Tag 'Cina'

Tous surveillés – 7 milliards de suspects (La Società della Sorveglianza – 7 miliardi di sospetti) di Sylvain Louvet (2019)

Tous surveillés – 7 milliards de suspects (La Società della Sorveglianza – 7 miliardi di sospetti) di Sylvain Louvet (2019)

Che livello di sorveglianza può sopportare la nostra libertà? Questo profetico documentario realizzato nel 2019 dal giornalista e videomaker Sylvain Louvet, per Capa Presse, passa in rassegna l’ossessione securitaria per l’Intelligenza Artificiale Visiva. Dalla Francia, agli Stati Uniti e Israele enormi interessi privati e pubblici giocano con le nostre paure imponendo una società del controllo senza passare per la democrazia.

“Chine. Le monde d’après” (Fase 2 in Cina: il mondo di domani) di Sébastien Le Belzic (2020)

“Chine. Le monde d’après” (Fase 2 in Cina: il mondo di domani) di Sébastien Le Belzic (2020)

Sébastien Le Belzic, già autore di Diario della quarantena a Pechino per ARTE Reportage, ci porta nella fase 2 nella capitale cinese. Quella in cui i cinesi, un tempo commiserati e quindi accusati per il rischio pandemico legato al Coronavirus, osservano l’Europa alle prese con il lock-down, mentre per la prima volta escono a respirare l’aria primaverile, dopo due mesi

“Diario della quarantena a Pechino” di Sébastien Le Belzic (2020)

“Diario della quarantena a Pechino” di Sébastien Le Belzic (2020)

Sébastien Le Belzic, corrispondente a Pechino da 15 anni, ha realizzato l’unico reportage possibile nella capitale cinese: un reportage immobile, sulla città vuota e congelata, e sull’imponente apparato di sicurezza che costringe la popolazione a vivere in quarantena anche quando nella metropoli si registrano appena un centinaio di casi. I gendarmi del virus, che in tempi normali svolgono un ruolo

Behemoth > Zhao Liang

Behemoth > Zhao Liang

Behemoth per immagini Behemoth è un mostro. I mostri non hanno una forma propria, ma conferiscono sostanza alla miseria generata dall’umanità nel suo stendersi nel tempo e nello spazio. Il mostro è un’immagine metafisica che interpreta l’orrore del presente. Behemoth è un mostro biblico presente nel Libro di Giobbe: “Le sue ossa sono tubi di bronzo; le sue membra sbarre

Ye (The Night) > Hao Zhou

Ye (The Night) > Hao Zhou

// Black Movie Film Festival, Ginevra. Premio della giuria della critica Novello Narciso, Tuberose (il regista stesso) si prostituisce per un clientela maschile lungo una stretta scala di un imprecisato quartiere di un’imprecisata città cinese. Un commercio che dura il tempo di un rapporto orale a clienti senza volto in un gabinetto pubblico distante pochi metri. Quando nel suo spazio

A Touch of Sin > Jia Zhangke

Il torrente conquista il fiume Giallo La via cinese al capitalismo. La trasformazione del più grande regime marxista in un regime capitalista post-moderno avviene (è avvenuta, avverrà?) in modo indolore, solo qualche piccolo incidente di percorso, un tocco di repressione, qualche carro armato a macinare ossicine in piazza, alcune etnie insettiformi da debellare, è vero, ma vuoi mettere il profitto,

Han jia > Li Hongqi

articolo pubblicato su Rapporto Confidenziale numero28 (speciale 2010) p. 29 all’interno di RC:speciale 63° Festival del film Locarno 4-14 | 8 | 2010 Han jia Li Hongqi | Cina – 2010 – DCP – colore – 91′ È l’ultimo giorno delle vacanze invernali in una tranquilla cittadina del nord della Cina. Quattro adolescenti si incontrano per un futile motivo a

Locarno 63 – Pardo d’onore a Jia Zhang-ke

08.06.2010 Pardo d’onore a JIA Zhang-ke Il regista cinese JIA Zhang-ke sarà uno degli ospiti d’onore della prossima edizione del Festival del film Locarno dove riceverà un Pardo d’onore Swisscom. La cerimonia di consegna del premio avrà luogo giovedì 5 agosto alle 21.30 in Piazza Grande. JIA Zhang-ke è il secondo regista, insieme ad Alain Tanner, a ricevere quest’anno un

Tiananmen massacre / 3-4 June 1989

Tiananmen massacre / 3-4 June 1989

The protests of 1989 resulted in the massacre of Chinese protesters in the streets to the west of the square and adjacent areas. Eyewitness accounts of the events on the night of June 3 and the early morning of June 4, 1989 continue to emerge from former student leaders and intellectuals, broadening the scope of the original reporting of the

Cinema cinese indipendente e censura

articolo pubblicato su Rapporto Confidenziale numero18 (ottobre 2009), p.6. CINEMA CINESE INDIPENDENTE E CENSURA Nel corso di sei anni, il regista indipendente cinese Zhao Dayong ha trascorso diversi mesi tra gli abitanti di Zhiziluo, un villaggio povero e dimenticato sulle montagne che segnano il confine con il Myanmar. Usando un’attrezzatura semplice e finanziandosi da solo, li ha filmati per quello