Come mi vuoi > Carmine Amoroso

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

come mi vuoi

• articolo pubblicato su Rapporto Confidenziale numero20, dicembre 2007, p.12.

• sempre sul numero20: Conversazione con Carmine Amoroso; pp.7-11.

• qui invece una recensione di Cover Boy. L’ultima rivoluzione.

 

 

Come mi vuoi

Pasquale (Vincent Cassel) è un poliziotto che durante la settimana lavora a Roma e nel week-end torna nella provincia italiana per trovare la fidanzata Nellina (Monica Bellucci). Insieme sognato il matrimonio ed una vita rispettabile, frequentano un corso prematrimoniale diretto dalla saggia guida di Don Michele (Memè Perlini) e attendono che il tutto si compia. Durante una retata notturna alle Terme di Caracalla fra le prostitute fermate Pasquale riconosce Domenico (Enrico Lo Verso), un suo compagno di classe delle elementari che ora vende, col nome d’arte di Desideria, prestazioni sessuali al miglior offerente. Da questo momento, un po’ per solitudine, un po’ per curiosità, Pasquale prenderà a frequentare Desideria e ben presto i due diverranno amanti. Quando Desideria proporrà a Pasquale di seguirlo, decisa ormai a cambiare sesso ed a trasferirsi a Parigi, sarà un’ellissi a svelarci la conclusione della storia.
 

Carmine Amoroso è fra i registi più sottovalutati e talentuosi della scena italiana, nel suo esordio trasfigura in una sola volta tre attori di “peso” e fama: Cassel da macho tutto d’un pezzo ad uomo possibilista, Lo Verso (qui in una interpretazione antologica!) in uno splendido e sensuale travestito ed infine la Bellucci in una tristissima donna secolarizzata. L’abbondante Paolo Conte in colonna sonora è pura gioia ed inatteso dono di un film assolutamente da (ri)scoprire. Vanta pure la prima apparizione in 35mm del futuro Onorevole Vladimir Luxuria.
All’epoca il film venne ingiustamente strapazzato da una critica bacchettona ed antiquata (terribile il Mereghetti). Oggi è assolutamente introvabile, uscì in VHS solo a noleggio, in DVD men che meno, l’unica possibilità di vederlo sono videocassette clandestine d’annata di uno sparuto passaggio su Rete4 (in Francia uscì, in molte più copie, con il titolo stracultissimo di Embrasse-moi Pasqualino).
 

Così Enrico Lo Verso in una intervista per il CorSera del 21 gennaio 1996: «Che cosa ha provocato in me questa trasformazione? Il piacere di recitare, senza dimenticare mai che i percorsi della mente e del cuore possono, senza ipocrisia, essere misteriosi e complessi. Dovremmo leggere con più attenzione le cronache notturne dei nostri tempi, certe fragilità ed esperienze di tanti giovani, e cercare di capire non già la trasgressione e la morbosità, ma il bisogno d’amore e la paura della solitudine che in essa si nascondono».
 

(Alessio Galbiati)

 

* * *

Come mi vuoi (Embrasse-moi Pasqualino, Italia-Francia/1997)
Regia, soggetto, sceneggiatura: Carmine Amoroso; fotografia: Raffaele Mertes; montaggio: Carlo Pulera; musiche: Italo Greco; suono: Tommaso Quattrini; costumi: Olga Berluti, Raoul Settimelli; interpreti: Enrico Lo Verso (Domenico-Desideria), Vincent Cassel (Pasquale), Monica Bellucci (Nellina), Francesco Casale (Gioia), Urbano Barberini (Gaia), Memè Perlini (Don Michele), Vladimir Luxuria; produttori: Cédomir Kolar, Maurizio Tedesco; paese: Italia, Francia; anno: 1997; durata: 100’.

 

 

* * *

 

COME MI VUOI su YouTube

www.youtube.com/user/popoli60

 

 

 

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+