Le avventure di Sordi ovvero Le anime morte: “Assolto per aver commesso il fatto”

Bistrattato dal Mereghetti (o dai suoi scagnozzi compilatori) senza esser stato visto, Assolto per aver commesso il fatto (1992) di e con Alberto Sordi (sceneggiato da Sonego) ribalta quel pregiudizio corrivo dei reazionari dagli occhi affogati nella cotenna: per i quali il decennio 1990-2000 sarebbe privo d’opere cinematografiche italiane di rilievo. Come Gogol’, attraverso la figura del nobiluccio Cicikov, ci consegna la deplorevole figura del Sordi(do) arrampicatore che compera anime di servi della gleba defunti, così il sommo esegeta della Sordi(dezza) italica ci sbatte in faccia la nostra sorte economica. L’ex funzionario della SIAE Garrone s’aggira in Rolls Royce (Cicikov in un carrozzino con le molle: tempora mutantur) per un’Italia già al tramonto. Truffatore, Garrone. Non a caso ex impiegato SIAE: sinonimo di debito (1 miliardo di euro agli aventi diritto) e d’occultamento di capitali a partire dai suoi dirigenti; vedasi Gino Paoli: 2 milioni di euro trafugati in nero alle feste dell’Unità – reato prescritto. S’aggira, Garrone, onde rilevare – senza soldi, ma con raggiri – emittenti radiofoniche, televisive, fabbriche sommerse di debiti. Compera i cadaveri della storia industriale italiana fino a compiere un’improbabile, grottesca scalata alle televisioni americane. L’allusione alla figura del noto parvenu di Arcore è tanto esplicita da non richiedere glosse. Con la differenza che l’alta statura di Sordi – non solo fisica, s’intende – in rapporto alla reale e ben nota statura dell’impresario-politico, finisce per spiccare, chiudendo la parabola con un lieto fine. Che non cancella affatto quanto s’è visto, così come ne La vita è meravigliosa di Capra l’happy end d’obbligo non ci fa scordare né il mefistofelico paralitico Potter, né l’atroce Pottersville: odierno ritratto sociale. La meravigliosa idea musicale di Piero Piccioni – inserita fra altre musichette dalla giubilosa, sincopata allegrezza da tardivi anni Ottanta sfibrati da sintetizzatori dai suoni fuxia, che inducono a invocare l’eutanasia – è un cupo Requiem che principia con l’inquadratura del cartello “Italia”. Conducendoci per mano, da un funerale reale o metaforico all’altro – fra goffe battute e quasi dilettantesche gags –, nel sempiterno regno della gaia amarezza. •

Dario Agazzi

 

 

ASSOLTO PER AVER COMMESSO IL FATTO
Regia: Alberto Sordi • Soggetto e sceneggiatura: Rodolfo Sonego, Alberto Sordi • Fotografia: Armando Nannuzzi • Montaggio: Tatiana Casini Morigi • Costumi: Paola Marchesin • Scene: Marco Dentici • Musiche: Piero Piccioni • Suono: Roberto Petrozzi • Produttori: Ferdinando e Flavia Villevieille Bideri • Interpreti: Alberto Sordi (Emilio Garrone), Angela Finocchiaro (Mariuccia), Enzo Monteduro (Enzo), Marco Predolin (Nex), Roberto Sbaratto (Serra), David Byrd (Shapiro), Lou Cutell (Hartman), Gianfranco Barra (il giudice), Franco Diogene (commendator Protti), Onofrio Pirrotta, Elsa De Giorgi (contessa Nicoletta), Enzo Muzzi Magni (conte Guglielminetti), Rosanna Muzzi Magni (contessa Guglielminetti), Francesca Reggiani (Ilaria, segretaria di Serra), Riccardo Parisio Perrotti (Donegani), Byron Chung (Kawabata), Flora Carosella (la portiera), Maria Grazia Di Corato (Rita), Barbara Joyce, Mauro Bosco (Bistolfi), Paul Fujimoto (Mishima), Sandra Collodel (telecronista TV), Monica Leoffredi (giornalista della Rai), Vittorio De Bisogno (padre Bernardini), Andrea Azzarita (un brigadiere), Bruno Vetti (direttore Hotel Bristol), Gill jr. Will, Susan Thee, Henry Harris, Luciano Turi (appuntato), Claudio Angelini, Guido Cerniglia, Roberto Corbiletto, Tiziana Kinkela, Mauro Leuce, Elio Marconato, Lorenzo Piani, Ciro Scalera, Bruno Scipioni • Produzione: Mito Film, RAI-Radiotelevisione Italiana (Rete 1) • Distribuzione: Filmauro • Paese: Italia • Anno: 1992 • Durata: 118′



L'articolo che hai appena letto gratuitamente a noi è costato tempo e denaro. SOSTIENI RAPPORTO CONFIDENZIALE e diventa parte del progetto!





Condividi i tuoi pensieri

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.