Stefano Odoardi | La pluie

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

La pluie - Odoardi

Non c’è due senza tre e non c’è quattro senza cinque, sei, sette, dieci. Angélique Cavallari interpreta quattro personaggi ne La pluie: Koltes, Alyssa, l’Attrice e la Folle. E come il Damba buddista, albero della vita ramificante anche i quattro fiumi sacri, le quattro direzioni del cuore, questi quattro ruoli, questo quattro, proliferano evocando altri caratteri (l’innamorata/o, l’altro/a, il doppio, la copia, la coppia) per cercare l’Uno. Quell’unità ri-rappresentata dalla stessa Angélique Cavallari, persona e personaggio, inizio e motore primo di ogni molteplice, che torna all’unità finale. Cioè iniziale. In un inarrestabile cortocircuito dell’io che svela il meccanismo di ogni messa in scena e lo estende ulteriormente a un gioco delle parti relativo non solamente allo spettacolo. Anche al proiettare/proiettarsi continuo nella e della realtà, dentro lo scambio tra io e l’altro, tra me/io che è sempre un altro. Nell’amore.

– Leonardo Persia. Vai alla recensione

 

 

LA PLUIE
Scritto e diretto da Stefano Odoardi • fotografia: Nathalie Alonso Casale • montaggio: Gianluca Stuard • suono e mix: Blaise Blanchier • costumi: Valentina Pasechnikova • art direction: Stefano Odoardi • musica: estratto da Le désespoir de Muriel di Georges Delerue • trucco: Virginie Berthelier • assistente alla regia: Alessandro Cartosio • post produzione: Strike Fp • interpreti: Angélique Cavallari • produzione: O Film • rapporto: 16:9 • formato: HD • paese: Francia, Italia • anno: 2014 • durata: 10′

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+