gli esseri umani più vicini. Tutto il resto risulta forse troppo neutro e distaccato, arbitrario e casuale.

Personalmente questo modo di fare documentari mi piace, trovo interessante che la telecamera registri senza troppi fronzoli brandelli di realtà e soprattutto mi ha convinto la scelta di raccontare Napoli attraverso la chiave dell’unità di luogo. L’idea è semplice ed indovinata: la città cresciuta sotto il Vesuvio è talmente stratificata e ricca che tentare di raccontarla tutta non è che un gioco truccato. Piazza Municipio è luogo storico, come testimoniano i ritrovamenti archeologici quotidiani rinvenuti all’interno d’un cantiere pubblico della metropolitana, ma è soprattutto uno spazio vivo che ospita una moltitudine di attività ed umanità differenti. C’è il municipio con la gracchiante Rosa Russo Jervolino e l’immancabile manifestazione di disoccupati organizzati, ma la piazza è anche la porta alla città per coloro che da secoli giungono via mare, ma è anche spazio per eventi di intrattenimento collettivo, ma è anche uno spazio marginale che la notte si popola di traffici strani ed umanità che sembra fuori uscire dal cuore stesso del capoluogo campano.

Per Bruno Oliviero Piazza Municipio è un luogo delle contraddizioni, delle differenze che non si conciliano e della storia che carsicamente la percorre. (Alessio Galbiati)

L’articolo è pubblicato su: Rapporto Confidenziale. Speciale 61° Festival del Film di Locarno.
DOWNLOAD. ALTA 12.3 MB | BASSA 7.44 MB

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+