Rapporto Confidenziale – numero22 (feb 2010)

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

RAPPORTO CONFIDENZIALE
rivista digitale di cultura cinematografica
numero22 – febbraio 2010

 

SCARICA LA RIVISTA / DOWNLOAD PDF (16,9 Mb)

ANTEPRIMA

 

Editoriale/22
di Alessio Galbiati e Roberto Rippa

Le cifre di Rapporto Confidenziale cominciano a diventare piuttosto interessanti, circa tremila download del numero21 ed altri tremila degli arretrati nel corso dell’ultimo mese. Un’ascesa costante degli accessi al sito e dei feedback con i lettori, sia nell’ambito virtuale di internet che nel mondo reale. Proprio nel mondo reale stiamo iniziando a muoverci spediti, stiamo lavorando alla creazione di eventi e rassegne, stiamo sviluppando collaborazioni con alcuni festival. Tutto questo comporta un impegno di tempo, e denaro, esponenzialmente crescente.
Per questo necessitiamo del vostro contributo concretizzabile attraverso il sistema della donazione paypal presente sul sito.
A tal proposito vorremmo puntualizzare che a nostro avviso il sistema delle donazioni, sul modello del software libero, sarebbe il sistema ideale per mantenere gratuito l’intero progetto e, se riuscisse a diventare fonte certa di entrate, permetterebbe di realizzare un sogno che coltiviamo da tempo: pagare chi scrive. Un’idea rivoluzionaria nell’ambito della critica cinematografica!
Abbiamo anche reso disponibile sulla CINETECA il primo documentario prodotto da Rapporto Confidenziale: SCERBANENCO, MILANO, PINKETTS. Che ovviamente vi invitiamo a guardare in streaming gratuito nella sua durata integrale. Pure la produzione e realizzazione di documentari, pensati per il web ma non certo confinati al solo ambito telematico, è uno dei fronti nei quali ci siamo lanciati.
Ci sono poi un gran numero di altre cose, che però non abbiamo la minima intenzione di anticiparvi in questo editoriale, che vorrebbe prima di tutto essere un invito alla lettura del numero22 di RC. Più che un invito è una sfida, perché di contenuti ne abbiamo davvero parecchi nel numero di febbraio 2010, su tutti un saggio monografico di una certa consistenza dedicato al rapporto fra fiction e documentario nel cinema di Werner Herzog.
I più assidui lettori di RC noteranno l’ingresso di alcune nuove firme (Simone Buttazzi, Paul Bari, James Wallenstein, Enrico Saba, Iain Stott) che affiancano le “storiche” (Lanzarotti, Contin, Perri, Andreoli), oltre ovviamente ai sottoscritti, nella realizzazione di un prodotto editoriale a nostro avviso davvero interessante e godibile; ci piace pensare anche utile. Ma riuscirete a leggerlo tutto?

Levarsi i sampietrini dalle scarpe.
C’è stato un fatto avvenuto nel corso dell’ultimo mese che ci ha davvero colpiti e che vorremmo condividere, non tanto nelle considerazioni, che lasciamo al lettore, ma nella cronologia dei fatti.
Sul numero dello scorso mese abbiamo intervistato Federico Carra di kiwido, con il quale c’è stato un ottimo scambio sia umano che professionale, tant’è che ci ha domandato se durante la permanenza milanese di Antonio Rezza e Flavia Mastrella (due artisti con i quali Carra collabora da anni e che con kiwido hanno dato alla luce uno splendido dvd monografico, Ottimismo Democratico) non saremmo stati in grado di trovare uno spazio dove poter proiettare una selezione dei lavori presenti proprio in Ottimismo Democratico. Con quattordici giorni di tempo dall’arrivo della geniale coppia nella capitale immorale d’Italia abbiamo dapprima pensato di rivolgerci a Centri Sociali e spazi indipendenti, per poi percorrere la strada della proposta informale a luoghi istituzionali. Abbiamo così mandato una serie di mail che spaziavano dal centro sociale COX18 alla Triennale. In molti si sono fatti vivi proponendoci l’affitto del proprio spazio per l’evento, ma non disponendo di alcuna cifra abbiamo gentilmente declinato l’offerta. Finché non si è fatta viva la Cineteca Italiana, spazio Oberdan, nella persona del direttore dei programmi Enrico Nosei grazie al quale è stato possibile realizzare la serata di domenica 14 gennaio: due ore dedicate ad Antonio Rezza e Flavia Mastrella in cui sono stati proiettati sei cortometraggi e lo spassoso Il passato è il mio bastone. Almeno cento persone hanno riempito la sala, con un ingresso di tre euro, e costi praticamente nulli per l’istituzione meneghina (Rezza e Mastrella erano presenti, ovviamente in maniera gratuita, essendo in città con il loro ultimo spettacolo 7-14-21-28, fra l’altro in scena fino al 19 febbraio presso il teatro OutOff). Per la nostra piccola realtà sarebbe stato davvero fondamentale poter figurare come collaboratori di un evento del genere, ed a tal proposito avevamo ricevuto rassicurazioni da parte di Nosei. È capitato però che da parte della cineteca non è stato indicato in alcun modo, e da nessuna parte, il nostro contributo all’evento che, per quanto pure a noi sembri assurdo, non si sarebbe certamente realizzato nei tempi esegui dei quali si disponeva. La cosa poi ha preso una piega surreale essendo stati presenti in sala. Nell’introduzione Nosei ha detto qualcosa del tipo: «È sempre un piacere ospitare Antonio e Flavia che ogni volta che passano a Milano trovano nella nostra sala un luogo dove poter mostrare il loro cinema».
Chapeau!

Dovevamo proprio levarci questo sampietrino dalle scarpe, così da proseguire il cammino (o la corsa) più liberi.

Buona visione.

 

+  +  +

 

SOMMARIO
numero22 – febbraio 2010

 

• 04 • La copertina di Cesare Moncelli

• 05 • Editoriale di Alessio Galbiati e Roberto Rippa

• 06 • BREVI appunti sparsi di immagini in movimento di Alessio Galbiati e Roberto Rippa

• 07 • UNIVERSAL MONSTER. Il fantasma dell’opera, L’uomo invisibile, Frankenstein, Dracula, L’uomo lupo: I mostri della Universal e la creazione di un genere di Roberto Rippa
• 08 • Parte seconda: DRACULA di Roberto Rippa

• 11 • Nosferatu di Samuele Lanzarotti

• 12 • All’onorevole piacciono le donne di Paul Bari

• 14 • LINGUA DI CELLULOIDE. L’ULTIMO GIOCO SULLA TERRA cineparole di Ugo Perri

• 15 • Tarnation e la forma dei ricordi di Matteo Contin

• 18 • Herbert Achternbusch di Simone Buttazzi

• 22 • L’inferno di Henri-Georges Clouzot di Roberto Rippa

• 24 • HARDORE. Un mondo nascosto di James Wallenstein

• 26 • RCspeciale. Documentario e fiction nel cinema di Werner Herzog di Enrico Saba

• 38 • Gummo. L’uragano della provincia americana di Francesco Bertocco / DIGICULT-DIGIMAG

• 40 • Mister Lonely. L’armonia di Korine di Alessio Galbiati

• 44 • Le concert di Roberto Rippa

• 45 • Hollywood Ending di Stefano Andreoli

• 46 • Il giardino dei Finzi Contini di Paul Bari

• 47 • Louise-Michel di Roberto Rippa

• 48 • Il Futuro è Obsoleto [1992-2002]. L’antologia politica di canecapovolto di Alessio Galbiati
• 50 • Intro di malastrada.film

• 52 • THE ONE-LINE REVIEW. Guida concisa alle arti cinematografica e televisiva di Iain Stott

 

 

[issuu layout=http%3A%2F%2Fskin.issuu.com%2Fv%2Fsoftdark%2Flayout.xml showflipbtn=true autoflip=true autofliptime=6000 documentid=100217102558-8d8a85e5ec31463dbb9f50b0bf528a04 docname=rapporto_confidenziale-numero22-high.pdf username=rapportoconfidenziale loadinginfotext=Rapporto%20Confidenziale%20-%20n%C2%B022%20-%20feb.10 width=620 height=400 unit=px]

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+