Roma // Interiora 2017. VI Festival Horror Indipendente

VI Festival Horror Indipendente
INTERIORA
mostra ciò che hai dentro
Musica, Arti audiovisive, Performance, Letteratura, Cortometraggi e… 35 mm all’ex Mattatoio
dal 31 ottobre al 2 novembre 2017 – Spazio Factory al MACRO Testaccio
dal 31 ottobre al 4 novembre 2017 – Città dell’Altra Economia
interiorahorror.com

INTERIORA è il Festival Horror Indipendente italiano, progetto dell’Associazione Culturale IMPULSI Onlus, e nel 2017 festeggia la sua VI edizione. La manifestazione, organizzata in collaborazione col C.A.R.M.A. (Centro di Arti e Ricerche Multimediali Applicate), si propone come il più importante appuntamento italiano per l’horror indipendente.

INTERIORA estende lo sguardo alle varie possibilità comunicative, esprimendo tutte le declinazioni artistiche dedicate al tema dell’orrore: cinema, arti visive, musica, arti performative e letteratura, cinque sezioni aperte agli artisti tramite bando. Lo scopo principale del festival è dare visibilità e sostegno alle eccellenze della creatività horror, promuovendo opere che ne esplorino stile e contenuti, confrontandosi con i linguaggi attuali. INTERIORA mostra ciò che hai dentro nasce infatti per sondare le nuove tendenze artistiche del panorama internazionale ed individuarne i talenti. L’evento vuole essere un’occasione per stimolare la collaborazione tra i giovani artisti internazionali, proponendosi come momento d’incontro e di scambio per le produzioni indipendenti.

Il Festival lavora in un ambito di apprendimento non formale, dove i partecipanti sono collaboratori e corresponsabili dell’organizzazione. L’obiettivo è realizzare un contesto espressivo dove ciascuna delle persone coinvolte possa esprimere le proprie potenzialità creative e organizzative. Il risultato è un evento che ciascuno sente proprio, perchè caratterizzato dalla collaborazione.

 

 

L’edizione 2017 di INTERIORA è stata realizzata con il contributo della Regione Lazio e il sostegno dell’Assessorato Sport, Politiche Giovanili e Grandi Eventi del Comune di Roma e di Zètema, in due nuove location: il MACRO Spazio Factory e la Città dell’Altra Economia.

Alla storica sezione dedicata ai cortometraggi sarà affiancata dalla rassegna di film in 35 mm rari e introvabili del Michele De Angelis’ Horror Picture Show. Cinque giorni ricchi di emozioni e di suspense con pellicole rare ed introvabili, provenienti dalla collezione privata di Michele De Angelis, produttore e regista, e Simone Starace, creatori di Shockpoof, nuova distribuzione indipendente specializzata in cinema di culto. Ad alcuni capisaldi del genere si affiancano classici introvabili. Tutti in copie d’epoca italiane, rigorosamente in formato 35mm: un’occasione unica per riscoprire alcuni titoli cult nel formato originale in cui sono stati creati.

CORTOMETRAGGI. 15 sono i paesi che avranno modo di mostrare i loro lavori formando una rosa di 52 cortometraggi in concorso selezionati da Marta Montino. Mentre la serata conclusiva avrà modo di ospitare la proiezione del lungometraggio inglese “Cruel Summer”, diretto da Phillip Escott e Craig Newman. Un’allegria per gli occhi, si fa per dire…

ARTI AUDIOVISIVE. Arti Audiovisive Lino Strangis, direttore artistico della sezione Audiovisivi, dirigerà una performance intermediale da lui concepita, dal titolo “Stonertronic oracle”. La performance proposta da C.A.R.M.A. aprirà la mostra, curata da Veronica D’Auria, che mette insieme un gruppo di autori che rappresenta una espressione del meglio delle arti contemporanee in Italia oggi: dalla pittura alle installazioni multimediali. Alcuni di questi artisti portano avanti da anni una poetica già vicina alle esigenze di una manifestazione come INTERIORA mentre in altri casi abbiamo lavorato per far emergere aspetti inediti della ricerca di alcuni di essi che per l’occasione si sono confrontati con il mondo del perturbante e delle inquietudini di cui questo festival è una delle espressioni più variegate.

MUSICA. La selezione, realizzata da Jacopo Moser, attraversando i meandri più oscuri della musica attuale, animerà il palco con tutta la potenza dei live che contraddistinguono il Festival. Tra i musicisti segnaliamo il 31 ottobre, per la seconda volta sul palco di Interiora, La menade, band che mescola metal, elettronica e progr in un’esplosione di grazia e rabbia. Il giorno successivo gli Otehi, che presenteranno in anteprima il nuovo album “Garden of God”.
Performance introduce la Sezione, la sua direttrice Noema Pasquali: “questa edizione presenta un tributo alle arti performative estreme, che si chiuderà con un omaggio all’artista Jon John, recentemente scomparso, con la proiezione della sua ultima performance “Love on Me”.”
La mostra si arricchirà del contributo di Mariano Baino, rinomato regista e artista italiano radicato a New York, che per l’occasione creerà un ambiente mixed media “Ars infecta: the art of Dark Waters”, in cui esibirà nuove opere e artworks del suo celebre film cult Dark waters.
Baino proietterà inoltre il giorno di Halloween, in Anteprima europea, il cortometraggio Lady M 5.1, da lui diretto, con Coralina Cataldi-Tassoni nel ruolo principale di Lady Macbeth.
Letteratura Cut-up, casa editrice indipendente specializzata, presenterà le proposte selezionate in un volume dedicato e realizzerà la messa in scena dei brani da parte di attori durante la manifestazione.

VATICINIO – il tema della VI edizione
Il Vaticinio, rituale ancestrale praticato in tutto il mondo ed in tutte le epoche in molteplici forme nasce in relazione al bisogno atavico di conoscenza di fronte ad un futuro ignoto in un presente inquieto. La rivelazione giunge da un “oltre” mistico attraverso la ricerca di segni che indichino l’ “ordine” delle cose, una trama da seguire fino a scorgere il futuro, e mediante la connessione con energie invisibili che svelano, attraverso il “canto del poeta”, accadimenti futuri.
Il Vate, interprete e guida, celebra la cerimonia attraverso la lettura delle manifestazioni della natura mosse da forze primordiali (acqua, aria, fuoco e terra) e legate alle dinamiche (l’andamento, l’orientamento), interne ed esterne agli enti che abitano il mondo. L’accesso ad una dimensione misteriosa è un percorso contemplativo in cui ci si immerge nel “tutto” ricongiungendosi allo “spirituale” in un terreno sconosciuto.
Le paure primordiali conducono in questo viaggio nell’occulto dal carattere esoterico volto ad esorcizzare attraverso pratiche divinatorie e di stregoneria questi timori atavici. Gli interrogativi arcaici (da dove veniamo? chi siamo? dove stiamo andando?) e l’andamento degli accadimenti vitali rilevanti (relativi a salute, fecondità, prosperità) cercano risposta nell’analisi estatica dell’universo. La storia individuale e universale, l’origine e il termine, sono “scritti”, celati all’interno della natura nel micro come nel macro (dall’osservazione degli astri a quella delle viscere). Cruciale è quindi la posizione ma ancor di più il movimento che porta alla formazione: fenomeno di una dinamica “superiore” delle forze che influenzano lo svolgimento della vita. Dall’osservazione di questo è possibile carpire segreti circa il futuro.
Molte conoscenze in questo ambito sono divenute nel tempo scienze (come la meteorologia, la fisica e la medicina) e, arricchendosi di nuovi strumenti e tecniche, consentono oggi una maggiore affidabilità di previsione (perdendo in parte però la loro aura “magica”). Al contempo molti saperi, come l’osservazione della crescita delle piante e dei movimenti degli animali (in particolare degli uccelli ma in generale dei gruppi di animali), che rivela informazioni normalmente impercettibili ai sensi dell’uomo, permettono di accedere ad un’intelligenza collettiva interspecie.

 

Programma completo su interiorahorror.com

 



L'articolo che hai appena letto gratuitamente a noi è costato tempo e denaro. SOSTIENI RAPPORTO CONFIDENZIALE e diventa parte del progetto!





Condividi i tuoi pensieri

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.